Post Brexit: "E ora sono un immigrato"

| Sogni e timori degli studenti universitari italiani da anni a Londra

+ Miei preferiti
Il Regno Unito divorzia dall'Unione Europea. Lo hanno deciso gli inglesi, il 26 giugno scorso, con un referendum e così ieri l'ambasciatore britannico Tim Barrow ha consegnato al presidente del consiglio Ue Donald Tusk una lettera in cui Londra ufficializza la sua intenzione di lasciare l'Europa. Ha vinto il ‘leave', ha perso il ‘remain'. "Vuoi stare con me? Si, no" e i sudditi della Regina hanno scelto il ‘no'. Il popolo è sovrano, non si torna indietro. Al contrario: si guarda avanti, dritto al 29 marzo 2019, quando l'addio diventerà definitivo. Una rottura in piena regola, questa Brexit. Con tanto di discussioni, polemiche, schieramenti, confronti, discussioni su cosa dare, cosa tenere e come trattare i non inglesi che vivono in Inghilterra, quelli che ci vanno in vacanza, quelli che ci studiano, quelli che ci commerciano. "Mi sono svegliato immigrato", aveva scritto ai suoi amici torinesi, la mattina dopo il referendum, Davide Bella. Lui è uno di quei 250mila italiani, persona più persona meno, che abitano a Londra. 28 anni, laurea in fisica, umorismo pungente anche sugli affari europei. E' partito il 28 aprile 2015 per un dottorato in matematica applicata e ingegneria meccanica: "nel Regno Unito mi pagano bene, trovare un posto in facoltà è più semplice e poi imparo bene l'inglese. E' la lingua europea per eccellenza, mi tornerà utile". La pensava così. Ma adesso le cose sono cambiate e la confusione è il sentimento più diffuso. "Per ora noi studenti e ricercatori siamo coperti dall'università e i fondi arrivano dall'Ue – spiega Davide via Skype – Ma, con la Brexit, i soldi non arriveranno più e il sistema cambierà". Nessuno, però, sa spiegare come. "L'Unione Europea finanzia tutti i dottorati come il mio e innumerevoli progetti di ricerca. Sarebbe un peccato se questi non dovessero essere portati avanti", continua. Davide, come tanti altri, si è confrontato sull'argomento. Sotto il Big Ben non si parla d'altro. "L'impressione – azzarda – è che la maggioranza degli inglesi abbia votato ‘di pancia', abbia optato per il ‘leave' per la paura dell'immigrazione". Lui, che spiega di non aver mai vissuto in una città così ‘cosmopolita' e di averla scelta anche per questo, ha cercato di informarsi, di capire qualcosa in più su questa Brexit. E l'ha fatto con i suoi compagni di laboratorio: cinesi, russi, greci, iraniani. Di inglese ‘doc' ce n'è solo uno.
Mondo
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti