LAS VEGAS, MGM DENUNCIA LE VITTIME DELLA STRAGE

| I familiari delle 58 vittime del killer di massa Stephen Paddock e le centinaia di feriti citati in giudizio. Avrebbero danneggiato "con le loro pretese di risarcimento" la Security del casinò da cui fu compiuta la strage. Sdegno e rabbia

+ Miei preferiti

MGM Resorts International ha inviato centinaia di citazioni legali ai familiari delle 58 vittime, ai feriti ancora in cura e ai sopravvissuti alle migliaia di proiettili esplosi il 1 ottobre 2017 dall’"uccisore di massa", il giocatore d’azzardo Stephen Paddock, autore a Las Vegas della strage più letale della storia moderna degli Stati Uniti, nel tentativo di evitare i  risarcimenti chiesti le raffiche di fucile automatico partite dalle fnestre del casinò di Mandalay Bay a Las Vegas.

La società sostiene nelle azioni legali depositate venerdì in Nevada e California che non ha "alcuna responsabilità di alcun tipo" per i sopravvissuti o le famiglie delle vittime della strage ai sensi di una legge federale emanata dopo gli attentati terroristici dell'11 settembre. Le cause sono state promosso contro vittime che hanno citato in giudizio la società o hanno minacciato di citare in giudizio dopo che il killer, frantumati i cristalli della sua suite di Mandalay Bay, ha sparato - per più di 12 minuti prima di suicidarsi - sulla folla raccolta nel piazzale sottostante per assistere a un festival di musica country.

Secondo la flotta di legali dell'MGM, la legge del 2002 limita la responsabilità quando un'azienda o un gruppo utilizza servizi certificati dal Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti e si verificano attacchi di massa. L'azienda dichiara di non essere responsabile perché l’azienda che che aveva la responsabilità delle  sicurezza per il concerto, la Contemporary Services Corp., aveva tutti i certificati in regola a livello federale anche il 1 ottobre, giorno del massacro. MGM sostiene inoltre che le vittime - attraverso azioni legali in corso o anche solo minacciate - hanno danneggiato i servizi di CSC perché mettono in discussione le modalità della sicurezza dei concerti, inclusa la formazione, la risposta alle emergenze e l’evacuazione. "Se gli imputati sono stati feriti dall'assalto del Paddock, come sostengono, sono stati inevitabilmente feriti sia perché Paddock ha sparato dalla sua finestra, sia perché sono rimasti sulla linea di fuoco del concerto. Fatti non prevedibili o gestibili. Tali rivendicazioni accusano indirettamente inevitabilmente la Security del concerto e possono comportare un danno rilevante perdite finanziarie e d’immagine per CSC”. L'azienda vuole che un tribunale dichiari che la legge statunitense "esclude qualsiasi accertamento di responsabilità" nei confronti di MGM "per qualsiasi richiesta di risarcimento per lesioni derivanti da o correlate all'attacco di massa del Paddock".

Il consulente generale di CSC, James Service, non ha risposto a una richiesta di chiarimenti da parte dell’Associated Press. "La MGM ha commesso l’atto più oltraggioso che abbia mai visto”, ha detto Brian Claypool, un avvocato che era al festival musicale durante la sparatoria, definendo le cause una "manovra ipocrita" che si trasformerà in un "incubo per le pubbliche relazioni di MGM".

Ancora: ”Una prova di bullismo per intimidire i sopravvissuti che stanno legittimamente cercando un cambiamento sociale e un risarcimento attraverso il processo per definire il contenzioso", ha concluso Claypool, che rappresenta decine di vittime.

Il portavoce DMGM, Debra DeShong del MGM,  ha replicato che il Congresso ha stabilito che solo i tribunali federali possono decidere in merito ad aziono legali scaturite da attacchi di massa in cui sono stati forniti servizi di sicurezza certificati federali. "Mentre ci aspettavamo il contenzioso che è seguito, siamo anche fortemente convinti che le vittime e la comunità dovrebbero essere in grado di riprendersi e trovare una soluzione in modo tempestivo", ha detto. L'avvocato Robert Eglet, che rappresenta le vittime in una causa pendente presso la corte federale del Nevada, ha criticato la mossa dell'operatore del casinò. "Questa è la follia assoluta. È un fatto oltraggioso. Sta solo versando benzina sul fuoco della sofferenza delle vittime", ha detto Eglet. "Sono tutti molto sconvolti, molto sconvolti su questo. MGM sta cercando di intimidirli".

 
Mondo
La parabola di Aung San Suu Kyi
La parabola di Aung San Suu Kyi
Dal Nobel per la Pace alle accuse di genocidio: l’ex attivista per i diritti umani della Birmania è accusata di non aver fatto nulla per impedire il massacro del popolo Rohingya
White Island, ricerche ancora ferme
White Island, ricerche ancora ferme
I parenti delle vittime e la popolazione locale accusa la polizia di troppa prudenza: l’isola è stata sorvolata da un drone, ma le operazioni di recupero sono ferme fino a data da destinarsi
Vulcano Whakaari: è una strage
Vulcano Whakaari: è una strage
Non ci sono più speranze di ritrovare ancora in vita gli otto dispersi, quasi tutti turisti in visita sull’isola neozelandese. Cinque le vittime accertate, più diversi feriti ricoverati in gravi condizioni. Le loro storie
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
È successo in India, dove Abhijit e Srilakshmi volevano sposarsi ma la differenza di casta ha fatto scattare il divieto delle famiglie. Dopo essere scomparsi per settimane, i corpi dei due giovani sono stati ritrovati in un bosco
Un badge per i giorni del ciclo
Un badge per i giorni del ciclo
È bufera su una catena di grandi magazzini giapponesi, che ha chiesto alle proprie commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale. Un’idea che voleva avere finalità sociali, ma che si è trasformata in un caso internazionale
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Pinkie, una giovane thailandese, si è gettata dal balcone di casa dopo l’ennesimo litigio con la madre. Era reduce da una devastante violenza sessuale di gruppo
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Dopo lunghi mesi di studi, è arrivata la conferma: impossibile recuperare i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard, morti sull’8000 himalayano 8 mesi fa
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis
Dallo striptease alla metanfetamina
Dallo striptease alla metanfetamina
Un’ex spogliarellista australiana , che non passava inosservata, nascondeva dosi di droga nella sua biancheria intima: è accusata di aver fatto almeno 13 viaggi, intascando ogni volta 100mila dollari