Nigeria, capitale africana del bob

| La Nazionale femminile nigeriana è entrata per la prima volta ai prossimi Giochi Olimpici Invernali. Un esempio e una lezione per tutti

+ Miei preferiti

Nel 1993, uscì nei cinema un film prodotto dalla Disney: "Cool Runnings, quattro sotto zero". Una pellicola ispirata alla vera storia della Nazionale di bob giamaicana, entrata per la prima volta ai giochi olimpici invernali di Calgary del 1988. Se il destino fosse un tizio giusto sarebbero dovuti tornare a casa con una medaglia, ma così non fu. E in fondo fa lo stesso.

Vent'anni dopo quell'impresa, la storia sta per ripetersi, anche se cambia continente. Questa volta tocca alla Nigeria, il più popoloso paese africano, un posto affacciato sul Golfo di Guinea e con una stagione delle piogge che può durare dai 4 ai 6 mesi. Piogge che mai e poi mai, si trasformano in neve, sia chiaro.

Ma neanche questo è bastato a fermare Seun Adigun, Ngozi Onwumere e Akuoma Omeoga, tre energiche e avvenenti atlete che, per la prima volta nella storia del loro paese, sono riuscite a provare per l'ennesima volta che l'impossibile non esiste: trascinare la Nazionale nigeriana di Bob alle prossime olimpiadi invernali, in programma a Pyeongchang, Corea del Nord, dal 9 al 25 febbraio del 2018.

Una storia di coraggio, testardaggine e volontà, nata addirittura grazie ad un finanziamento pubblico necessario per creare dal nulla una nazionale che in Nigeria non era esattamente una delle priorità. Da lì in poi tutto si è trasformato in un impegno agonistico che le tre atlete hanno preso alla lettera, volando ovunque ci fosse un po' di neve a disposizione, dalla Nuova Zelanda al Canada, fino a superare brillantemente le cinque gare di qualificazione necessarie per strappare un pass olimpico.

Il sogno delle tre non è neanche conquistare una medaglia, ma aprire la Nigeria ai giochi invernali e perché no, magari un giorno ospitare le Olimpiadi Invernali. Piogge permettendo.

Mondo
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale