March for Our Lives: troppo giovani per morire

| L’America che dice basta alle stragi è scesa in piazza: manifestazioni in 800 città e milioni di adolescenti in marcia per chiedere una stretta sulle armi: “Il futuro siamo noi”

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Neanche un adulto sul palco, a parlare alla folla. Non ne hanno bisogno i milioni di giovani americani che sono scesi in piazza per chiedere di non essere ammazzati. Di coetanei ne hanno sepolti fin troppi, poi è arrivata la goccia che fa dire basta, è ora di cambiare: la strage al liceo di Parkland, in Florida. Altre diciassette persone da piangere, morte senza nessuna colpa se non quella di essere andate a scuola quella mattina, per insegnare o imparare. “Quel giorno, la vita di 3.300 persone è cambiata per sempre: il mattino dopo, nel parco della scuola, abbiamo pianto i nostri compagni, gli insegnanti e gli allenatori - ha raccontato alla “BBC” una ragazza, sopravvissuta per un niente alla strage - nessun bambino dovrebbe vivere quello che abbiamo vissuto noi: affrontare un trauma simile, nel luogo in cui dovresti sentirti più protetto e sicuro, è devastante. Scendiamo in piazza perché tutto questo cambi”.

Sono stati proprio i “Parkland’s survivors”, i sopravvissuti di Parkland, a volere la “March for Our Lives”, la marcia per la nostra vita: con l’orrore stampato negli occhi hanno deciso di stringere d’assedio chi decide, i politici di Washington, e chi sulle armi ci specula, la “NRA”, la potentissima lobby che versa fiumi ad ogni campagna presidenziale per assicurarsi l’intoccabilità.

Una discesa in massa che difficilmente Trump e il Congresso potranno ignorare, con migliaia di giovani in viaggio da giorni verso Washington perché ancora una volta, finito il cordoglio e qualche minimo aggiustamento che non toglie il problema, sulle armi è tornato un silenzio che probabilmente sarà interrotto solo alla prossima strage.

Ma è la storia stessa ad insegnarlo: i giovani possono cambiare le cose, sgretolare il sistema, pretendere quello che gli adulti si limitano a discutere senza mai arrivare a nulla. Tanto quella è gente che ha avuto la fortuna di diventare grande, ricorda uno dei manifestanti, cosa che non a tutti i giovani americani oggi è garantita.

Accanto ai ragazzi si sono schierati i nomi che contano, quelli che le battaglie le fanno davvero e non cercano visibilità: Oprah Winfrey, Justin Bieber, Steven Spielberg, Paul McCartney, Barak Obama, George Clooney e sua moglie Amal, che al comitato “March for Our Lives” hanno donato mezzo milione di dollari, accompagnati dalle parole di Clooney: “Mi avete reso nuovamente orgoglioso di questo paese. Siamo al 100% con voi, e insieme a voi marceremo: ma questa è la vostra marcia, il vostro momento”.

Una preparazione meticolosa che non ha voluto in alcun modo sfidare le forze dell’ordine: vietati zaini e aste delle bandiere, usare carta per scrivere i cartelli e tubi di cartone per tenerli su. Accanto ai ragazzi che chiedono lo stop alle armi anche alcuni comitati femministi, per ricordare a chi conta che c’è da risolvere anche la violenza quotidiana e gli stupri che ogni giorno si consumano sulle strade d’America.

Galleria fotografica
March for Our Lives: troppo giovani per morire - immagine 1
March for Our Lives: troppo giovani per morire - immagine 2
March for Our Lives: troppo giovani per morire - immagine 3
March for Our Lives: troppo giovani per morire - immagine 4
March for Our Lives: troppo giovani per morire - immagine 5
March for Our Lives: troppo giovani per morire - immagine 6
March for Our Lives: troppo giovani per morire - immagine 7
March for Our Lives: troppo giovani per morire - immagine 8
March for Our Lives: troppo giovani per morire - immagine 9
Mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo