"Migranti in fuga, messa in scena contro Maduro"

| La farsa dei vertici del regime, "Profughi in fila per simulare una fuga di massa". Ma il governo colombiano dichiara lo stato d'emergenza e chiede l'aiuto di Usa, Onu e Eu, "per affrontare una situazione disperata"

+ Miei preferiti

Il governo colombiano dichiara lo stato di emergenza economica e sociale nel dipartimento di frontiera di La Guajira in risposta all'esodo dei venezuelani in fuga dalla crisi del paese produttore di petrolio, lo ha annunciato il ministro degli Esteri Carlos Holmes Trujillo. "Studieremo nel Consiglio dei Ministri la dichiarazione dell'emergenza economica e sociale a La Guajira", ha detto Trujillo ai giornalisti dopo aver esaminato la situazione nel dipartimento dei Caraibi della Colombia settentrionale, uno dei più poveri del paese, che ha un valico di frontiera in Paraguachón. Ha poi ribadito il suo invito alla comunità internazionale a rispondere in modo coordinato alla crisi causata dall'esodo dei venezuelani che, secondo i dati delle Nazioni Unite, è di oltre 2,3 milioni di persone, ha riferito Efe. Un milione nella sola Colombia. 

Ogni giorno 35mila venezuelani attraversano il confine comune per acquistare beni di prima necessità, per poi rientrare in patria.

Il cancelliere ha anche risposto al presidente venezuelano dell'Assemblea Nazionale Costituente (ANC), Diosdado Cabello, che il 25 agosto aveva detto che i paesi vicini stanno costringendo i venezuelani che migrano ad avere atteggiamenti da profughi in fuga, in modo che i media possano diffondere immagini drammatiche e promuovere così una "campagna" contro il governo di Nicolás Maduro. l leader del partito al governo avevano detto durante una riunione del partito al potere che è "sospetto" che ci siano foto di venezuelani in Perù, Ecuador e Colombia "a piedi lungo il lato della strada". 

“Ma chi può pensare che l'esodo dei venezuelani sia una messa in scena, come le difficoltà della popolazione migrante, il transito verso le nazioni meridionali e l'intenzione di rimanere in Colombia", si è domandato Trujillo.  Ha anche ricordato che la prossima settimana si recherà negli Stati Uniti per sensibilizzare la comunità internazionale sulla necessità di agire insieme di fronte all'esodo venezuelano. In seguito trasmetterà lo stesso messaggio all'Unione europea e a Ginevra. 

Dopo la sua visita a La Guajira, Trujillo si dirigerà verso il dipartimento del Norte de Santander (nord-est), la cui capitale, Cúcuta, ospita il principale valico di frontiera tra i due paesi.

Mondo
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"
Un speranza anche per Manuel
Un speranza anche per Manuel
Un clinico svizzero ha elaborato una tecnica per tentare si superare le lesioni midollari con la tecnica "Stimo". Alcuni pazienti hanno ripreso a camminare. Il caso del nuotatore azzurro sarà esaminato
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran