Malesia: ragazzina inghiottita dalla giungla

| Di Nora, 15enne inglese in vacanza con la famiglia, si sono perse le tracce da giorni: esclusa la fuga volontaria, si teme il sequestro

+ Miei preferiti
Per i Quoirin, papà Sebastian, mamma Meabh e i loro tre fili, fra cui Nora, 15 anni, quella in Malesia era la vacanza dei sogni, organizzata in ogni dettaglio per tanto tempo. Ma per una tranquilla famiglia inglese di origini franco-irlandesi, si è trasformata nel peggiore degli incubi: alle 8 di mattina del 4 agosto scorso, mamma e papà entrano nella stanza di Nora, e la ragazzina non c’è più. La finestra è aperta sulla sconfinata giungla malese, e Nora è uscita senza neanche le ciabattine, con addosso soltanto il pigiama.

L’allarme mette in moto un’imponente macchina delle ricerche: nel giro di poche ore, il governo malese dispiega elicotteri, droni, squadre specializzate e 348 agenti che iniziano a setacciare il “Dusun”, il resort che ospitava la famiglia Quirin, allargando poi le ricerche alle aree circostanti. Al loro fianco sono stati schierati anche agenti di Scotland Yard, dell’Interpol e delle forze di polizia irlandesi. Le tracce sono poche: qualche impronta sul davanzale della finestra, altre dei piedi di Nora rimaste sulla terra poco distante.

A preoccupare sono le condizioni di Nora, mentalmente più piccola della sua età per una patologia che le rende difficile affrontare le cose di tutti i giorni: esattamente il motivo per cui la famiglia esclude la fuga volontaria. La polizia sta verificando la presenza in zona di persone accusate di pedofilia, perquisendo anche gli alloggi del personale del resort. Il capo della polizia ha dichiarato: “Siamo molto preoccupati per il benessere di Nora e non sappiamo per quanto tempo può sopravvivere nella giungla: al momento non abbiamo alcun indizio”.

Galleria fotografica
Malesia: ragazzina inghiottita dalla giungla - immagine 1
Malesia: ragazzina inghiottita dalla giungla - immagine 2
Malesia: ragazzina inghiottita dalla giungla - immagine 3
Malesia: ragazzina inghiottita dalla giungla - immagine 4
Mondo
Adolf Hitler eletto in Namibia
Adolf Hitler eletto in Namibia
Il nuovo consigliere di Ompundha, nella regione di Oshana, assicura di non avere alcuna intenzione di “soggiogare il suo Paese e il mondo intero”. A dargli il nome era stato il padre, “che non sapeva neanche chi fosse Hitler”
Giappone, più suicidi che vittime del Covid
Giappone, più suicidi che vittime del Covid
Il mese scorso si sono tolte la vita più persone di quante ne abbia uccise il virus. E le donne sono state le più colpite
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza