Manchester, reunion contro il terrorismo

| Familiari e sopravvissuti degli attentati islamici di tutto il mondo si ritrovano a Manchester per ricordare l'attentato al concerto di Ariana grande un anno. Lettera aperta: "Il terrorismo vince se non siamo uniti".

+ Miei preferiti
Sopravvissuti e familiari in lotta per l'unità contro l'estremismo un anno dopo l'attentarto di Manchester. Decine di persone sopravvissute agli attentati terroristici e i loro parenti si sono ritrovati per esortare l'opinione pubblica a svolgere un ruolo attivo nella lotta contro il terrorismo e per incoraggiare le imprese dei social media a prendere provvedimenti contro coloro che utilizzano la tecnologia per fomentare l'odio. Hanno firmato una lettera aperta, pubblicata sull'Observer di domenica, in occasione del primo anniversario dell'attentato di martedì alla Manchester Arena, che sarà anche il quinto anniversario dell'assassinio del sodato  Lee Rigby. Tra i sopravvissuti al terrorismo i superstiti dell'attentato al concerto di Ariana Grande a Manchester, nonché dagli attentati perpetrati a Londra, al Bataclan di Parigi, all'aeroporto e alla metropolitana di Bruxelles, in Tunisia e a Bali e dall'IRA. Uniti nel ritenere che qualsiasi reazione al terrorismo non debba essere usata per creare un cuneo tra le persone. "I terroristi vinceranno solo se ci faremo intimidire", ha detto Dan Hett, il cui fratello Martire è morto nell'attacco di Manchester. "Commettono atrocità, diffondendo paura e rabbia, nella speranza di mettere le nostre comunità l'una contro l'altra. Ecco perché chiediamo alla gente di unirsi alla lotta contro il terrore, facendo tutti la nostra parte. Cosa più importante, chiediamo alla gente di combattere l'odio che porta al terrore - non importa da dove viene o a chi è diretto. Se faremo tutti la nostra parte, sconfiggeremo il terrore".
 
Mondo
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Voci e notizie danno il leader nordcoreano ancora ricoverato e nelle mani di un team medico cinese, mentre il suo treno privato è stato avvistato in una località di villeggiatura