Marcinelle, la strage dei minatori italiani

| L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta

+ Miei preferiti
Ha vissuto per decenni con l'ombra terribile di avere avuto una parte di colpa nella tragedia della miniera di Marcinelle. Antonio Iannetta, ex minatore di Marcinelle, aveva cercato invano di farsi dimenticare e si era trasferito in Canada, acquisendone poi la cittadinanza. Al suo nome è legata la più grave tragedia del lavoro e dell'emigrazione del Dopoguerra. L'8 agosto 1956, 62 anni fa, morirono nella miniera di carbone di Marcinelle, in Belgio, 260 minatori, di cui 136 italiani. Iannetta era uno degli addetti alle manovre di carico dei vari livelli delle gallerie. Non conosceva bene il francese; al livello 975m, una volta caricato l'ultimo carrello,  diede il via alla "rimonta". Ci fu un problema di comunicazione con la centrale, poiché in un altro livello le operazioni non erano state ancora completate. La piattaforma prese a salire ma il sistema si bloccò. Restarono sporgenti i contenitori, l'ascensore partì urtando un tubo pieno d'olio, nacque un incendio; una spessa coltre di fumo trasformò i cunicoli in camere della morte. Nel 1968 Iannetta venne individuato da una troupe di un tv francese che stava ricostruendo la tragedia di Marcinelle. Confermò quanto era stato accertato nell'inchiesta (ci fu una sola condanna, in appello, sei mesi di carcere per il direttore Adolphe Cocinis, lui fu assolto) e alla fine del colloquio scoppiò in un pianto dirotto, rievocando la morte di tanti suoi compagni. Oggi i familiari superstiti dei lavoratori deceduti in quella miniera fondata nel 1830, scavata anno dopo anno sino ad arrivare ad oltre 1000 metri di profondità, sono ancora saldamente uniti nella memoria dei congiunti. Nel 1967 la miniera fu chiusa perché non rendeva più anche se era tutt'altro che esaurita. Oggi le Bois du Cazier è un monumento nazionale. Il governo De Gasperi aveva concordato l'invio di 50 mila lavoratori in cambio di fornitore di carbone. Promettevano case, salari alti, scuole per i figli, premi di natalità ma gli italiani furono accolti in quartieri dormitorio, in un clima di aperto razzismo. Si moriva di silicosi, non solo di incidenti in miniera dove trovarono la morte, senza clamore perché frutto di episodi isolati, migliaia di persone il cui sacrificio fu presto dimenticato. 
Lutto nazionale e l'intervento dei governo 
In Italia i funerali delle vittime di Marcinelle furono seguiti in un clima di vero lutto nazionale; il governo chiese alle autorità belghe di migliorare le condizioni dei nostri lavoratori. Qualcosa fu fatto. Ma la ferita di Marcinelle non si è mai completamente rimarginata. I minatori italiani venivano spediti nei cunicoli senza corsi di formazione, senza protezioni per le polveri, in ambienti privi di qualsiasi misura di sicurezza, tanto che le strutture di protezione nel Cazier du Bois erano di legno, perciò infiammabili e prima causa del terribile disastro. Dei 136 morti, 40 provenivano dall'Abruzzo, ventidue dal solo comune di Manoppello in provincia di Pescara. L'elenco delle vittime rappresenta una fotografia dell'emigrazione italiana. C'erano veneti, liguri, campani, siciliani, lombardi, quasi ogni regione fu coinvolta nella immane tragedia che ebbe, forse unica conseguenza positiva, la presa di coscienza dei belgi che scoprirono in quali misere condizioni erano costretti a vivere i lavoratori stranieri. Oggi i figli delle vittime di allora - molti sono rimasti in Belgio - ricordano sommessamente ai politici italiani di oggi, come "l'Italia abbia sbrigativamente  rimosso dalla sua memoria che fu un Paese di migranti". Le vedove ricevettero un risarcimento di 500 mila lire, i figli di un 1 milione. Cifre irrisorie anche negli Anni ‘50. Non fu l'incendio a sterminare uomini e animali ma il fumo che i ventilatori avevano spinto il fumo anche nei cunicoli più profondi. I minatori cercarono di salvarsi scendendo sempre più in basso ma nonostante l'eroismo delle squadre di soccorso non ci furono superstiti. Furono trovati biglietti di addio, con loro morirono anche decine di cavallini, impiegati per trasportare i pesanti vagoni carichi di carbone. Ogni anno in Belgio si celebra la memoria di Marcinelle. In Italia se ne parla poco. Da sempre.  

 
Italia
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Dotata di brevetto di salvamento Bls-d, con tanto di uso del defribillatore, una giovane marchigiana ha raccontato la sua storia: nessuno crede che una ragazza carina possa fare la bagnina
Quando scappa la pipì…
Quando scappa la pipì…
Per la Corte di Cassazione è lecito fermarsi sulla corsia di emergenza quando la situazione idraulica è al limite dell’umana sopportazione. Una pronuncia che arriva a margine di una sentenza
La ricetta italiana verso il declino
La ricetta italiana verso il declino
La crescita zero dell’economia italiana è il forte segnale di un grave problema che dovrebbe essere affrontato radicalmente. Ma tra slogan e contrattacchi populisti verso chi solleva dubbi, manca una chiara strategia
Il caso degli sponsor
della Casaleggio Associati
Il caso degli sponsor<br>della Casaleggio Associati
Per due eventi dedicati all’e-commerce, la ditta di Davide Casaleggio ha fatto incetta di sponsor, conquistando anche aziende che mettono in imbarazzo il governo
Spray in discoteca nel pavese
Spray in discoteca nel pavese
Ennesima bravata, per fortuna senza conseguenze, in un locale affollato di giovani
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Segnalato nei pressi delle piste dello scalo milanese, ha costretto a dirottare su altri aeroporti 4 voli in arrivo
Sardegna, maxi evasione su supercar
Sardegna, maxi evasione su supercar
Il traffico scoperto dalla Guardia di Finanza, al titolare sono contestati ricavi non dichiarati per diversi milioni di euro
Nei guai l’allenatore dei Vip
Nei guai l’allenatore dei Vip
Davide Gariboldi, personal trainer di diverse celebrità, accusato di traffico di sostanze illecite
La UE pronta a pagare metà della Tav
La UE pronta a pagare metà della Tav
L’annuncio dell’assessore regionale Balocco dopo un incontro con la responsabile europea del Corridoio Mediterraneo, accolta con entusiasmo da Salvini e meno da Conte e Di Maio, ancora convinti di dover coinvolgere i francesi
L’Italia si è fermata
L’Italia si è fermata
Lo spiega un dettagliato report del Centro Studi di Confindustria, che per l’anno in corso stima a zero il Pil. Il rischio dell’Iva e dell’aumento del debito pubblico