Muore uno dei soccorritori dei ragazzi nella grotta

| Beirut Pakbara, un “Thay Navy Seals”, aveva contratto un’infezione nel corso delle operazioni di salvataggio dei 12 ragazzi intrappolati nella grotta in Thailandia. È la seconda vittima dopo il sub morto per asfissia

+ Miei preferiti
Un membro della squadra di soccorso che lo scorso anno hanno salvato i 12 ragazzi e il loro allenatore bloccati in una grotta allagata in Thailandia, è morto a causa di un’infezione contratta durante le operazioni di soccorso. Si tratta del sottufficiale Beirut Pakbara, un membro dei “Thai Navy Seal”, che da oltre un anno lottava contro l’infezione sotto stretto controllo medico: le sue condizioni si sono aggravate nei giorni scorsi, fino alla morte nelle prime ore di ieri. Con Saman Gunan, sommozzatore morto durante le operazioni, è la seconda vittima dell’incidente di Tham Luang, che ha tenuto con il fiato sospeso il mondo intero per 17 lunghi giorni.

Il 23 giugno 2018, la squadra di calcio giovanile dei “Wild Boars”, di età compresa tra gli 11 e i 16 anni, e il loro allenatore venticinquenne si erano spinti all’interno della grotta quando un acquazzone ha allagato i tunnel, intrappolandoli nel sottosuolo. Dopo più di due settimane di tentativi, sono stati tutti liberati in un’operazione di salvataggio di portata internazionale che ha coinvolto più di 90 subacquei. La grotta nella provincia settentrionale della Thailandia di Chiang Rai è stata riaperta ai turisti solo nel novembre di quest’anno.

Mondo
Il razzo cinese si schianterà
sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà<br>sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Cinque dipendenti di un colosso farmaceutico che vendevano test in aeroporto, per mesi avrebbero pulito e riconfezionato tamponi nasali e antigenici
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Agiva sul Darkweb e poteva contare su oltre 400mila iscritti in tutto il mondo. Da 3 anni era tenuta sotto controllo dalla polizia tedesca
Il megaconcerto di Wuhan
Il megaconcerto di Wuhan
La città da cui si è diffuso il virus ha ospitato una due giorni di musica che ha attirato 11mila persone, tutte senza mascherine distanziamento
Maradona: il rapporto della commissione medica
Maradona: il rapporto della commissione medica
Gravi carenze nell’assistenza, leggerezza di fronte ai sintomi dell’aggravamento. Le analisi hanno accertato che il grande campione è morto dopo 12 ore di agonia
Russia: Navalnj appare in video
Russia: Navalnj appare in video
Un breve collegamento video in cui è apparso scheletrico, ma ancora combattivo: dopo aver salutato la moglie ha attaccato ancora una volta Putin
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
I forni crematori traboccano, e non c’è neanche il tempo di costruire nuove pire. Mentre arrivano i primi aiuti internazionali, il paese è ginocchio, travolto dal virus che sta colpendo le fasce più giovani della popolazione
L’India travolta dai contagi
L’India travolta dai contagi
Il Paese è allo stremo: mancano posti letto, ossigeno e medicinali, in arrivo da diversi continenti. In Brasile, al contrario, Bolsonaro pronto a mandare l’esercito dove sono state imposte limitazioni che definisce “assurde”
Il Nanggala si è diviso in tre pezzi
Il Nanggala si è diviso in tre pezzi
Il sommergibile indonesiano scomparso mercoledì scorso individuato sul fondale al largo dell’isola di Bali: nessuna speranza per i 53 uomini di equipaggio
Dopo 66 anni, l’India si prepara a impiccare una donna
Dopo 66 anni, l’India si prepara a impiccare una donna
Nel 2008, Shabnam ha ucciso 7 membri della sua famiglia insieme a Saleem, l’uomo che intendeva sposare malgrado i familiari non volessero. Il figlio della coppia sta tentando di fermare l’esecuzione