Nascerà il museo Brigitte Bardot

| È la destinazione già decisa de “La Mandrague”, la villa di Saint-Tropez in cui ha scelto di ritirarsi a vita privata. Aprire casa sua, quando lei non ci sarà più, servirà a difendere gli unici veri amori della sua vita, gli animali

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
La Francia non ci vuole neanche pensare, ma B.B. sì, perché il tempo bussa alla sua porta e non sente ragioni. Ma prima che sia tardi, ha qualcosa che le preme sistemare: assicurare un futuro alla sua fondazione, che equivale a darlo ai suoi amati animali.

Per questo, con una decisione confidata al settimanale “Paris Match”, Brigitte Bardot ha annunciato di aver firmato tutti i documenti necessari per rinunciare alla sepoltura nella tomba della sua famiglia, quando sarà ora. Preferisce ritagliarsi uno spazio in un angolo davanti al mare all’interno del parco de “La Mandrague”, la sua celebre villa di Saint-Tropez, che da quel momento trasformerà il rifugio dove ha vissuto da quando ha scelto di lasciare il cinema e la vita pubblica in un museo-memoriale aperto al pubblico. Pagando pochi euro, il mondo avrà la possibilità di togliersi una delle più grandi curiosità di sempre: entrare in casa sua e girare per le sue stanze, perché tanto a lei a quel punto non importerà più. Ma soprattutto finanziare ciò che le spiace di più di dover lasciare sulla Terra.

La Bardot si è già accordata con le autorità francesi e il comune di Saint-Tropez, l’ex piccolo paese di pescatori che la sua presenza ha inevitabilmente trasformato in una meta del turismo che conta. Un benessere per la gente del posto, una sconfitta per i suoi sogni di solitudine: “È cambiato tutto: il porticciolo di una volta non esiste più. È diventata una vetrina del lusso, senz’anima”.

Parigina classe 1934, Brigitte Bardot è stata per oltre vent’anni una delle donne più desiderate del pianeta. Una delle pochissime icone sexy sfuggite allo strapotere americano, l’unica capace in alcuni momenti di eguagliare un’altra leggenda come Marilyn Monroe. La “dea del sesso” o “l’impossibile sogno dell’uomo sposato”, così la definivano i giornali dell’epoca, si sposa giovanissima con il regista Roger Vadim e dopo di lui inanella numerosi flirt: è la prima attrice a comparire sul set in topless, ma deve vedersela con un’inquietudine che all’inizio degli anni Sessanta la porta a ritirarsi nel sud della Francia tentando anche il suicidio.

Nel 1970, lo scultore Alain Gourdon la prende come fonte d’ispirazione per dare un volto e le forme a “Marianne”, la donna emblema di Francia. Quattro anni dopo, a trentotto anni e ancora avvolta da una popolarità immensa, annuncia il ritiro dalle scene per dedicarsi agli animali, gli unici compagni di viaggio che sanno essere sinceri.

Alla metà degli anni Ottanta, con un capitale di tre milioni di franchi messi insieme vendendo gioielli e ricordi, nasce la “Fondation Brigitte Bardot”. Da quel momento, B.B. diventerà una delle più accese animaliste del mondo, una vera spina nel fianco per le industrie della carne e degli insaccati.

Nel 2003 esce “Un grido nel silenzio”, un libro che finisce sotto accusa per alcune frasi pesanti che parlano di “islamizzazione della Francia” e “penetrazione dell’Islam”. Un lavoro che nel 2004 le procura la condanna ad una multa di 5.000 euro per “incitamento all’odio razziale”, seguito da un’altra condanna per gli stessi motivi, quattro anni dopo.

Brigitte si richiude ancor di più a riccio, confidando tempo dopo che senza i suoi amati animali, probabilmente avrebbe finito per uccidersi. Di recente, è entrata a gamba tesa nei meandri del caso Weinstein, criticando apertamente l’onda anomala di denunce e segnalazioni: “È una cosa ipocrita e ridicola: ci sono molte attrici che provocano i produttori per ottenere una parte”.

Mondo
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti