Post Brexit: "E ora sono un immigrato"

| Sogni e timori degli studenti universitari italiani da anni a Londra

+ Miei preferiti
Il Regno Unito divorzia dall'Unione Europea. Lo hanno deciso gli inglesi, il 26 giugno scorso, con un referendum e così ieri l'ambasciatore britannico Tim Barrow ha consegnato al presidente del consiglio Ue Donald Tusk una lettera in cui Londra ufficializza la sua intenzione di lasciare l'Europa. Ha vinto il ‘leave', ha perso il ‘remain'. "Vuoi stare con me? Si, no" e i sudditi della Regina hanno scelto il ‘no'. Il popolo è sovrano, non si torna indietro. Al contrario: si guarda avanti, dritto al 29 marzo 2019, quando l'addio diventerà definitivo. Una rottura in piena regola, questa Brexit. Con tanto di discussioni, polemiche, schieramenti, confronti, discussioni su cosa dare, cosa tenere e come trattare i non inglesi che vivono in Inghilterra, quelli che ci vanno in vacanza, quelli che ci studiano, quelli che ci commerciano. "Mi sono svegliato immigrato", aveva scritto ai suoi amici torinesi, la mattina dopo il referendum, Davide Bella. Lui è uno di quei 250mila italiani, persona più persona meno, che abitano a Londra. 28 anni, laurea in fisica, umorismo pungente anche sugli affari europei. E' partito il 28 aprile 2015 per un dottorato in matematica applicata e ingegneria meccanica: "nel Regno Unito mi pagano bene, trovare un posto in facoltà è più semplice e poi imparo bene l'inglese. E' la lingua europea per eccellenza, mi tornerà utile". La pensava così. Ma adesso le cose sono cambiate e la confusione è il sentimento più diffuso. "Per ora noi studenti e ricercatori siamo coperti dall'università e i fondi arrivano dall'Ue – spiega Davide via Skype – Ma, con la Brexit, i soldi non arriveranno più e il sistema cambierà". Nessuno, però, sa spiegare come. "L'Unione Europea finanzia tutti i dottorati come il mio e innumerevoli progetti di ricerca. Sarebbe un peccato se questi non dovessero essere portati avanti", continua. Davide, come tanti altri, si è confrontato sull'argomento. Sotto il Big Ben non si parla d'altro. "L'impressione – azzarda – è che la maggioranza degli inglesi abbia votato ‘di pancia', abbia optato per il ‘leave' per la paura dell'immigrazione". Lui, che spiega di non aver mai vissuto in una città così ‘cosmopolita' e di averla scelta anche per questo, ha cercato di informarsi, di capire qualcosa in più su questa Brexit. E l'ha fatto con i suoi compagni di laboratorio: cinesi, russi, greci, iraniani. Di inglese ‘doc' ce n'è solo uno.
Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità