Nigeria, capitale africana del bob

| La Nazionale femminile nigeriana è entrata per la prima volta ai prossimi Giochi Olimpici Invernali. Un esempio e una lezione per tutti

+ Miei preferiti

Nel 1993, uscì nei cinema un film prodotto dalla Disney: "Cool Runnings, quattro sotto zero". Una pellicola ispirata alla vera storia della Nazionale di bob giamaicana, entrata per la prima volta ai giochi olimpici invernali di Calgary del 1988. Se il destino fosse un tizio giusto sarebbero dovuti tornare a casa con una medaglia, ma così non fu. E in fondo fa lo stesso.

Vent'anni dopo quell'impresa, la storia sta per ripetersi, anche se cambia continente. Questa volta tocca alla Nigeria, il più popoloso paese africano, un posto affacciato sul Golfo di Guinea e con una stagione delle piogge che può durare dai 4 ai 6 mesi. Piogge che mai e poi mai, si trasformano in neve, sia chiaro.

Ma neanche questo è bastato a fermare Seun Adigun, Ngozi Onwumere e Akuoma Omeoga, tre energiche e avvenenti atlete che, per la prima volta nella storia del loro paese, sono riuscite a provare per l'ennesima volta che l'impossibile non esiste: trascinare la Nazionale nigeriana di Bob alle prossime olimpiadi invernali, in programma a Pyeongchang, Corea del Nord, dal 9 al 25 febbraio del 2018.

Una storia di coraggio, testardaggine e volontà, nata addirittura grazie ad un finanziamento pubblico necessario per creare dal nulla una nazionale che in Nigeria non era esattamente una delle priorità. Da lì in poi tutto si è trasformato in un impegno agonistico che le tre atlete hanno preso alla lettera, volando ovunque ci fosse un po' di neve a disposizione, dalla Nuova Zelanda al Canada, fino a superare brillantemente le cinque gare di qualificazione necessarie per strappare un pass olimpico.

Il sogno delle tre non è neanche conquistare una medaglia, ma aprire la Nigeria ai giochi invernali e perché no, magari un giorno ospitare le Olimpiadi Invernali. Piogge permettendo.

Mondo
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Il “naso ebreo”, una diceria che si trascina da secoli, è entrata nel linguaggio dei segni di un dizionario online diffuso in Belgio, ma la comunità ebrea ha chiesto di rimuoverlo
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
A Vektor, in Siberia, un incendio sarebbe scoppiato in un’ala di uno dei soli due centri di ricerca dove si custodiscono i virus più letali della storia
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Un uomo neozelandese è accusato di stregoneria: insieme alla moglie, durante un rituale esoterico avrebbe ucciso la famiglia della figlia
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino
Australia: due fantine morte in due giorni
Australia: due fantine morte in due giorni
Melanie Tyndall travolta in gara dal cavallo di un avversario: due giorni prima Mikaela Claridge è stata disarcionata e non si è più rialzata
La battaglia di Saba Kord Afshari
La battaglia di Saba Kord Afshari
La giovane attivista iraniana condannata a 25 anni di carcere per essersi tolta il velo durante le manifestazioni di protesta del “Mercoledì bianco”. Al suo fianco intellettuali e organizzazioni umanitare
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro