Come i troll russi hanno cambiato la storia Usa

| il Congresso rende noti i 3500 post diffusi sulla rete prima delle elezioni presidenziali Usa, creando paure e diffondendo false notizie su armi, rifugiati, accuse a Obama. Utilizzati 146 milioni di profili di americani

+ Miei preferiti

Il Congresso USA ha reso noti di 3.500 annunci e post sui social che sono stati usati dai trolls russi per condizionare tendenze e il dissenso prima e dopo l'elezione degli Stati Uniti di 2016. I post hanno toccato una miriade di questioni, dal controllo delle armi ai rifugiati siriani. Gli annunci - inseriti in modo strategico su Facebook e Instagram, la sua popolare app per la condivisione di foto - hanno colpito anche Hillary Clinton e Donald Trump, i candidati che alla fine si sono candidati per la presidenza. Internet Research Agency finanziata dal Cremlino ha sfruttato la sua rete di hacker digitali per diffondere i post a 146 milioni di americani sulle piattaforme dei social media, secondo il Congresso e Facebook.

Fake news e paure collettive

"Per la prima volta nella storia americana, il candidato principale per il partito democratico è accusato su una piattaforma di volere eliminare la proprietà delle armi da fuoco,,, un annuncio ha detto su una pagina soprannominata "essere patriottico”. Il post che l'accompagna ha raccolto circa 1.000 condivisioni su Facebook in pochi minuti. Post subito condiviso dai troll russi durante il ciclo elettorale 2016 (attraverso la commissione di intelligence della Camera) Gli annunci, condivisi dalla commissione di intelligence della Camera, spesso riportavano in inglese goffo sospetti bizzarre rivolte ai politici, come il presidente Barack Obama. "Obama è sempre stato un semplice pedone nelle mani degli sceicchi arabi", recita un altro post. "I suoi ultimi ordini lo stanno dimostrando. Tutti questi rifugiati, che stiamo per accogliere, sono soldati con un semplice obiettivo. Cercano di terrorizzare la nazione".

"Obama traditore infiltrato"

Un altro post russo che chiama il presidente Obama "traditore in mezzo a noi" (tramite il comitato di intelligence della Camera). ”Hanno cercato di sfruttare le frustrazioni molto reali degli americani e la rabbia per le questioni politiche sensibili al fine di influenzare il pensiero, il voto e il comportamento americano", ha detto il Rep. Adam Schiff, top Democratic della commissione, in una dichiarazione. "L'unico modo per iniziare a inocularci contro un attacco futuro è quello di vedere in prima persona i tipi di messaggi, temi e immagini che i russi usavano per dividerci”. Gli annunci sono stati diffusi da metà 2015 a metà 2017, Facebook ha precisato.

"Abbiamo dato questi annunci al Congresso in modo che potessero comprendere meglio la portata dell'interferenza russa nelle ultime elezioni presidenziali negli Stati Uniti", ha detto Facebook. "Questo non sarà mai un problema risolto perché siamo di fronte ad avversari determinati, creativi e ben finanziati. Ma stiamo facendo progressi costanti".

 

Da allora l'azienda ha rafforzato i controlli sui messaggi di natura politica o di informazione, con il CEO Mark Zuckerberg  deciso a limitare l'ingerenza dei troll russi nelle elezioni future.

 
Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino