Pedofilia in Spagna, 40 arresti "eccellenti"

| In carcere insegnanti, professionisti e manager. Usavano un software per nascondere le immagini che si scambiavano sulla rete. Chat segrete. Video e foto girati con bambini, ancora in corso le perquisizioni

+ Miei preferiti

Pedofilia in Spagna: i sospetti, tra i quali figurano insegnanti, ingegneri, funzionari e pensionati, sono stati tratti in arresto in 17 province spagnole: dieci persone sono state fermate a Madrid, cinque ad Alicante. Alla fine, quaranta uomini sono stati arrestati in tutta la Spagna per avere fatto circolare su internet del materiale pedopornografico “di estrema gravità”: lo ha annunciato la polizia.

In totale, 42 domicili sono stati perquisiti e numerosi computer sono stati sequestrati.

Le persone arrestate sono sospettate di avere scambiato foto e video che mostrano bambini su uan piattaforma internet di scambi diretti, ha precisato la polizia in un comunicato, affermando che si tratta di “materiale di estrema gravità”.

La maggior parte di loro “utilizzava un software speciale per cancellare il contenuto pedofilo dagli archivi”. Uno dei sospetti arrestati ad Alicante è anche accusato di aver costretto dei minori a posare per immagini a sfondo sessuale che poi ha diffuso sul web. Sono state identificate quattro ragazze vittime di queste pratiche.

 
Mondo
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti
La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong
La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong
La metropoli cinese teme il ripetersi del devastante impatto della Sars: il livello di allarme alzato di grado, con controlli e disinfezioni a tappeto. Quasi 50 i casi accertati finora
Lancia delle monete verso il motore di un aereo, condannato
Lancia delle monete verso il motore di un aereo, condannato
Un cinese di 28 anni ha pensato fosse beneaugurante lanciare monete verso il rotore dell’aereo su cui si stava imbarcando. È stato bloccato, arrestato e condannato a pagare i danni
Australia, la catastrofe del secolo
Australia, la catastrofe del secolo
Il Nuovo Galles del Sud dichiara lo stato di emergenza per 7 giorni, ma sono ormai decine i micidiali incendi boschivi che stanno mettendo in ginocchio il Paese