Riappare la principessa Latifa

| La figlia dello sceicco di Dubai, per cui si sono mosse anche le Nazioni Uniti, è comparsa all’improvviso in un paio di foto postate su Instagram. E' la prova che sia ancora in vita, ma non dice nulla sulle sue condizioni

+ Miei preferiti
Una foto in cui appare per la prima volta la principessa Latifa, la figlia dello sceicco di Dubai scomparsa nel nulla dal 2018, è stata pubblicata su un account Instagram. Se sarà appurata la veridicità, potrebbe rappresentare una clamorosa svolta nel mistero che avvolge il caso di Latifa bint Mohammed Al Maktoum, tornata per la prima volta in pubblico da quando ha accusato il padre di tenerla segregata negli Emirati Arabi Uniti dopo un tentativo di fuga. Una versione che lo sceicco Mohammed bin Rashid al Maktoum ha costantemente negato.

Le due immagini, caricate su Instagram due giorni fa su un account che poche ore dopo è stato oscurato, sembrano essere stata scattata al “Mall of the Emirates” di Dubai: mostrano tre donne sorridenti sedute ad un tavolo. Alle loro spalle la pubblicità del film “Demon Slayer: Mugen Train”, con la scritta “Coming May 13”.

David Haigh, co-fondatore della campagna “Free Latifa”, ha commentato: “Confermiamo che ci sono stati diversi sviluppi potenzialmente significativi nella campagna internazionale che si è creata intorno al caso di Latifa. Preferiamo non aggiungere altro in questa fase, ne parleremo al momento opportuno”.

“Supponendo che la foto sia autentica, mostra almeno la prova di vita della principessa, che è già qualcosa, ma in realtà non aggiunge nulla sulle condizioni della sua reclusione o della sua libertà”, ha aggiunto Kenneth Roth di “Human Rights Watch”.

Lo scorso aprile, i rappresentati per i diritti umani delle Nazioni Unite hanno nuovamente chiesto al governo degli Emirati Arabi Uniti di fornire “informazioni significative” sulle condizioni della principessa.

Latifa, uno dei 25 figli dello sceicco Mohammed bin Rashid al Maktoum, ha tentato di fuggire da Dubai nel febbraio 2018. In un video registrato poco prima di partire, spiegava che la sua vita era fortemente condizionata: “Non lascio il mio Paese dal 2000: ho chiesto molte volte di poter viaggiare e studiare, di fare qualsiasi cosa fosse normale. Ma non me lo permettono”.

La fuga è andata male: otto giorni dopo un audace viaggio in mare attraverso l’Oceano Indiano, il piccolo gruppo che ha organizzato la fuga è stato intercettato da un commando che ha prelevato Latifa con la forza e riportata a Dubai. Per il padre si è trattato di “una missione di salvataggio”.

Nel febbraio 2021, la BBC ha trasmesso alcuni brevi video registrati segretamente dalla principessa, insieme a diversi appelli e richieste di aiuto inviati ad amici all’estero, in cui Latifa raccontava le fasi della sua cattura e la prigionia dopo il ritorno a Dubai. Secondo i racconti, la principessa sarebbe stata tenuta in isolamento in una non meglio precisata residenza di famiglia, senza alcuna possibilità di supporto medico, con finestre e porte sbarrate e costantemente sorvegliata dalla polizia.

Galleria fotografica
Riappare la principessa Latifa - immagine 1
Mondo
Le promesse ambientali del G7
Le promesse ambientali del G7
I leader mondiali hanno concordato sull’urgenza di agire per salvare il pianeta. Ma senza fatti concreti: a quattro mesi dal COP 26 mancano ancora date e strategie
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
Un’inchiesta top secret svelata dai media avrebbe individuato 150 dipendenti della compagnia aerea australiana appartenenti a gang di bikers attive nel traffico di stupefacenti
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Si tratta per lo più di aborigeni, e alcuni avevano pochi anni. La macabra scoperta è arrivata dopo anni di indagini e segnalazioni. Per il premier Trudeau è “una pagina sconcertante nella storia del nostro Paese”
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Saki Sudo, 22 anni, ha ucciso il miliardario 77enne Kosuke Nozaki somministrandogli massicce dosi di droghe stimolanti. La polizia l’ha arrestata dopo anni di indagini
La moglie manesca dell’ambasciatore
La moglie manesca dell’ambasciatore
Xiang Xueqiu, consorte dell’ambasciatore del Belgio in Corea del Sud, ha chiesto l’immunità diplomatica prima di essere accusata di aggressione dalla commessa di un negozio di abbigliamento
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Cinque dipendenti di un colosso farmaceutico che vendevano test in aeroporto, per mesi avrebbero pulito e riconfezionato tamponi nasali e antigenici