Morto in cella il leader del Ku Klux Klan

| Edgar Ray Killen, 92 anni, s'è spento in carcere. Condannato a 60 anni nel 2005 per la morte di alcuni attivisti afro-americani, stava scontando la pena in un carcere del Mississipi. Tre giovani furono linciati e uccisi nel 1964

+ Miei preferiti

 Edgar Ray Killen, il leader del Ku Klux Klan condannato per l’uccisione dei tre attivisti per i diritti civili che ispirò il film “Mississippi Burning”, è morto in carcere all’età di 92 anni. Lo ha reso noto l’amministrazione penitenziaria dello Stato del Mississippi. 

Edgar Ray Killen stava scontando una pena di 60 anni, dopo la condanna emessa nel 2005, 40 anni dopo la scomparsa e la morte dei giovani attivisti: era il giugno del 1964 quando Andrew Goodman, 20 anni, Michael Schwerner, 24 anni, e James Chaney, 21 anni, vennero uccisi. 

Arrestati il 21 giugno 1964 con un futile pretesto da parte della polizia locale, infiltrata dal Ku Klux Klan, i tre attivisti vennero rilasciati in piena notte, quando gli venne tesa un’imboscata dai membri del Kkk. I tre giovani vennero linciati, poi fucilati; i loro corpi furono ritrovati 44 giorni dopo, in un bacino idrico, al termine di un’indagine condotta dall’Fbi. La loro morte scioccò gli Stati Uniti. 

Otto persone vennero condannate nel 1967 a pene detentive non superiori ai sei anni per “violazione dei diritti civili” dei tre attivisti – due ebrei di New York e un uomo nero – che si erano recati nel Sud segregazionista per favorire l’iscrizione degli afroamericani alle liste elettorali.

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità