Malesia: ragazzina inghiottita dalla giungla

| Di Nora, 15enne inglese in vacanza con la famiglia, si sono perse le tracce da giorni: esclusa la fuga volontaria, si teme il sequestro

+ Miei preferiti
Per i Quoirin, papà Sebastian, mamma Meabh e i loro tre fili, fra cui Nora, 15 anni, quella in Malesia era la vacanza dei sogni, organizzata in ogni dettaglio per tanto tempo. Ma per una tranquilla famiglia inglese di origini franco-irlandesi, si è trasformata nel peggiore degli incubi: alle 8 di mattina del 4 agosto scorso, mamma e papà entrano nella stanza di Nora, e la ragazzina non c’è più. La finestra è aperta sulla sconfinata giungla malese, e Nora è uscita senza neanche le ciabattine, con addosso soltanto il pigiama.

L’allarme mette in moto un’imponente macchina delle ricerche: nel giro di poche ore, il governo malese dispiega elicotteri, droni, squadre specializzate e 348 agenti che iniziano a setacciare il “Dusun”, il resort che ospitava la famiglia Quirin, allargando poi le ricerche alle aree circostanti. Al loro fianco sono stati schierati anche agenti di Scotland Yard, dell’Interpol e delle forze di polizia irlandesi. Le tracce sono poche: qualche impronta sul davanzale della finestra, altre dei piedi di Nora rimaste sulla terra poco distante.

A preoccupare sono le condizioni di Nora, mentalmente più piccola della sua età per una patologia che le rende difficile affrontare le cose di tutti i giorni: esattamente il motivo per cui la famiglia esclude la fuga volontaria. La polizia sta verificando la presenza in zona di persone accusate di pedofilia, perquisendo anche gli alloggi del personale del resort. Il capo della polizia ha dichiarato: “Siamo molto preoccupati per il benessere di Nora e non sappiamo per quanto tempo può sopravvivere nella giungla: al momento non abbiamo alcun indizio”.

Galleria fotografica
Malesia: ragazzina inghiottita dalla giungla - immagine 1
Malesia: ragazzina inghiottita dalla giungla - immagine 2
Malesia: ragazzina inghiottita dalla giungla - immagine 3
Malesia: ragazzina inghiottita dalla giungla - immagine 4
Mondo
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità
Coronavirus, entrano in azione i robot
Coronavirus, entrano in azione i robot
In una città della Cina centrale le autorità sanitarie hanno avviato una fase di test per la decontaminazione di aree a rischio attraverso i minirobot
Xi Jinping sotto accusa
Xi Jinping sotto accusa
Sapeva del virus e ha taciuto o è stato male informato dai funzionari locali? In entrambi i casi, il presidente cinese si trova in una situazione molto scomoda per la propria immagine
India, ragazze costrette a provare di non avere il ciclo
India, ragazze costrette a provare di non avere il ciclo
Una settantina di allieve di un istituto femminile nel Gujarat costrette dalle insegnanti a spogliarsi per verificare se fossero o meno nei giorni del ciclo mestruale
Cina: centinaia di medici infettati
Cina: centinaia di medici infettati
Il personale medico è fra il più colpito dal coronavirus, ma le autorità cinesi non confermano. Drammatico l’allarme lanciato da infermieri in quarantena: ci insegnano come fare le tute protettive con i sacchi della spazzatura
Australia, la ground zero del disastro ambientale
Australia, la ground zero del disastro ambientale
Un Paese devastato, che deve alzare il livello di allarme dell’intero pianeta, perché secondo gli esperti questo è solo un anticipo di quello che potremmo attenderci
Il coronavirus si trasmette attraverso le superfici
Il coronavirus si trasmette attraverso le superfici
È il risultato di uno studio realizzato da quattro scienziati tedeschi: resisterebbe fino a 9 giorni su vetro, metallo e plastica
Il coronavirus sta rallentando l’economia mondiale
Il coronavirus sta rallentando l’economia mondiale
Gli economisti temono che se non viene fermato, il virus assesterà un duro colpo al PIL mondiale, già duramente provato dalla crisi iniziata nel 2008 e mai finita
Corea del Nord, dove il virus non arriva
Corea del Nord, dove il virus non arriva
Tutti i Paesi vicini alla Cina registrano casi, tranne il regime di Pyongyang, dove secondo l’informazione ufficiale i controlli funzionano e la prevenzione è efficientissima
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba
Il corpo di una donna canadese di 52 anni è stato ritrovato in una valigia gettata in una discarica. La polizia ha arrestato il fidanzato, un musicista cubano molto più giovane di lei