Oslo, un solo morto sulle strade nel 2019

| Una cifra imbarazzante per tutte le altre capitali europee, dove al contrario le strade continuano mietere centinaia di vittime ogni anno

+ Miei preferiti
A Oslo, capitale della Norvegia, abitano oltre 1,5 milioni di persone civili. Un titolo meritatissimo, sottolineato dai dati di una statistica invidiabile: nel 2019, sulle strade della città è morta una sola persona in incidenti stradali. La media, ricordano orgogliosamente, continua ad abbassarsi da diversi decenni: nel 2017 le morti sulle strade di Oslo erano state tre, cifra che molte altre città europee neanche osano sognare.

Per contro, nel resto del Paese sono state registrate più vittime nel traffico rispetto all’anno precedente: 110 contro le 108 del 2018. Ma c’è la convinzione diffusa che anche questo migliorerà: il trend racconta che la Norvegia ha registrato il più basso numero di morti nel traffico in tutta l’Europa nel 2017, con 20 incidenti per milione di abitanti.

Per contro, 126 persone sono morte sulle strade di Londra nel 2019, con un aumento di 22 unità rispetto allo stesso periodo del 2018. Nonostante ciò, il Regno Unito è considerato uno dei paesi più sicuri dell’Unione Europea per quanto riguarda gli incidenti stradali, con meno di 30 morti per milione di abitanti.

I paesi più pericolosi della UE per la sicurezza stradale restano la Bulgaria e la Romania, che ha una media di oltre 90 morti per milione di abitanti.

Il trucco della Norvegia? Nessuno, o meglio, rispettare “Vision Zero”, il progetto di sicurezza stradale adottato in via definitiva nel 2002 che ha come obiettivo la drastica riduzione di morti e feriti sulle strade. Poche le regole: limiti di velocità adattati ad ogni tratto stradale, ma che in città raramente superano i 30 km/h, velocità considerata limite perché le conseguenze di un’auto contro un pedone o un ciclista abbia conseguenze gravi.

A Oslo, l’amministrazione ha introdotto delle restrizioni sulle zone di guida, soprattutto nel centro della città, e ha iniziato a delimitare piste ciclabili ben collegate per incoraggiare i cittadini a spostarsi su due ruote invece che su quattro. Lo stesso progetto che ha allo studio Sadiq Khan, il sindaco di Londra, che mira a trasferire su due ruote l’80% di tutti gli spostamenti nella capitale entro il 2041.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino