LAS VEGAS, MGM DENUNCIA LE VITTIME DELLA STRAGE

| I familiari delle 58 vittime del killer di massa Stephen Paddock e le centinaia di feriti citati in giudizio. Avrebbero danneggiato "con le loro pretese di risarcimento" la Security del casinò da cui fu compiuta la strage. Sdegno e rabbia

+ Miei preferiti

MGM Resorts International ha inviato centinaia di citazioni legali ai familiari delle 58 vittime, ai feriti ancora in cura e ai sopravvissuti alle migliaia di proiettili esplosi il 1 ottobre 2017 dall’"uccisore di massa", il giocatore d’azzardo Stephen Paddock, autore a Las Vegas della strage più letale della storia moderna degli Stati Uniti, nel tentativo di evitare i  risarcimenti chiesti le raffiche di fucile automatico partite dalle fnestre del casinò di Mandalay Bay a Las Vegas.

La società sostiene nelle azioni legali depositate venerdì in Nevada e California che non ha "alcuna responsabilità di alcun tipo" per i sopravvissuti o le famiglie delle vittime della strage ai sensi di una legge federale emanata dopo gli attentati terroristici dell'11 settembre. Le cause sono state promosso contro vittime che hanno citato in giudizio la società o hanno minacciato di citare in giudizio dopo che il killer, frantumati i cristalli della sua suite di Mandalay Bay, ha sparato - per più di 12 minuti prima di suicidarsi - sulla folla raccolta nel piazzale sottostante per assistere a un festival di musica country.

Secondo la flotta di legali dell'MGM, la legge del 2002 limita la responsabilità quando un'azienda o un gruppo utilizza servizi certificati dal Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti e si verificano attacchi di massa. L'azienda dichiara di non essere responsabile perché l’azienda che che aveva la responsabilità delle  sicurezza per il concerto, la Contemporary Services Corp., aveva tutti i certificati in regola a livello federale anche il 1 ottobre, giorno del massacro. MGM sostiene inoltre che le vittime - attraverso azioni legali in corso o anche solo minacciate - hanno danneggiato i servizi di CSC perché mettono in discussione le modalità della sicurezza dei concerti, inclusa la formazione, la risposta alle emergenze e l’evacuazione. "Se gli imputati sono stati feriti dall'assalto del Paddock, come sostengono, sono stati inevitabilmente feriti sia perché Paddock ha sparato dalla sua finestra, sia perché sono rimasti sulla linea di fuoco del concerto. Fatti non prevedibili o gestibili. Tali rivendicazioni accusano indirettamente inevitabilmente la Security del concerto e possono comportare un danno rilevante perdite finanziarie e d’immagine per CSC”. L'azienda vuole che un tribunale dichiari che la legge statunitense "esclude qualsiasi accertamento di responsabilità" nei confronti di MGM "per qualsiasi richiesta di risarcimento per lesioni derivanti da o correlate all'attacco di massa del Paddock".

Il consulente generale di CSC, James Service, non ha risposto a una richiesta di chiarimenti da parte dell’Associated Press. "La MGM ha commesso l’atto più oltraggioso che abbia mai visto”, ha detto Brian Claypool, un avvocato che era al festival musicale durante la sparatoria, definendo le cause una "manovra ipocrita" che si trasformerà in un "incubo per le pubbliche relazioni di MGM".

Ancora: ”Una prova di bullismo per intimidire i sopravvissuti che stanno legittimamente cercando un cambiamento sociale e un risarcimento attraverso il processo per definire il contenzioso", ha concluso Claypool, che rappresenta decine di vittime.

Il portavoce DMGM, Debra DeShong del MGM,  ha replicato che il Congresso ha stabilito che solo i tribunali federali possono decidere in merito ad aziono legali scaturite da attacchi di massa in cui sono stati forniti servizi di sicurezza certificati federali. "Mentre ci aspettavamo il contenzioso che è seguito, siamo anche fortemente convinti che le vittime e la comunità dovrebbero essere in grado di riprendersi e trovare una soluzione in modo tempestivo", ha detto. L'avvocato Robert Eglet, che rappresenta le vittime in una causa pendente presso la corte federale del Nevada, ha criticato la mossa dell'operatore del casinò. "Questa è la follia assoluta. È un fatto oltraggioso. Sta solo versando benzina sul fuoco della sofferenza delle vittime", ha detto Eglet. "Sono tutti molto sconvolti, molto sconvolti su questo. MGM sta cercando di intimidirli".

 
Mondo
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Si tratta di oltre 20 panetti, e secondo la polizia facevano parte di un carico disperso dai trafficanti un anno fa. In crescita nella zona del Pacifico il consumo di cocaina
La foto segnaletica che fa ridere
La foto segnaletica che fa ridere
Visti i tanti commenti cattivi, la polizia del Galles ha avvertito che accanirsi contro qualcuno attraverso i social può avere pesanti ripercussioni
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
I medici legali sono rimasti senza parole: nel corpicino di Sapphire era presente una percentuale di alcol letale
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Uno dei cavi che assicura le 30 cabine del “Sea to Sky Gondola”, è stato manomesso: la scoperta mentre l’impianto era fermo
Ai puma non piacciono i Metallica
Ai puma non piacciono i Metallica
Una giovane canadese ha raccontato di aver messo in fuga un grosso felino selvatico che la seguiva nei boschi alzando il volume al massimo durante un brano scatenato della band heavy metal