L'uomo che sussurrava agli emoji

| Un giovane irlandese, passa le sue giornate a interpretare le faccine che impazzano sugli smartphone di tutto il mondo. Obiettivo: dare una nuova frontiera al marketing

+ Miei preferiti

Quando qualcuno chiede a Keith Broni che lavoro fai, a lui scappa da ridere. È l'unico al mondo, per ora, pagato per guardare e interpretare gli "emoji", abbreviazione di "emoticons", le faccine ormai entrate nel non-lessico di tutti i giorni. Quelle che si mandano attraverso i messaggi di testo per esprimere gioia, amore, disappunto o tristezza senza più bisogno di scrivere una parola. Il minimo storico nell'essenzialità dei sentimenti.

L'avventura di Keith nel mondo delle emoji inizia per caso lo scorso anno, quanto il giovane, nativo irlandese e con una laurea in "business psichology" nel cassetto conclusa proprio con una tesi sull'imperversare delle emoticons, risponde ad un annuncio di un'agenzia di traduzioni, alla ricerca di un esperto in emoji, ormai considerate veicoli fondamentali nel linguaggio del marketing.

Ma non finita qui: qualche tempo fa, Keith Broni ha organizzato "Emoji spelling bee", non soltanto un raduno per appassionati di faccine che piangono o ridono, ma una vera e propria campagna per elevare a linguaggio universale l'uso degli emoji, l'unica via per scavalcare differenze culturali e semantiche. Al momento, il giovane irlandese è al lavoro per codificare la prima guida mondiale al significato dei simboletti e alle infinite combinazioni possibili.

La faccina è tra noi

Nascono in Giappone alla fine degli anni Novanta dalla fantasia di Shigetaka Kurita, un geniaccio dell'informatica, che per primo sintetizza una galleria di 172 emoji. Verso la fine del decennio, il francese Nicolas Loufrani - oggi CEO della "Smiley Company" - arricchisce l'idea con le faccine animate, creando di seguito un dizionario ragionato sulle emoticon diviso in precise categorie. È solo nel 2000, dopo la registrazione del brevetto, che gli emoji arrivano sui cellulari. Il resto è storia di tutti i giorni.

Mondo
Messico: arrestato
uno dei figli di El Chapo
Messico: arrestato<br>uno dei figli di El Chapo
Ovidio Guzman Lopez coinvolto in un violento scontro a fuoco contro la Guardia Nazionale. Secondo la giustizia americana, insieme al fratello Joaquin avrebbe raccolto il testimone del padre nel controllo del cartello di Sinaloa
Centinaia di arresti per un sito pedopornografico
Centinaia di arresti per un sito pedopornografico
Un’inchiesta lunga e complessa che ha coinvolto le polizie di mezzo mondo, ha permesso di sgominare uno dei più forniti siti per pedofili che agiva sul dark web. Quasi 350 arresti in 38 paesi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Decapitata e gettata dal balcone
Decapitata e gettata dal balcone
Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Un milione di dollari ad un uomo che a 9 anni era stato violentato nel confessionale da padre Gerald Ridsdale, un sacerdote reo confesso di violenza sessuale su decine di bambini