Morire per un selfie

| Dal 2011 oltre 250 morti in tutto il mondo per catturare un'immagine spettacolare da postare sui social. In Russia e India il maggior numero di casi. Travolti dalle onde, precipitati nel vuoto, investiti da treni e auto. Fenomeno in aumento

+ Miei preferiti

Secondo uno studio pubblicato sul "Journal of Family Medicine and Primary Care", circa 259 persone in tutto il mondo sono morte mentre cercavano di scattare selfie spettacolari. I ricercatori dell'All India Institute of Medical Sciences, un gruppo di istituti medici pubblici di Nuova Delhi, hanno analizzato le notizie sulle morti per autolesionismo che si sono verificate da ottobre 2011 a novembre 2017.

Hanno scoperto che la maggior parte delle morti per autolesionismo si è verificata in India, seguita da Russia, Stati Uniti e Pakistan. Per massima parte, le vittime erano uomini (circa il 72%) e sotto i 30 anni. L'India  rappresenta più della metà del totale, ben 159 vittime dal 2011. I ricercatori hanno attribuito il numero elevato come diretta proporzione dell'enorme popolazione del paese di persone sotto i 30 anni, la più grande del mondo, con gli uomini più propensi a correre rischi spesso inutili. 

L'annegamento è la principale causa di morte, che di solito coinvolge persone spazzate via dalle onde sulle spiagge o che cadono da una barca. La seconda causa parla di morti fra persone che cercavano di scattare una foto davanti a un treno in movimento, in mezzo al traffico o in altre circostanze simili. Infine incendi e cadute nel vuoto. Otto coloro che hanno perso la vita mentre cercavano di farsi una foto con animali feroci.

Un capitolo a parte spetta ai selfie in auto, spesso classificati come semplici incidenti stradali. Un capitolo che fa segnare vittime in forte aumento: nel 2011 erano 3, nel 2016 sono salite a 98.

"I giovani vogliono stupire pubblicando foto sui social, a caccia di like e commenti favorevoli”, osservano gli studiosi che propongono di istituire zone turistiche riservate ai selfie. Ll’India lo ha già fatto, ovviamente in punti non pericolosi.

Mondo
Rissa al parlamento di Hong Kong
Rissa al parlamento di Hong Kong
Quattro deputati portati via in barella al temine di una scazzottata scatenata dagli emendamenti di una legge che facilita l’estradizione verso il resto della Cina
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
A 66 anni, Rama X è salito sull’altare per la quarta volta: la fortunata è una ex assistente di volo della Thay Airway. Il paese è in festa
Indonesia: strage di scrutatori
Indonesia: strage di scrutatori
Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"
Un speranza anche per Manuel
Un speranza anche per Manuel
Un clinico svizzero ha elaborato una tecnica per tentare si superare le lesioni midollari con la tecnica "Stimo". Alcuni pazienti hanno ripreso a camminare. Il caso del nuotatore azzurro sarà esaminato
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili