#MeToo: l'hashtag del momento nato dalla brutta storia di una bimba

| Rilanciato da un'attrice e ormai condiviso da milioni di donne in tutto il mondo, è stato creato da un'attivista che da anni si batte per aiutare le donne "sopravvissute" al destino

+ Miei preferiti

Comincia a diventare difficile, senza un archivio organizzato in modo serio, tenere a mente l'elenco delle donne vittime di Harvey Weinstein: le cifre aumentano di ora in ora. Fino a questo momento i calcoli ne danno per certe una quarantina, ma in oltre trent'anni di onorata maialaggine, è quasi matematico che Harvey abbia messo occhi e mani su qualche centinaio di donne, equamente divise fra attrici, aspiranti, segretarie, impiegate e semplici sfortunate, finite al momento giusto nella doccia sbagliata. Alla fine, chissà fra quanto tempo, potrebbe delinearsi addirittura la prima class action sessuale nella storia dell'umanità. Non sarebbe male.

Ma all'orizzonte, per quanto minuscola e quasi impercettibile, una briciola di speranza sembra apparire. Le coraggiose denunce di donne che hanno incastrato il produttore americano, hanno dato la forza a tante altre di raccontare le proprie esperienze, tenute strette per anni come un peso indelebile della memoria. Epicentro di tutto è l'hashtag del momento: #MeeToo, letteralmente, "Io anche".

A riproporlo Alyssa Milano, splendida attrice americana a cui è bastato un post su Facebook e uno su Twitter, per convincere sei milioni di persone a raccontare le proprie esperienze.

In realtà, la campagna "MeToo" esiste da più di un decennio, quando ancora gli hashtag non esistevano: a lanciarla, nel 2007, Tarana Burke, attivista e fondatrice di "Just Be Inc.", un'organizzazione che si occupa di assistere le donne vittime di violenze e abusi sessuali. Da lei stesso definito uno spazio dedicato al "dialogo fra sopravvissute", l'idea di Me Too nasce un giorno del 1996, quando Tarana lavorava in un campeggio: una degli ospiti, una bambina, la avvicina e inizia a raccontarle le mostruosità a cui la costringeva il patrigno da tempo. E più la storia della ragazzina andava avanti, più Tarana avvertiva un senso di impotenza, mescolato alla brutta sensazione di non riuscire a trovare le parole adatte per consolarla, neanche ripeterle "Me too", è successo anche a me.

Il movimento di Tarana nasce esattamente quella sera, con l'idea di aiutare le donne, tantissime, sopravvissute ad abusi ma ugualmente segnate a vita da esperienze che tolgono la pace. Poi sulle cronache mondiali esplode la storia brutta di di Weinstein, e Alyssa Milano ridà fiato ad un hashtag a cui gente normale e stelle come Lady Gaga e Rosario Dawson hanno messo la propria foto sotto al grido di protesta delle troppe donne vittime di uomini sbagliati: Me too, è successo anche a me.

Mondo
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale