Orrore nella casa delle bambole

| Infermiera accoltella tre bimbi e quattro adulti in una clinica clandestina di New York. Sono gravi. Scoperta la rete dell'immigrazione clandestina, donne asiatiche partoriscono per avere la cittadinanza Usa. La mano del racket

+ Miei preferiti

Misterioso attacco all’interno di una casa-accoglienza di New York, utilizzata da donne asiatiche per partorire con lo scopo di far acquisire la cittadinanza americana ai piccoli, riconosciuta a ogni nascituro. Cinque persone, tre neonati e due adulti, sono stati accoltellati e sono tuttora in gravi condizioni in ospedale. Una donna di origini cinesi, Yu Fen Wang, 52 anni, ferita a sua volta, è stata arrestata con l’accusa di tentato omicidio. La struttura, senza licenza, era un punto d’incontro per donne cinesi e coreane che utilizzano visti turistici per entrare negli States. L’arrestata lavorava come inserviente e infermiera nella casa, e sarà sottoposta a perizia psichiatrica. Per ora non sono emerse prove o indizi legati ad un’azione terrorista, come si era ipotizzato in un primo tempo. L’età dei bambini feriti vanno da 3 giorni a 1 mese, ha dichiarato l'ufficio del procuratore distrettuale del Queens. Un quarta bambina, di tre settimane, ha il cranio fratturato, colpita dall’infermiera in preda al raptus. La polizia del Queens è arrivata qualche minuto dopo, non ha fatto in tempo a bloccarla: si era autoinflitta una ferita al polso da cui ha perso molto sangue e quando sono intervenuti gli agenti era stato di incoscienza.

Gli investigatori hanno così scoperto uno dei tanti terminali dell’immigrazione clandestina. Le donne partoriscono nella casa, poi rientrano nel loro paese d'origine e infine richiedono la cittadinanza americana. Il ritorno permette loro di rimanere in regola con le proprie autorità nazionali e, allo stesso tempo, sostengono di avere un parente diretto bisognoso di cure negli Stati Uniti.

Una rete sotterranea del “turismo della nascita” che si estende dagli Stati Uniti alla Cina è stata organizzata negli ultimi anni per aiutare un crescente numero di madri cinesi per ottenere lo status di cittadini americani. Alle spalle c'è un racket temibile e molto ben organizzato. I vicini si erano solo accorti che da quel fabbricato si udivano spesso pianti di bimbi, ma porte e finestre erano sempre ermeticamente chiuse. All’interno, durante l’aggressione, c’erano 15 persone, di cui 9 bambini. Feriti anche due dipendenti. Yu Fen Wang, per colpire, ha usato due coltelli, sequestrati dalla polizia.

Mondo
Rissa al parlamento di Hong Kong
Rissa al parlamento di Hong Kong
Quattro deputati portati via in barella al temine di una scazzottata scatenata dagli emendamenti di una legge che facilita l’estradizione verso il resto della Cina
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
A 66 anni, Rama X è salito sull’altare per la quarta volta: la fortunata è una ex assistente di volo della Thay Airway. Il paese è in festa
Indonesia: strage di scrutatori
Indonesia: strage di scrutatori
Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"
Un speranza anche per Manuel
Un speranza anche per Manuel
Un clinico svizzero ha elaborato una tecnica per tentare si superare le lesioni midollari con la tecnica "Stimo". Alcuni pazienti hanno ripreso a camminare. Il caso del nuotatore azzurro sarà esaminato
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili