Come i troll russi hanno cambiato la storia Usa

| il Congresso rende noti i 3500 post diffusi sulla rete prima delle elezioni presidenziali Usa, creando paure e diffondendo false notizie su armi, rifugiati, accuse a Obama. Utilizzati 146 milioni di profili di americani

+ Miei preferiti

Il Congresso USA ha reso noti di 3.500 annunci e post sui social che sono stati usati dai trolls russi per condizionare tendenze e il dissenso prima e dopo l'elezione degli Stati Uniti di 2016. I post hanno toccato una miriade di questioni, dal controllo delle armi ai rifugiati siriani. Gli annunci - inseriti in modo strategico su Facebook e Instagram, la sua popolare app per la condivisione di foto - hanno colpito anche Hillary Clinton e Donald Trump, i candidati che alla fine si sono candidati per la presidenza. Internet Research Agency finanziata dal Cremlino ha sfruttato la sua rete di hacker digitali per diffondere i post a 146 milioni di americani sulle piattaforme dei social media, secondo il Congresso e Facebook.

Fake news e paure collettive

"Per la prima volta nella storia americana, il candidato principale per il partito democratico è accusato su una piattaforma di volere eliminare la proprietà delle armi da fuoco,,, un annuncio ha detto su una pagina soprannominata "essere patriottico”. Il post che l'accompagna ha raccolto circa 1.000 condivisioni su Facebook in pochi minuti. Post subito condiviso dai troll russi durante il ciclo elettorale 2016 (attraverso la commissione di intelligence della Camera) Gli annunci, condivisi dalla commissione di intelligence della Camera, spesso riportavano in inglese goffo sospetti bizzarre rivolte ai politici, come il presidente Barack Obama. "Obama è sempre stato un semplice pedone nelle mani degli sceicchi arabi", recita un altro post. "I suoi ultimi ordini lo stanno dimostrando. Tutti questi rifugiati, che stiamo per accogliere, sono soldati con un semplice obiettivo. Cercano di terrorizzare la nazione".

"Obama traditore infiltrato"

Un altro post russo che chiama il presidente Obama "traditore in mezzo a noi" (tramite il comitato di intelligence della Camera). ”Hanno cercato di sfruttare le frustrazioni molto reali degli americani e la rabbia per le questioni politiche sensibili al fine di influenzare il pensiero, il voto e il comportamento americano", ha detto il Rep. Adam Schiff, top Democratic della commissione, in una dichiarazione. "L'unico modo per iniziare a inocularci contro un attacco futuro è quello di vedere in prima persona i tipi di messaggi, temi e immagini che i russi usavano per dividerci”. Gli annunci sono stati diffusi da metà 2015 a metà 2017, Facebook ha precisato.

"Abbiamo dato questi annunci al Congresso in modo che potessero comprendere meglio la portata dell'interferenza russa nelle ultime elezioni presidenziali negli Stati Uniti", ha detto Facebook. "Questo non sarà mai un problema risolto perché siamo di fronte ad avversari determinati, creativi e ben finanziati. Ma stiamo facendo progressi costanti".

 

Da allora l'azienda ha rafforzato i controlli sui messaggi di natura politica o di informazione, con il CEO Mark Zuckerberg  deciso a limitare l'ingerenza dei troll russi nelle elezioni future.

 
Mondo
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
In un insolito bagno di umiltà pubblica, il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso la scarsa efficacia della profilassi cinese rispetto agli altri vaccini
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
Kathleen Folbigg è stata condannata per l’omicidio dei suoi quattro figli: ma secondo le più recenti scoperte scientifiche, la causa più probabile sarebbe un’anomalia genetica trasmessa ai bimbi, che ha causato la “morte in culla”