Morire per un selfie

| Dal 2011 oltre 250 morti in tutto il mondo per catturare un'immagine spettacolare da postare sui social. In Russia e India il maggior numero di casi. Travolti dalle onde, precipitati nel vuoto, investiti da treni e auto. Fenomeno in aumento

+ Miei preferiti

Secondo uno studio pubblicato sul "Journal of Family Medicine and Primary Care", circa 259 persone in tutto il mondo sono morte mentre cercavano di scattare selfie spettacolari. I ricercatori dell'All India Institute of Medical Sciences, un gruppo di istituti medici pubblici di Nuova Delhi, hanno analizzato le notizie sulle morti per autolesionismo che si sono verificate da ottobre 2011 a novembre 2017.

Hanno scoperto che la maggior parte delle morti per autolesionismo si è verificata in India, seguita da Russia, Stati Uniti e Pakistan. Per massima parte, le vittime erano uomini (circa il 72%) e sotto i 30 anni. L'India  rappresenta più della metà del totale, ben 159 vittime dal 2011. I ricercatori hanno attribuito il numero elevato come diretta proporzione dell'enorme popolazione del paese di persone sotto i 30 anni, la più grande del mondo, con gli uomini più propensi a correre rischi spesso inutili. 

L'annegamento è la principale causa di morte, che di solito coinvolge persone spazzate via dalle onde sulle spiagge o che cadono da una barca. La seconda causa parla di morti fra persone che cercavano di scattare una foto davanti a un treno in movimento, in mezzo al traffico o in altre circostanze simili. Infine incendi e cadute nel vuoto. Otto coloro che hanno perso la vita mentre cercavano di farsi una foto con animali feroci.

Un capitolo a parte spetta ai selfie in auto, spesso classificati come semplici incidenti stradali. Un capitolo che fa segnare vittime in forte aumento: nel 2011 erano 3, nel 2016 sono salite a 98.

"I giovani vogliono stupire pubblicando foto sui social, a caccia di like e commenti favorevoli”, osservano gli studiosi che propongono di istituire zone turistiche riservate ai selfie. Ll’India lo ha già fatto, ovviamente in punti non pericolosi.

Mondo
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
L’arcipelago ha lanciato un appello per il ritorno del turismo d’élite: oltre al paesaggio paradisiaco, dalla metà di aprile non si registra un nuovo caso di coronavirus
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Accusata di atti osceni e incitamento alla prostituzione, Sama el Masry è stata condannata a tre anni di reclusione e al pagamento di una pesante multa
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
Dedicato alla memoria di George Floyd, il pacchetto di riforma della polizia rischia di arenarsi al Senato dopo l’approvazione della Camera. Trump contrario
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
Per anni nell’ombra, capace di sparire per lunghi periodi, la sua immagine è sempre più presente, mentre quella del fratello si offusca, avvolta dal mistero
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Il Paese ha uno dei tassi alti di casi di Covid-19 dell’intero continente. E lotta con una recrudescenza delle violenze subito dopo l’isolamento del lockdown
Venti di guerra sull’Himalaya
Venti di guerra sull’Himalaya
Si alza la tensione fra India e Cina per il controllo di una zona di confine mai del tutto chiarita e accettata. La scorsa notte un’escalation avrebbe portato a 17 morti, ma si teme l’inizio di una grave crisi internazionale
L’avventura di Randy, per 73 giorni in aeroporto
L’avventura di Randy, per 73 giorni in aeroporto
Un giovane calciatore ghanese è rimasto bloccato nello scalo aeroportuale di Mumbai, in India, dove era andato per un contratto con una squadra di calcio