L'uomo che sussurrava agli emoji

| Un giovane irlandese, passa le sue giornate a interpretare le faccine che impazzano sugli smartphone di tutto il mondo. Obiettivo: dare una nuova frontiera al marketing

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Quando qualcuno chiede a Keith Broni che lavoro fai, a lui scappa da ridere. È l'unico al mondo, per ora, pagato per guardare e interpretare gli "emoji", abbreviazione di "emoticons", le faccine ormai entrate nel non-lessico di tutti i giorni. Quelle che si mandano attraverso i messaggi di testo per esprimere gioia, amore, disappunto o tristezza senza più bisogno di scrivere una parola. Il minimo storico nell'essenzialità dei sentimenti.

L'avventura di Keith nel mondo delle emoji inizia per caso lo scorso anno, quanto il giovane, nativo irlandese e con una laurea in "business psichology" nel cassetto conclusa proprio con una tesi sull'imperversare delle emoticons, risponde ad un annuncio di un'agenzia di traduzioni, alla ricerca di un esperto in emoji, ormai considerate veicoli fondamentali nel linguaggio del marketing.

Ma non finita qui: qualche tempo fa, Keith Broni ha organizzato "Emoji spelling bee", non soltanto un raduno per appassionati di faccine che piangono o ridono, ma una vera e propria campagna per elevare a linguaggio universale l'uso degli emoji, l'unica via per scavalcare differenze culturali e semantiche. Al momento, il giovane irlandese è al lavoro per codificare la prima guida mondiale al significato dei simboletti e alle infinite combinazioni possibili.

La faccina è tra noi

Nascono in Giappone alla fine degli anni Novanta dalla fantasia di Shigetaka Kurita, un geniaccio dell'informatica, che per primo sintetizza una galleria di 172 emoji. Verso la fine del decennio, il francese Nicolas Loufrani - oggi CEO della "Smiley Company" - arricchisce l'idea con le faccine animate, creando di seguito un dizionario ragionato sulle emoticon diviso in precise categorie. È solo nel 2000, dopo la registrazione del brevetto, che gli emoji arrivano sui cellulari. Il resto è storia di tutti i giorni.

Mondo
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale
Rissa al parlamento di Hong Kong
Rissa al parlamento di Hong Kong
Quattro deputati portati via in barella al temine di una scazzottata scatenata dagli emendamenti di una legge che facilita l’estradizione verso il resto della Cina
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
A 66 anni, Rama X è salito sull’altare per la quarta volta: la fortunata è una ex assistente di volo della Thay Airway. Il paese è in festa
Indonesia: strage di scrutatori
Indonesia: strage di scrutatori
Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"
Un speranza anche per Manuel
Un speranza anche per Manuel
Un clinico svizzero ha elaborato una tecnica per tentare si superare le lesioni midollari con la tecnica "Stimo". Alcuni pazienti hanno ripreso a camminare. Il caso del nuotatore azzurro sarà esaminato