#MeToo: l'hashtag del momento nato dalla brutta storia di una bimba

| Rilanciato da un'attrice e ormai condiviso da milioni di donne in tutto il mondo, è stato creato da un'attivista che da anni si batte per aiutare le donne "sopravvissute" al destino

+ Miei preferiti

Comincia a diventare difficile, senza un archivio organizzato in modo serio, tenere a mente l'elenco delle donne vittime di Harvey Weinstein: le cifre aumentano di ora in ora. Fino a questo momento i calcoli ne danno per certe una quarantina, ma in oltre trent'anni di onorata maialaggine, è quasi matematico che Harvey abbia messo occhi e mani su qualche centinaio di donne, equamente divise fra attrici, aspiranti, segretarie, impiegate e semplici sfortunate, finite al momento giusto nella doccia sbagliata. Alla fine, chissà fra quanto tempo, potrebbe delinearsi addirittura la prima class action sessuale nella storia dell'umanità. Non sarebbe male.

Ma all'orizzonte, per quanto minuscola e quasi impercettibile, una briciola di speranza sembra apparire. Le coraggiose denunce di donne che hanno incastrato il produttore americano, hanno dato la forza a tante altre di raccontare le proprie esperienze, tenute strette per anni come un peso indelebile della memoria. Epicentro di tutto è l'hashtag del momento: #MeeToo, letteralmente, "Io anche".

A riproporlo Alyssa Milano, splendida attrice americana a cui è bastato un post su Facebook e uno su Twitter, per convincere sei milioni di persone a raccontare le proprie esperienze.

In realtà, la campagna "MeToo" esiste da più di un decennio, quando ancora gli hashtag non esistevano: a lanciarla, nel 2007, Tarana Burke, attivista e fondatrice di "Just Be Inc.", un'organizzazione che si occupa di assistere le donne vittime di violenze e abusi sessuali. Da lei stesso definito uno spazio dedicato al "dialogo fra sopravvissute", l'idea di Me Too nasce un giorno del 1996, quando Tarana lavorava in un campeggio: una degli ospiti, una bambina, la avvicina e inizia a raccontarle le mostruosità a cui la costringeva il patrigno da tempo. E più la storia della ragazzina andava avanti, più Tarana avvertiva un senso di impotenza, mescolato alla brutta sensazione di non riuscire a trovare le parole adatte per consolarla, neanche ripeterle "Me too", è successo anche a me.

Il movimento di Tarana nasce esattamente quella sera, con l'idea di aiutare le donne, tantissime, sopravvissute ad abusi ma ugualmente segnate a vita da esperienze che tolgono la pace. Poi sulle cronache mondiali esplode la storia brutta di di Weinstein, e Alyssa Milano ridà fiato ad un hashtag a cui gente normale e stelle come Lady Gaga e Rosario Dawson hanno messo la propria foto sotto al grido di protesta delle troppe donne vittime di uomini sbagliati: Me too, è successo anche a me.

Mondo
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Il “naso ebreo”, una diceria che si trascina da secoli, è entrata nel linguaggio dei segni di un dizionario online diffuso in Belgio, ma la comunità ebrea ha chiesto di rimuoverlo
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
A Vektor, in Siberia, un incendio sarebbe scoppiato in un’ala di uno dei soli due centri di ricerca dove si custodiscono i virus più letali della storia
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Un uomo neozelandese è accusato di stregoneria: insieme alla moglie, durante un rituale esoterico avrebbe ucciso la famiglia della figlia
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino
Australia: due fantine morte in due giorni
Australia: due fantine morte in due giorni
Melanie Tyndall travolta in gara dal cavallo di un avversario: due giorni prima Mikaela Claridge è stata disarcionata e non si è più rialzata
La battaglia di Saba Kord Afshari
La battaglia di Saba Kord Afshari
La giovane attivista iraniana condannata a 25 anni di carcere per essersi tolta il velo durante le manifestazioni di protesta del “Mercoledì bianco”. Al suo fianco intellettuali e organizzazioni umanitare
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro