Molto belle, tanto svestite e perché no, parecchio cattive

| La "Lingerie Football League" è un campionato con sette squadre di figliole che sta rubando la scena ai campioni della palla ovale. Un successo tutto al femminile, in perenne lotta fra muscoli e femminilità

+ Miei preferiti

In America, dove il football è una cosa dannatamente seria, qualcuno inizia a preoccuparsi: le signorine della Lingerie Football League cominciano a dar fastidio al campionato dei maschietti, quello che fa ruotare dollari a fiumi. E dire che tutto è iniziato quasi per scherzo nel 2004, con due sole squadre iscritte ed un evento unico che doveva stabilire le campionesse. Ma certe cose difficilmente passano inosservate, specie se a scendere in campo non sono nerboruti bestioni con le spalle larghe ma ragazze equipaggiate con protezioni per testa, spalle, gomiti e ginocchia, ma null'altro. Nel senso che al posto della divisa, le figliole scendono in campo in mutandine e reggiseno.

Questo spiega, per riallacciarci a quel che dicevamo prima, un'ascesa fulminea, con le due timide squadre nel 2004 diventate quattro l'anno successivo e oggi ferme a sette formazioni, tutte pronte a sfidarsi senza sconti per arrivare alla finalissima, la Lingerie Bowl. Con spalti gremiti in ogni ordine di posto, sponsor in crescita e gli sguardi sempre più incarogniti dei colleghi maschi.

Un fenomeno in puro stile yankee, passato attraverso un mare di critiche per essere offensivo nei confronti della donna e parodia sexy di uno sport da molti considerato una religione. A mettere tutti d'accordo l'impegno delle fanciulle, che coinvolte in veri campionati hanno alzato il tasso tecnico, stupendo spettatori abituati bene con schemi e soprattutto placcaggi degni dei maschi. In effetti, tutto si può dire, tranne che le fanciulle in campo facciano sconti: botte e lividi non si contano, così come le riparazioni di mascelle e incisivi.

Ma quando lasciano gli stadi, le signorine tornano ad essere ragazze come tutte le altre, e di volta in volta approfittano della loro notorietà per posare in favore della Peta (la lega americana per la protezione degli animali), o per accettare le lusinghe del compianto Mister Heffner e fare altrettanto sulle pagine di Playboy, con ancor meno stoffa a coprirle e tutto esaurito nelle edicole. Quasi dimenticavamo i nomi delle squadre, una vera strizzata d'occhio al sorriso con un pizzico di malizia: Los Angeles Temptation, Chicago Bliss e Seattle Mist, a cui stanno per aggiungersi le Denver Dream e le Washington Warriorettes. Hanno invece gettato la spugna Dallas Desire, Miami Caliente, Orlando Fantasy e San Diego Seduction. Che peccato.

Mondo
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Un uomo neozelandese è accusato di stregoneria: insieme alla moglie, durante un rituale esoterico avrebbe ucciso la famiglia della figlia
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino
Australia: due fantine morte in due giorni
Australia: due fantine morte in due giorni
Melanie Tyndall travolta in gara dal cavallo di un avversario: due giorni prima Mikaela Claridge è stata disarcionata e non si è più rialzata
La battaglia di Saba Kord Afshari
La battaglia di Saba Kord Afshari
La giovane attivista iraniana condannata a 25 anni di carcere per essersi tolta il velo durante le manifestazioni di protesta del “Mercoledì bianco”. Al suo fianco intellettuali e organizzazioni umanitare
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Si tratta di oltre 20 panetti, e secondo la polizia facevano parte di un carico disperso dai trafficanti un anno fa. In crescita nella zona del Pacifico il consumo di cocaina