Ratodero, Pakistan: la città dei bambini sieropositivi

| Su 1100 persone che hanno contratto il virus dell’Aids, quasi 900 sono bambini. Arrestato un pediatra che riutilizzava la stessa siringa, una prassi da quelle parti assai comune per medici, barbieri e dentisti

+ Miei preferiti
Lo scorso aprile, attraverso un articolo di denuncia firmato dal giornalista Gulbahar Shaikh, il mondo scopre la storia di Ratodero, poverissima città del Pakistan si stima abitata da 230mila persone, diventata di colpo l’epicentro di una sconvolgente epidemia di Aids che non ha precedenti. Circa un migliaio di persone, ma si stima possano essere molte di più visto che solo una parte della popolazione ha accettato di sottoporsi al test, hanno contratto di virus dell’Aids. E di questi, almeno 900 sono bambini al di sotto dei 12 anni.

Il caso è esploso quando numerosi bimbi hanno iniziato ad accusare una febbre altissima contro cui non c’era farmaco in grado di bloccarla. La notizia raggiunge le autorità sanitarie del paese, che preoccupate per quello che sembra l’inizio di un’epidemia dalle conseguenze devastanti inviano una squadra per verificare di cosa si tratti. Sono bastati pochi controlli incrociati per trovare un solo punto in comune: tutti i bimbi erano in cura dallo stesso pediatra. La seconda scoperta, quella più agghiacciante, è che il pediatra in questione, il dottor Muzaffar Ghangro, specializzato nel seguire i bimbi delle famiglie più povere della città, utilizzava da tempo le stesse siringhe. Una negligenza che proprio in questi giorni ha colpito anche la famiglia di Shaikh: dopo il test, è emerso che la figlia più piccola del giornalista, di appena due anni, ha contratto l’Aids.

Muzaffar Ghangro è stato arrestato e accusato di omicidio colposo, ed è ancora in attesa di processo. In un’intervista concessa al “New York Times” si è dichiarato innocente, negando di aver utilizzato le stesse siringhe. Le autorità, in effetti, tendono ad escludere che un numero così alto di contagi possa dipendere dalla negligenza di un solo medico. Un altro rapido controllo è bastato per capire che la prassi di riutilizzare aghi e siringhe non era solo una prassi del dottor Ghangro, ma di molti medici e infermieri, a cui aggiungere barbieri che fanno la stessa cosa con i rasoi e dentisti che non si sognano neanche di sterilizzare gli strumenti. Secondo le stime dell’Unaids, organizzazione delle Nazioni Unite, dal 2010 al 2018 il numero delle persone positive all’Hiv in Pakistan è raddoppiato, salendo a 160mila casi accertati.

Mondo
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria