Qualcuno aveva previsto il virus di Wuhan

| Una simulazione molto aderente alla realtà è stata realizzata pochi mesi fa da un’università americana, mentre l’intelligenza artificiale di un laboratorio canadese aveva segnalato per tempo l’arrivo di un pericolo globale dalla Cina

+ Miei preferiti
Più di tre mesi fa, nell’ottobre dello scorso anno, la “John Hopkins University”, antica università privata di Baltimora considerata una delle eccellenze mondiali nella ricerca, ha inviato alla Casa Bianca la simulazione degli effetti di un potenziale virus letale che, drammaticamente, sembra seguire il copione del Coronavirus “Wuhan”. I passaggi ci sono tutti: qualche avvisaglia sottostimata, il contagio silenzioso che permette la diffusione indiscriminata, l’allarme per una possibile pandemia, quando ormai è troppo tardi.

Uno studio scientifico che aveva lo scopo di dimostrare quanto il pianeta fosse impreparato ad uno scenario simile, che prima o poi – statisticamente – avrebbe dovuto affrontare, pagando un prezzo altissimo. Una simulazione di pura fantasia, raccontata prendendo come esempio un virus simile alla tenuta “Sars”, creato in laboratorio da un gruppo terroristico e semplicemente diffuso ad un ristretto numero di persone ignare, che per settimane viaggiano, parlano, frequentano locali, aerei e treni, spargendolo senza sosta a chiunque incrocino sulla loro strada. Quando il pianeta se ne rende conto, inizia una corsa spasmodica al vaccino e allo studio del virus, che muta, cambia, si adatta, sfugge ai controlli lasciando più dubbi che certezze, esattamente come sta facendo il “Wuhan”, di cui non è ancora certa la modalità di trasmissione. Qualcuno dice per via aerea, ma non è certo che toccare un oggetto infetto sia sufficiente per ammalarsi.

La simulazione, volutamente pessimistica per dimostrare la peggiore delle ipotesi, mostra proiezioni devastanti: se entro 20 mesi dalla comparsa del virus non si trova un vaccino, è possibile immaginare 150milioni di morti, il 2% della popolazione mondiale. È chiaro che il lavoro degli scienziati aveva il compito di mostrare il lato scoperto e vulnerabile del mondo, arrivando alla conclusione che l’unica opzione possibile era pensarci per tempo, attrezzarsi, tenersi pronti. Secondo Eric Toner, scienziato del “Center for Health Security” della John Hokpkins University, “Quando sei nel mezzo di una pandemia, le tue opzioni sono molto limitate: la miglior risposta possibile è la pianificazione, agire in anticipo”.

Paragonare tutto questo al caso del virus di Wuhan sarebbe esagerato, anche se è certo che sia stato sottovalutato per intere settimane, viaggiando e arrivando ovunque.

Ma quello dell’università del Maryland non è l’unico studio diffuso in anticipo sul virus. Il 31 dicembre scorso, l’intelligenza artificiale della “BlueDot”, una società canadese specializzata nella simulazione di modelli epidemici, aveva previsto l’arrivo del virus di Wuhan. Una previsione resa possibile da sofisticati calcoli che hanno analizzato bollettini medici e notiziari in 65 lingue diverse, includendo nel calcolo anche la vendita di biglietti aerei e altri mezzi di trasporto con lo scopo di individuare la formazione di possibili focolai. Il risultato, pronto durante la notte di Capodanno, era allarmante e prospettava l’arrivo dall’Oriente di un pericolo sconosciuto di portata mondiale. Il rapporto, pare sia stato snobbato dagli esperti e dalle autorità, che hanno atteso fino al 6 gennaio successivo per iniziare prendere le prime contromisure.

Galleria fotografica
Qualcuno aveva previsto il virus di Wuhan - immagine 1
Qualcuno aveva previsto il virus di Wuhan - immagine 2
Mondo
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo
Navalny è stato avvelenato
Navalny è stato avvelenato
Il sospetto è che si tratti di gas nervino, una sorta di firma dei servizi segreti russi. Il dissidente non sarebbe più in pericolo di vita ma per i medici i danni sul sistema nervoso potrebbero essere permanenti
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Al momento è solo un’indiscrezione giornalistica, senza conferme e smentite, ma si rincorrono nuovamente le voci sulla salute del leader nordcoreano
Il mega-party di Wuhan
Il mega-party di Wuhan
Migliaia di persone della città epicentro del virus riunite per un festival musicale in un acqua-park: nessuna mascherina e neanche distanziamento sociale. La condanna dell’OMS
Thailandia, venti di rivolta
Thailandia, venti di rivolta
Per la prima volta nella storia del Paese la gente è scesa in piazza per chiedere più democrazia e una revisione della monarchia, che ha perso molto del suo ascendente