Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo

| Un milione di dollari ad un uomo che a 9 anni era stato violentato nel confessionale da padre Gerald Ridsdale, un sacerdote reo confesso di violenza sessuale su decine di bambini

+ Miei preferiti
È un risarcimento record, quello inflitto di un tribunale australiano all’ex sacerdote Gerald Ridsdale, portato alla sbarra da un uomo che nel 1982, quando aveva 9 anni, fu stuprato nel confessionale dall’allora cappellano della “St. Alipius Primary School”, un collegio maschile di Ballarat, nello stato di Victoria. I legali dell’uomo, di cui non sono state rese note le generalità, hanno raggiunto un accordo con la Chiesa cattolica per un risarcimento record, pari a un milione di dollari.

Insieme a Ridsdale, nella denuncia si facevano anche i nomi di Paul Bird, attuale Vescovo di Ballarat, accusato di negligenza e James O’Collins e Ronald Mulkearns, superiori di Ridsdale, nel frattempo passati a miglior vita. A incastrare alle proprie colpe la Chiesa australiana l’ammissione di responsabilità dimostrata dalle indagini della “Royal Commission into Institutional Responses to Child Sexual Abuse”, dopo anni in cui era stato negato con forza che le alte sfere ecclesiastiche fossero a conoscenza delle abitudini di Gerald Ridsdale, autore di almeno 65 aggressioni accertate a minori nell’arco di trent’anni e finito in galera dal 1994 dopo la confessione.

Una sentenza che facilmente creerà un precedente, dando il via ad altre cause simili.

Classe 1934, Gerald Francis Ridsdale, nominato sacerdote della cattedrale di San Patrizio di Ballarat nel 1961, riceve le prime segnalazioni di abusi un paio d’anni dopo l’inizio del sacerdozio. Questo non gli impedisce di cambiare 16 diversi incarichi, violentando bambini e bambine anche con meno di quattro anni di età.

Mondo
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria