Quattro ore di boxe a 321 metri di altezza

| È la speciale sessione di allenamento organizzata per il campione del mondo dei massimi Anthony Joshua sulla pista di atterraggio del Burj al-Arab, il luxury-hotel di Dubai

+ Miei preferiti

Ama farsi chiamare "AJ", e contraddirlo non è saggio: un po' per il metro e 98 cm di altezza, un altro per i 115 kg di peso e il resto per le tre corone che si porta sulla testa, una per ognuno dei titoli mondiali di boxe conquistati: IBF, WBA e IBO, categoria pesi massimi. Ecco perché quando Anthony Oluwafemi Olaseni Joshua, questo il suo nome per intero, si è messo in testa di emulare alcuni suoi colleghi sportivi, organizzando la più suggestiva delle sessioni di allenamento, non dev'essere stato facile dirgli di no.

Così è stato: la piattaforma di atterraggio degli elicotteri del lussuosissimo "Burj al-Arab", a 321 metri dal suolo, è diventata per un giorno la sua palestra d'allenamento, esattamente come prima di lui avevano fatto Tiger Woods, Rory Mcllroy, Roger Federer e Andre Agassi.

La tabella di allenamento di Anthony è imbarazzante per qualsiasi altro esponente del genere umano: quando si avvicinano gli incontri, ovvero sempre, AJ manda giù 5.000 calorie al giorno, necessarie per reggere alle quattro ore di allenamento quotidiano, che filma e regolarmente posta su Instagram.

L'ennesimo campione sopra le righe

Che Anthony Joshua sia un personaggio è risaputo: inglese di Watford con origini nigeriane, classe 1989, un passato con qualche pagina da dimenticare e una scalata vertiginosa nella stratosfera della boxe non gli bastano, perché ha in mente ben altro: riscrivere per intero la storia del pugilato. Per tanti è il nuovo Tyson: è un ragazzo con la testa calda e la rissa facile che impara a tirare di boxe a 18 anni, tirato sul ring dal cugino, uno dei tanti che non sa più cosa inventarsi per dargli qualche regola. Neanche quattro anni dopo porta a casa l'oro alle Olimpiadi di Londra.

Nel 2013 entra nel professionismo, ma più che altro macina venti incontri, tutti finiti con un ko. In mezzo, nel 2011, un arresto per droga, chiuso con 100 di lavori socialmente utili, e la scoperta di altre discipline che giura lo aiutino a completarsi: il motocross, gli scacchi e i saggi di economia.

Inutile chiedergli dove vuole arrivare, perché non lo sa. O meglio, non sa come spiegare che in questa vita i limiti non ci sono e non ci devono essere. Tanto non c'è nessuno che provi a dirgli di darsi una calmata.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino