NBP, il formicaio umano

| La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle

+ Miei preferiti
La chiamano tutti “NBP”, ma è uno degli acronimi che nelle Filippine mette i brividi solo a nominarlo. La “New Bilibid Prison” di Muntinlupa, a sud di Manila, è una succursale dell’inferno: lo sanno tutti. Finita di costruire nel 1940 per sostituire la vecchia prigione e fare spazio ad un numero crescente di detenuti, NBP ha una capienza regolamentare di 17.000 posti, ma quelli chiusi dentro sono sempre più del doppio. A fare spazio ci pensano le malattie, come denunciano da tempo le organizzazioni umanitarie, che parlano di 5.000 morti ogni anno, un detenuto su cinque.

Un sovraffollamento disumano che porta in dote violenza e malattie che si trasformano in epidemie nel giro di poco. “L’ultimo, un focolaio ingestibile di tubercolosi polmonare”, denuncia Ernesto Tamayo, medico capo dell’ospedale interno. Da mesi, nelle Filippine, la NBP è finita anche al centro di uno scandalo di corruzione che ha svelato un meccanismo vecchio quanto il mondo: chi ha i soldi dentro ci sta poco o comunque ci sta come a casa, e chi non ne ha sa che probabilmente uscirà solo in un sacco nero per cadaveri. Lo scorso agosto un ex sindaco finito in galera per uno stupro condito da omicidio commessi nel 1993, era pronto a uscire per “buona condotta”. Ad agire sottovento era la moglie, che per 50.000 pesos filippini, 800 euro circa, aveva pattuito con le autorità carcerarie di abbreviare la pena del marito. L’accordo alla fine è fallito, anche se lei afferma di aver pagato quanto richiesto.

Altre polemiche freschissime, dello scorso settembre, quando alcuni senatori hanno affermato che per una somma non meglio quantificata, i detenuti di NBP “vivono come dei re” all’interno delle loro celle, con cuochi, infermieri personali e prostitute al loro servizio. Per la direzione del carcere gli affari non si limitano a quello: il contrabbando di sigarette, droga, telefoni cellulari e persino televisori è gestito dall’interno. Paga, e avrai quello che ti serve.

L’alto numero di morti è scioccante, ma è un problema che tutte le prigioni del paese affrontano: nel carcere di Quezon City, più di 4.000 detenuti vivono in un sovraffollamento da formicaio in condizioni terribili. In celle nate per ospitare 30 persone, ne vengono stipate fino a 130, e chi non riesce a conquistarsi una brandina per dormire si sdraia insieme ad altre centinaia di detenuti sul terreno di quello che un tempo era un campo da basket.

Secondo i media, il sovraffollamento è l’effetto più visibile della guerra del presidente Duterte alla droga: una repressione sanguinosa e brutale del commercio di metanfetamina che ha fatto migliaia di vittime, scatenando le ire della comunità internazionale. Lo scorso luglio, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha votato per aprire un’indagine sulle migliaia di uccisioni legate alla repressione, una decisione che il ministro degli esteri filippino ha bollato come “ingiusta e ingiustificata”.

Galleria fotografica
NBP, il formicaio umano - immagine 1
NBP, il formicaio umano - immagine 2
NBP, il formicaio umano - immagine 3
NBP, il formicaio umano - immagine 4
Mondo
Le promesse ambientali del G7
Le promesse ambientali del G7
I leader mondiali hanno concordato sull’urgenza di agire per salvare il pianeta. Ma senza fatti concreti: a quattro mesi dal COP 26 mancano ancora date e strategie
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
Un’inchiesta top secret svelata dai media avrebbe individuato 150 dipendenti della compagnia aerea australiana appartenenti a gang di bikers attive nel traffico di stupefacenti
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Si tratta per lo più di aborigeni, e alcuni avevano pochi anni. La macabra scoperta è arrivata dopo anni di indagini e segnalazioni. Per il premier Trudeau è “una pagina sconcertante nella storia del nostro Paese”
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Saki Sudo, 22 anni, ha ucciso il miliardario 77enne Kosuke Nozaki somministrandogli massicce dosi di droghe stimolanti. La polizia l’ha arrestata dopo anni di indagini
Riappare la principessa Latifa
Riappare la principessa Latifa
La figlia dello sceicco di Dubai, per cui si sono mosse anche le Nazioni Uniti, è comparsa all’improvviso in un paio di foto postate su Instagram. E' la prova che sia ancora in vita, ma non dice nulla sulle sue condizioni
La moglie manesca dell’ambasciatore
La moglie manesca dell’ambasciatore
Xiang Xueqiu, consorte dell’ambasciatore del Belgio in Corea del Sud, ha chiesto l’immunità diplomatica prima di essere accusata di aggressione dalla commessa di un negozio di abbigliamento
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati