Pistorius, l’unico desiderio il perdono

| Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza

+ Miei preferiti
“Voglio dire loro che mi dispiace”. Bill Schroder, 76 anni, è uno dei più cari amici di Oscar Pistorius, il celebre velocista sudafricano finito in carcere per l’omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp. Malgrado tutte le prove convergessero verso di lui, quello contro Pistorius si avviava ad un processo talmente mediatico da influenzare perfino la giuria: il campione aveva dato fondo a tutto il repertorio vomitando in aula dopo aver camminato senza le protesi per mostrare la sua estrema vulnerabilità. Riuscì nel suo intento rimediando una condanna a 5 anni che finì per fare infuriare mezzo mondo, a cominciare dal suo Sudafrica. Nel 2017, al termine del processo di appello, la condanna è passata a 15 anni di reclusione per omicidio volontario.

Schroder è andato più volte nel carcere di Atteridgeville, nei dintorni di Pretoria, a far visita al suo amico, raccogliendo i pensieri, i timori e le speranze di un uomo il cui senso di colpa rasenta ormai la disperazione. “Gli ho risposto: Oscar, se tu avessi ammazzato mia figlia non credo che ti perdonerei”. Ma Pistorius, secondo Schroder non è in cerca di un perdono per uscire di galera, anzi, quasi teme il momento in cui le porte della prigione si apriranno, perché non sa più qualche sarebbe la vita che lo attende. 

Ex detentore di record mondiali sui 100, 200 e 400 metri piani, definito “The fastest man on lo legs” (l’uomo più veloce senza gambe), correva sulle “cheetah”, delle particolari protesi in fibra di carbonio.

Il 14 febbraio 2013, viene arrestato con l’accusa di aver ucciso con quattro colpi di pistola la sua fidanzata, la modella Reeva Steenkamp. Pistorius afferma di aver creduto che un ladro si fosse introdotto nella loro abitazione. Non gli hanno mai creduto.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Pistorius, l’unico desiderio il perdono - immagine 1
Pistorius, l’unico desiderio il perdono - immagine 2
Mondo
Sudafrica, la seconda vita del «Dottor Morte»
Sudafrica, la seconda vita del «Dottor Morte»
Accusato di pratiche inumane durante l’Apartheid e condannato, Wouter Basson è stato rintracciato presso un gruppo ospedaliero sudafricano dove lavora tranquillamente da anni
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
L’attrice e modella Zheng Shuang, è stata accusata dall’ex compagno Zhang Heng di averlo abbandonato negli Stati Uniti con i due figli nati da madri surrogate. E in Cina è esplosa la polemica
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Il caso Cho Jae-beom è forse solo la punta dell’iceberg dell’ambiente sportivo sudcoreano. Ad accusarlo di stupro diverse atlete, fra cui la campionessa di pattinaggio di velocità su pista Shim Suk-hee
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi