Manager Huawei fa causa al Canada

| Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran

+ Miei preferiti
Le autorità americane hanno chiesto l'estradizione di Meng Wanzhou, figlia del fondatore di Huawey, cittadina cinese, ma ora la Cina si "oppone con forza" a questa misura e sabato ha presentato una protesta formale al Canada definendo la vicenda "un grave incidente politico". Da parte sua, Meng ha citato in giudizio il governo canadese, l'agenzia di frontiera e la polizia per "gravi violazioni" dei suoi diritti civili, in relazione al suo arresto all'aeroporto di Vancouver l'anno scorso su richiesta degli Stati Uniti. La manager e figlia del fondatore del gruppo era stata arrestata a dicembre con l'accusa di avere eluso le sanzioni americane contro l'Iran. Lo riporta la BBC online.

In precedenza, il Ministero della giustizia del Canada ha ufficialmente iniziato il processo di estradizione. La data di comparizione per l'estradizione di Meng Wanzhou è fissata per il 6 marzo. Scrive il sito on line Sputnick: "Secondo lo studio legale Gudmundseth Mickelson LLP, che rappresenta la Wanzhou, l'avviso di presentazione di querela è stato inoltrato alla corte suprema della British Columbia il primo marzo. Nella querela si afferma che il personale CBSA, facendo un apparente controllo di routine, ha illegalmente ispezionato la Wanzhou traendola in arresto, dopo una perquisizione e interrogatorio per ottenere la testimonianza prima che fosse assicurato l'adempimento dei suoi diritti". Con la dichiarazione si richiede anche il pagamento di indennizzi per "abuso d'ufficio e negligenza".

Stati Uniti e Australia avevano accusato Huawei di spionaggio e della raccolta di dati segreti con l'aiuto dei suoi dispositivi utilizzati in diversi paesi del mondo. La Wanzhou, su richiesta delle autorità degli Stati Uniti, deve appunto rispondere di violazione delle sanzioni commerciali statunitensi contro l'Iran. A gennaio, il procuratore generale degli Stati Uniti Matthew Whitaker ha precisato che Huawei e Meng Wenzhou dovranno rispondere di 23 capi d'accusa.

Mondo
Sudafrica, la seconda vita del «Dottor Morte»
Sudafrica, la seconda vita del «Dottor Morte»
Accusato di pratiche inumane durante l’Apartheid e condannato, Wouter Basson è stato rintracciato presso un gruppo ospedaliero sudafricano dove lavora tranquillamente da anni
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
L’attrice e modella Zheng Shuang, è stata accusata dall’ex compagno Zhang Heng di averlo abbandonato negli Stati Uniti con i due figli nati da madri surrogate. E in Cina è esplosa la polemica
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Il caso Cho Jae-beom è forse solo la punta dell’iceberg dell’ambiente sportivo sudcoreano. Ad accusarlo di stupro diverse atlete, fra cui la campionessa di pattinaggio di velocità su pista Shim Suk-hee
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi