Messico: arrestato
uno dei figli di El Chapo

| Ovidio Guzman Lopez coinvolto in un violento scontro a fuoco contro la Guardia Nazionale. Secondo la giustizia americana, insieme al fratello Joaquin avrebbe raccolto il testimone del padre nel controllo del cartello di Sinaloa

+ Miei preferiti
Buon sangue non mente: al termine di un lungo e violento scontro a fuoco avvenuto nel centro di Culiacán contro i membri del cartello di Sinaloa, le forze di sicurezza messicane hanno arrestato Ovidio Guzman Lopez, 28 anni, uno dei figli di “El Chapo”, il signore della droga che dallo scorso luglio è rinchiuso in un carcere di massima sicurezza negli Stati Uniti dove deve scontare l’ergastolo.

Per diverse ore, alcune zone di Culiacán, 75mila abitanti, si sono trasformate in uno scenario di guerra, per quella che il Segretario di Stato messicano per la sicurezza Cristoban Castanillo ha definito “un’operazione coordinata a livello federale”. 

Secondo alcuni testimoni, la violenza dello scontro ha costretto la Guardia Nazionale a schierare veicoli corazzati, ingaggiando uno scontro a fuoco che ha costretto molti residenti a fuggire o restare chiusi all’interno delle proprie abitazioni.

Secondo quanto riportano i media messicani, le forze dell’ordine stavano effettuando operazioni di controllo di routine quando sono stati attaccate con colpi d’arma da fuoco provenienti da un appartamento.

Ovidio Guzman Lopez, figlio di El Chapo e della seconda moglie, Griselda Lopez: si ritiene che abbia un ruolo importante nel cartello di Sinaloa. Lo scorso febbraio, insieme a suo fratello Joaquin, 34 anni, Ovidio è stato accusato di cospirazione dal Dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti. Secondo i procuratori, fra l’aprile del 2008 a lo stesso mese del 2018, i due hanno trasportato nel territorio americano enormi quantitativi di cocaina, marijuana e metamfetamina.

Articoli correlati
Mondo
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Cinque dipendenti di un colosso farmaceutico che vendevano test in aeroporto, per mesi avrebbero pulito e riconfezionato tamponi nasali e antigenici
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Agiva sul Darkweb e poteva contare su oltre 400mila iscritti in tutto il mondo. Da 3 anni era tenuta sotto controllo dalla polizia tedesca
Il megaconcerto di Wuhan
Il megaconcerto di Wuhan
La città da cui si è diffuso il virus ha ospitato una due giorni di musica che ha attirato 11mila persone, tutte senza mascherine distanziamento
Maradona: il rapporto della commissione medica
Maradona: il rapporto della commissione medica
Gravi carenze nell’assistenza, leggerezza di fronte ai sintomi dell’aggravamento. Le analisi hanno accertato che il grande campione è morto dopo 12 ore di agonia
Russia: Navalnj appare in video
Russia: Navalnj appare in video
Un breve collegamento video in cui è apparso scheletrico, ma ancora combattivo: dopo aver salutato la moglie ha attaccato ancora una volta Putin
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
I forni crematori traboccano, e non c’è neanche il tempo di costruire nuove pire. Mentre arrivano i primi aiuti internazionali, il paese è ginocchio, travolto dal virus che sta colpendo le fasce più giovani della popolazione