Migliaia di australiani bloccati all’estero

| La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria

+ Miei preferiti
A meno di due settimane dal Natale, quasi 40mila australiani sono ancora bloccati all’estero a causa delle restrizioni dei voli internazionali decisi nel loro Paese. Negli ultimi cinque mesi, l’Australia ha fortemente limitato il numero di arrivi dall’estero: all’inizio erano 4.000 a settimana, oggi sono saliti a poco più di 7.000, ma non bastano a risolvere una situazione al limite del paradosso. Eppure, malgrado l’incremento, la situazione per coloro che sono rimasti bloccati all’estero non fa che peggiorare. Molti non hanno un lavoro, un visto, un’assistenza sanitaria, non hanno accesso all’assistenza sociale e, in alcuni casi, non hanno un tetto sulla testa.

In realtà, coloro che sono rimasti bloccati non hanno disobbedito ai consigli delle autorità: a marzo, il governo ha consigliato a coloro che si trovavano in un luogo sicuro e con un lavoro di rimanere all’estero, ma nessuno avrebbe potuto prevedere l’impatto che la pandemia avrebbe avuto sulla propria situazione personale. Per chi non si trova in una situazione di sicurezza, le possibilità di tornare a casa sono svanite molto rapidamente a causa di diversi paesi che hanno bloccato i voli internazionali.

Le forti limitazioni, introdotte a metà luglio, sono state decise dopo il caso di alcune strutture alberghiere di Melbourne adibite a quarantena in cui gli ospiti facevano di tutto, tranne che rispettare le distanze. Come reazione, lo stato di Victoria ha bloccato tutti gli arrivi internazionali, riaprendo parzialmente solo all’inizio di questo mese. Tutto questo ha portato ad un accumulo di voli cancellati, con poco più di 30 persone ammesse su ogni aereo e i biglietti di sola andata gonfiati fino a far lievitare il prezzo: un volo da Abu Dhabi a Sydney al momento si aggira sui 7.500 euro, e senza alcuna garanzia che l’aereo parta, mentre il costo della quarantena obbligatoria in hotel si aggira intorno ai 3.000 euro a persona. Il governo offre prestiti una tantum a coloro che sono bloccati, ma vanno rimborsati.

A metà settembre, il primo ministro Scott Morrison aveva affermato l’intenzione di “riportare a casa il maggior numero possibile di australiani, se non tutti”. A fargli eco il ministro della Salute Greg Hunt, che poco dopo aveva parlato di necessità di “garantire ad ogni australiano che vuole tornare a casa, di essere a casa entro Natale”.

All’epoca, secondo il Dipartimento degli Affari Esteri e del Commercio almeno 25.000 australiani avevano espresso la necessità di tornare in patria, anche se per il “Board of Airline Representatives of Australia” il numero reale si avvicinava a 100.000 persone. Il sito web del DFAT consiglia agli australiani di non registrarsi se “non in caso di reale bisogno di aiuto”, e aggiunge che “l’iscrizione non garantisce in alcun modo il ritorno”.

Per Joel Mackay di “Amnesty International Australia”, si tratta di una lampante violazione del diritto internazionale: “Il governo australiano ha l’obbligo, ai sensi della Dichiarazione universale dei diritti umani e del Patto internazionale sui diritti civili e politici, di riportare a casa i propri concittadini. Senza se e senza ma”.

Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni