Prima la strage sulla Rambla poi l'auto-bomba tra la folla

| Il piano della cellula, composta da 12 miliziani. Ancora ricercato Younes Abouyaaqou. Volevano far saltare uno dei furgoni imbottito di esplosivo Tatp e di bombole di gas butano

+ Miei preferiti
Lasciamo ai media mainstream il doveroso compito, specie nelle interminabili dirette tv, che si affievoliscono di giorno in giorno ripetendo le stesse notizie, di soffermarsi sui peluche e sui fiori sul selciato, le lettere bilingue di lutto, lo scorrere del fiume di testimonianze inutili. Servono moltissimo a far capire il contesto di un'azione terrorista su vasta scala all'opinione pubblica ma gli investigatori sono già molto oltre. L'impatto emotivo è alle spalle. Il dolore per quanto accaduto è una questione personale di tutta la collettività, anzi non di tutta. Nelle banlieau parigine, nei quartieri "ad alta densità islamica", come Ripoll dove sono nati e cresciuti i gelidi assassini della Rambla, il senso del lutto è silenziosamente e clandestinamente rivolto ai combattenti ragazzini caduti per la jihad.
Illudersi che, descrivendo attraverso i media, questi ventenni come mostri crei una specie di esecrazione-rigetto sall'interno delle comunità e delle enclavi musulmane di terza generazione, sarebbe un grave errore. E' vero, la maggioranza dei musulmani è lontanissima dagli stereotopi creati dall'Isis. I più moralmente danneggiati sono i moderati, stretti in una morsa, da una parte i radicali, dall'altra chi, tra gli europei, fa di ogni erba un fascio, indicando nel Corano la causa stessa della radicalizzazione e la radice del terrorismo. Niente di più falso.
Un'auto-bomba imbottita di Tatp 


Torniamo alle indagini. La cellula di Ripoll, la cittadina satellite di Barcellona dove sono nati e vissuti i marocchini della strage della Rambla e di quella fallita a Cambrils, era costituita da almeno 20-30 attivisti. La punta di diamante erano i 12 che sono passati dalla tastiera ai coltelli, alle bombe (non hanno funzionato, sono esplose per errore prima in un palazzo di AltenarI inducendoli ad agire subito con furgoni e coltelli) ma alle loro spalle decine di altri radicali che li hanno sostenuti nella fase preparatoria e collegamenti con le centrali siriane Isis. A loro i leader avevano promesso una via di fuga, se fossero sopravvissuti all'azione, attraverso i Balcani o l'Italia, per fare tappa in Turchia, ricevere nuovi passaporti e nuove identità e finalmente al sicuro in quel territorio ristretto ancora sotto controllo del Califfato. 
Un piano di morte ambizioso


Intanto la polizia spagnola ha messo a fuoco come si sono svolte le azioni di Barcellona, Cambrils e Artenal. La cellula operante era costituita, secondo gli specialisti dei Mossos d'Esquadra, da 12 elementi tra i 17 e i 34 anni. Tra loro un solo spagnolo, gli altri tutti di origine nordafricana. Il punto di aggregazione la cittadina di Ripoll. Avevano una base ad Alcanar, dove - in una casa abbandonata - stavano cercando di costruire un'auto-bomba in modo artigianale, utilizzando esplosivo Tatp. L'elemento più importante, il fuggitivo Younes Abouyaaqou, marocchino di 22 anni, ora sospettato di essere alla stato alla guida del Van che ha fatto strage sulla Rambla. Ora è il più ricercato in tutta Europa.  L'hanno frequentata per mesi ma nessuno s'era accorto perchè mai quei ragazzi dall'aria tutt'altro che da radicali islamici, trascorrevano tante ore chiusi dentro.
Ucciso un automobilista spagnolo
Di certo i terroristi, che avevano bisogno di un'auto pulita per lasciare la città dopo la strage, hanno sequestrato e ucciso con un fendente alla gola un cittadino spagnolo, Pau Perez, 34 anni, proprietario della Ford Focus usata per raggiungere Cambrils. Il cadavere è stato ritrovato nell'auto, abbandonata non troppo distante da Barcellona.
Nel covo di Altenar, la Scientifica della polizia ha trovato tracce di acetone, perossido di azoto e altre sostanze utilizzate dalle cellule radicali per fabbricare l'esplosivo più usati negli ultimi attentati.Dunque: il piano era complesso e ambizioso. Si articolava su tre azioni distinte. Alle 17 l'attacco sulla Rambla con l'ode dai fare più morti possibile. Due i furgoni. Uno per uccidere, l'altro di appoggio. Poi Cambrils, con le stesse modalità, con la variante dell'intenzione di accoltellare i passanti, la terza a Vic, forse con l'uso di esplosivo. Uno dei furgoni era carico di bombole di gas. Volevano farlo esplodere in mezzo alla folla. Ma non ci sono riusciti. Sino ad imbattersi, al Passo Maritimo di Cambrils, in una pattuglia di Mossos D'Esquadra. Ha sparato solo uno, un sergente, forse una donna (le generalità sono ovviamente segrete) che li ha uccisi tutti. Era usciti dall'auto, armati di coltello, con finte cinture esplosive. Nelle prossime ore, avremo le identità complete dei terroristi eliminati e di chi è ancora ricercato. 


Articoli correlati
Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino