Oslo, un solo morto sulle strade nel 2019

| Una cifra imbarazzante per tutte le altre capitali europee, dove al contrario le strade continuano mietere centinaia di vittime ogni anno

+ Miei preferiti
A Oslo, capitale della Norvegia, abitano oltre 1,5 milioni di persone civili. Un titolo meritatissimo, sottolineato dai dati di una statistica invidiabile: nel 2019, sulle strade della città è morta una sola persona in incidenti stradali. La media, ricordano orgogliosamente, continua ad abbassarsi da diversi decenni: nel 2017 le morti sulle strade di Oslo erano state tre, cifra che molte altre città europee neanche osano sognare.

Per contro, nel resto del Paese sono state registrate più vittime nel traffico rispetto all’anno precedente: 110 contro le 108 del 2018. Ma c’è la convinzione diffusa che anche questo migliorerà: il trend racconta che la Norvegia ha registrato il più basso numero di morti nel traffico in tutta l’Europa nel 2017, con 20 incidenti per milione di abitanti.

Per contro, 126 persone sono morte sulle strade di Londra nel 2019, con un aumento di 22 unità rispetto allo stesso periodo del 2018. Nonostante ciò, il Regno Unito è considerato uno dei paesi più sicuri dell’Unione Europea per quanto riguarda gli incidenti stradali, con meno di 30 morti per milione di abitanti.

I paesi più pericolosi della UE per la sicurezza stradale restano la Bulgaria e la Romania, che ha una media di oltre 90 morti per milione di abitanti.

Il trucco della Norvegia? Nessuno, o meglio, rispettare “Vision Zero”, il progetto di sicurezza stradale adottato in via definitiva nel 2002 che ha come obiettivo la drastica riduzione di morti e feriti sulle strade. Poche le regole: limiti di velocità adattati ad ogni tratto stradale, ma che in città raramente superano i 30 km/h, velocità considerata limite perché le conseguenze di un’auto contro un pedone o un ciclista abbia conseguenze gravi.

A Oslo, l’amministrazione ha introdotto delle restrizioni sulle zone di guida, soprattutto nel centro della città, e ha iniziato a delimitare piste ciclabili ben collegate per incoraggiare i cittadini a spostarsi su due ruote invece che su quattro. Lo stesso progetto che ha allo studio Sadiq Khan, il sindaco di Londra, che mira a trasferire su due ruote l’80% di tutti gli spostamenti nella capitale entro il 2041.

Mondo
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria
Il rapporto finale sulla strage di Christchurch
Il rapporto finale sulla strage di Christchurch
In circa 800 pagine emerge che polizia e intelligence erano troppo occupati a prevenire il terrorismo islamico. Ma le condizioni in cui si è sviluppata l’idea del massacro di Brenton Tarrant non sarebbero state comunque prevedibili