Post Brexit: "E ora sono un immigrato"

| Sogni e timori degli studenti universitari italiani da anni a Londra

+ Miei preferiti
Il Regno Unito divorzia dall'Unione Europea. Lo hanno deciso gli inglesi, il 26 giugno scorso, con un referendum e così ieri l'ambasciatore britannico Tim Barrow ha consegnato al presidente del consiglio Ue Donald Tusk una lettera in cui Londra ufficializza la sua intenzione di lasciare l'Europa. Ha vinto il ‘leave', ha perso il ‘remain'. "Vuoi stare con me? Si, no" e i sudditi della Regina hanno scelto il ‘no'. Il popolo è sovrano, non si torna indietro. Al contrario: si guarda avanti, dritto al 29 marzo 2019, quando l'addio diventerà definitivo. Una rottura in piena regola, questa Brexit. Con tanto di discussioni, polemiche, schieramenti, confronti, discussioni su cosa dare, cosa tenere e come trattare i non inglesi che vivono in Inghilterra, quelli che ci vanno in vacanza, quelli che ci studiano, quelli che ci commerciano. "Mi sono svegliato immigrato", aveva scritto ai suoi amici torinesi, la mattina dopo il referendum, Davide Bella. Lui è uno di quei 250mila italiani, persona più persona meno, che abitano a Londra. 28 anni, laurea in fisica, umorismo pungente anche sugli affari europei. E' partito il 28 aprile 2015 per un dottorato in matematica applicata e ingegneria meccanica: "nel Regno Unito mi pagano bene, trovare un posto in facoltà è più semplice e poi imparo bene l'inglese. E' la lingua europea per eccellenza, mi tornerà utile". La pensava così. Ma adesso le cose sono cambiate e la confusione è il sentimento più diffuso. "Per ora noi studenti e ricercatori siamo coperti dall'università e i fondi arrivano dall'Ue – spiega Davide via Skype – Ma, con la Brexit, i soldi non arriveranno più e il sistema cambierà". Nessuno, però, sa spiegare come. "L'Unione Europea finanzia tutti i dottorati come il mio e innumerevoli progetti di ricerca. Sarebbe un peccato se questi non dovessero essere portati avanti", continua. Davide, come tanti altri, si è confrontato sull'argomento. Sotto il Big Ben non si parla d'altro. "L'impressione – azzarda – è che la maggioranza degli inglesi abbia votato ‘di pancia', abbia optato per il ‘leave' per la paura dell'immigrazione". Lui, che spiega di non aver mai vissuto in una città così ‘cosmopolita' e di averla scelta anche per questo, ha cercato di informarsi, di capire qualcosa in più su questa Brexit. E l'ha fatto con i suoi compagni di laboratorio: cinesi, russi, greci, iraniani. Di inglese ‘doc' ce n'è solo uno.
Mondo
Lacrimogeni a Hong Kong
contro una manifestazione
Lacrimogeni a Hong Kong<br>contro una manifestazione
La polizia antisommossa ha lanciato numerosi gas per disperdere i manifestanti che per il settimo fine settimana consecutivo protestano contro il governo e la Cina
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato