Qualcuno aveva previsto il virus di Wuhan

| Una simulazione molto aderente alla realtà è stata realizzata pochi mesi fa da un’università americana, mentre l’intelligenza artificiale di un laboratorio canadese aveva segnalato per tempo l’arrivo di un pericolo globale dalla Cina

+ Miei preferiti
Più di tre mesi fa, nell’ottobre dello scorso anno, la “John Hopkins University”, antica università privata di Baltimora considerata una delle eccellenze mondiali nella ricerca, ha inviato alla Casa Bianca la simulazione degli effetti di un potenziale virus letale che, drammaticamente, sembra seguire il copione del Coronavirus “Wuhan”. I passaggi ci sono tutti: qualche avvisaglia sottostimata, il contagio silenzioso che permette la diffusione indiscriminata, l’allarme per una possibile pandemia, quando ormai è troppo tardi.

Uno studio scientifico che aveva lo scopo di dimostrare quanto il pianeta fosse impreparato ad uno scenario simile, che prima o poi – statisticamente – avrebbe dovuto affrontare, pagando un prezzo altissimo. Una simulazione di pura fantasia, raccontata prendendo come esempio un virus simile alla tenuta “Sars”, creato in laboratorio da un gruppo terroristico e semplicemente diffuso ad un ristretto numero di persone ignare, che per settimane viaggiano, parlano, frequentano locali, aerei e treni, spargendolo senza sosta a chiunque incrocino sulla loro strada. Quando il pianeta se ne rende conto, inizia una corsa spasmodica al vaccino e allo studio del virus, che muta, cambia, si adatta, sfugge ai controlli lasciando più dubbi che certezze, esattamente come sta facendo il “Wuhan”, di cui non è ancora certa la modalità di trasmissione. Qualcuno dice per via aerea, ma non è certo che toccare un oggetto infetto sia sufficiente per ammalarsi.

La simulazione, volutamente pessimistica per dimostrare la peggiore delle ipotesi, mostra proiezioni devastanti: se entro 20 mesi dalla comparsa del virus non si trova un vaccino, è possibile immaginare 150milioni di morti, il 2% della popolazione mondiale. È chiaro che il lavoro degli scienziati aveva il compito di mostrare il lato scoperto e vulnerabile del mondo, arrivando alla conclusione che l’unica opzione possibile era pensarci per tempo, attrezzarsi, tenersi pronti. Secondo Eric Toner, scienziato del “Center for Health Security” della John Hokpkins University, “Quando sei nel mezzo di una pandemia, le tue opzioni sono molto limitate: la miglior risposta possibile è la pianificazione, agire in anticipo”.

Paragonare tutto questo al caso del virus di Wuhan sarebbe esagerato, anche se è certo che sia stato sottovalutato per intere settimane, viaggiando e arrivando ovunque.

Ma quello dell’università del Maryland non è l’unico studio diffuso in anticipo sul virus. Il 31 dicembre scorso, l’intelligenza artificiale della “BlueDot”, una società canadese specializzata nella simulazione di modelli epidemici, aveva previsto l’arrivo del virus di Wuhan. Una previsione resa possibile da sofisticati calcoli che hanno analizzato bollettini medici e notiziari in 65 lingue diverse, includendo nel calcolo anche la vendita di biglietti aerei e altri mezzi di trasporto con lo scopo di individuare la formazione di possibili focolai. Il risultato, pronto durante la notte di Capodanno, era allarmante e prospettava l’arrivo dall’Oriente di un pericolo sconosciuto di portata mondiale. Il rapporto, pare sia stato snobbato dagli esperti e dalle autorità, che hanno atteso fino al 6 gennaio successivo per iniziare prendere le prime contromisure.

Galleria fotografica
Qualcuno aveva previsto il virus di Wuhan - immagine 1
Qualcuno aveva previsto il virus di Wuhan - immagine 2
Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni