"Sono io il capo della mafia cinese"

| Le intercettazioni di Zhang Nai Zong registrate dallo Sco della polizia. "Sono il capo Più importante in Europa". "Ci sono gli amici e i fratelli"."Prima non sapevo fare gli affari, ora sono cambiato..."

+ Miei preferiti

"Una cosa del genere non esiste proprio. Chi che ha il coraggio di litigare a tavola al matrimonio di mio figlio?”, Zhang Nai Zong,  il 2 febbraio del 2013, era piuttosto teso. Fervevano gli ultimi faraonici preparativi del matrimonio del figlio ed erede e lui rassicurava i “colonnelli” della fazioni rivali: “Tutto andrà per il verso giusto e nessuno si permetterà di litigare”, perchè lui era il "Capo dei capi" e “Mi devono il rispetto che merita un capomafia”. Lui si era imposto con la violenza e ormai il suo potere era consolidato e rispettato da tutti i gruppi criminali orientali di tutta Europa.

IL BLITZ DELLA POLIZIA

Blitz della Polizia contro la mafia cinese: centinaia di agenti stanno eseguendo in varie città italiane e di paesi Ue diverse ordinanze di custodia cautelare in carcere e una serie di provvedimenti nei confronti di soggetti appartenenti, secondo le indagini, ad un'organizzazione mafiosa che agiva in Italia e in vari paesi europei. L'inchiesta è coordinata dalla Dda di Firenze. Le misure sono scattate oltre che in Italia anche in Francia e Spagna, grazie alla collaborazione delle rispettive polizie. La lunga indagine condotta dalla Polizia avrebbe permesso di far luce sulle dinamiche della mafia cinese in Europa ma anche su ruoli e alleanze all'interno dell'organizzazione. Nel blitz che ha portato agli arresti di questa mattina sono stati impegnati gli uomini del Servizio centrale operativo (Sco), delle squadre mobili di Prato, Roma, Firenze, Milano, Padova e Pisa, dei reparti prevenzione crimine oltre a quelli dei reparti volo e cinofili. 



L'operazione "China Truck", coordinata dalla Procura distrettuale antimafia di Firenze, ha portato alla cattura di Zhang Nai Zong, 'l'uomo nero', il "capo dei capi", arrestato a Roma, in un elegante condominio di viale Marconi ma che che aveva la sua base a Prato, nel cuore della city cinese: 54 gli indagati; 33 destinatari della misura cautelare in carcere emessa dal Gip di Firenze Alessandro Moneti con l'accusa di 416 bis e altri reati, e 21 indagati a piede libero, di cui 10 sempre per associazione a delinquere di stampo mafioso e 11 per altri reati. A Prato 25 indagati, di cui 16 arrestati e 9 denunciati a piede libero mentre sono 8 a Roma (dove sono 10 gli indagati). A Milano e Padova sono state arrestate due persone mentre gli indagati a piede libero sono 7. Altre 4 persone si trovavano invece già in carcere per altri reati, sempre connessi al racket, e due i cinesi arrestati in Francia, dove ci sono anche altri due indagati entrambi soci in una delle società sotto il controllo diretto del boss. Due destinatari si trovano attualmente in Cina. Ma le loro ambizioni sono finite all'alba con l'esecuzione di 33 mandati di custodia in carcere cautelare a carico di capi e gregari del racket. 



Zhang Nai Zong era riuscito, nel volgere di una decina d'anni, a organizzare un segmento della mafia cinese in Italia prima riportando armonia tra le varie comunità in lotta tra loro a Prato al termine di una feroce guerra fra bande, con numerose vittime in Toscana - ma non solo - dal 2000 a oggi. Alcune esecuzioni venivano compiute utilizzando le arti marziali. Due cinesi furono trovati uccisi non distanti da Ventimiglia, massacrati in modo orribile, i corpi in un'area dell'autostrada A10.

Il boss si era inserito con le sue imprese nell'economia legale e a controllava un vasto raggio di attività criminali, usura, prostituzione, droga, estorsioni, racket. Arrestata anche la sua amante. Gli hanno trovato anche 30mila euro in contanti. Sequestrate otto aziende a Prato, Roma, Milano e in Francia e in Germania, oltre a immobili, veicoli e 61 conti correnti bancari. Il business principale del clan era nei trasporti, ma l'organizzazione gestiva bische, ristoranti, locali notturni e money transfer.

Video
Galleria fotografica
"Sono io il capo della mafia cinese" - immagine 1
"Sono io il capo della mafia cinese" - immagine 2
"Sono io il capo della mafia cinese" - immagine 3
Mondo
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
L’arcipelago ha lanciato un appello per il ritorno del turismo d’élite: oltre al paesaggio paradisiaco, dalla metà di aprile non si registra un nuovo caso di coronavirus
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Accusata di atti osceni e incitamento alla prostituzione, Sama el Masry è stata condannata a tre anni di reclusione e al pagamento di una pesante multa
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
Dedicato alla memoria di George Floyd, il pacchetto di riforma della polizia rischia di arenarsi al Senato dopo l’approvazione della Camera. Trump contrario
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
Per anni nell’ombra, capace di sparire per lunghi periodi, la sua immagine è sempre più presente, mentre quella del fratello si offusca, avvolta dal mistero
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Il Paese ha uno dei tassi alti di casi di Covid-19 dell’intero continente. E lotta con una recrudescenza delle violenze subito dopo l’isolamento del lockdown
Venti di guerra sull’Himalaya
Venti di guerra sull’Himalaya
Si alza la tensione fra India e Cina per il controllo di una zona di confine mai del tutto chiarita e accettata. La scorsa notte un’escalation avrebbe portato a 17 morti, ma si teme l’inizio di una grave crisi internazionale