San Francisco, fogna a cielo aperto

| Il Comune istituisce il pronto intervento per ripulire le strade dalle deiezioni umane, record di chiamate. L'analisi del Guardian: centro invaso dagli homeless, ormai una piaga sociale

+ Miei preferiti

di ALBERTO C. FERRO

Nessuna ironia su questa storia che racconta The Guardian in un servizio di Norman Jackson. La città è San Francisco, 837mila abitanti, di cui almeno 10 mila sono homeless. Con tutta una serie di gravi problemi anche igienico sanitari. A parte l’impatto sull’immagine della città da parte di chi la visita per affari  e soprattutto per turismo, ora si sta creando uno spaventoso caso di degrado. Scrive Jackson: “E’ un fatto empirico: San Francisco è il posto più bizzarro dove vivere in questi giorni. La presenza di feci umane sui marciapiedi sono ormai un fenomeno ricorrente; negli ultimi dieci anni, le denunce dei residenti sono aumentate del 400 per cento. La gente ora chiama gi uffici comunali 65 volte al giorno per segnalare il fenomeno, e ci sono stati da gennaio 14.597 interventi. L'anno scorso, l'ingegnere del software Jenn Wong ha anche creato una mappa della San Francisco dei clochard, che mostra la concentrazione di casi in tutta la città…Una città coperta di cacca è così disgustosa che deve essere quasi comica. Ma l'aumento della defecazione delle strade è il simbolo di una tragedia umana. Le persone non si riversano per strada perché hanno improvvisamente dimenticato che cos'è un bagno o l'igiene di base non appresa. I casi fanno parte di un più ampio fallimento della città di fornire per i bisogni fondamentali dei suoi cittadini, e mostrano gli effetti catastrofici, socialmente distruttivi di disuguaglianza incontrollata”.



Eppure, il welfare di San Francisco, città di consolidate tradizioni liberali, tra i più avanzati del mondo, con redditi di sostegno a pioggia, task force per aiutare gli homeless, una sostanziale tolleranza anche da parte dei cittadini di fronte ai problemi sociali, non basta. Il fatto che è stata proprio la rete di assistenza così bene organizzata ad attirare a Frisco migliaia di diseredati da tutto il Paese.

Osserva Jackson: “È impossibile parlare di feci di strada senza parlare di senzatetto. Mentre in realtà non ci sono più persone senza tetto di quanto non ci sia stato in passato, lo sviluppo economico di San Francisco ha avuto un effetto grave sui senzatetto. Lo sviluppo ha spinto gli homeless fuori dagli spazi isolati, e c'è sempre meno spazio per abitarvi… La città sgombera regolarmente le bidonville, inducendo le persone a vagare per la città alla ricerca di un nuovo spazio temporaneo”.

E poi la mancanza di accesso ai servizi igienici. Molte esercizi pubblici e aziende limitano l’uso bagni ai soli clienti, proprio perché non vogliono che le loro strutture siano frequentate dai senzatetto. Ma la "privatizzazione dei bagni" significa che le persone sono lasciate senza posti dove andare. Ci sono anche siti web che offrono consigli su come andare in bagno a San Francisco, ad esempio facendo finta di essere clienti di un market o altro, ma gli homeless sono troppo facilmente ricnoscibili: “La città ha installato 25 piccoli servizi igienici pubblici autopulenti e recentemente ha commissionato una serie di nuovi bagni dall'aspetto futuristico, ma alcune decine di servizi igienici per una città di 870.000 abitanti sono purtroppo insufficienti. L'accesso al bagno deve essere considerato un diritto fondamentale, e vale la pena considerare l'idea di vietare che i servizi igienici siano "solo per i clienti". In una città con ampi spazi pubblici e un impegno per la parità di accesso, nessuno dovrebbe essere costretto a usare la strada come una toilette”, scrive il Gaurdian.

L’analisi va più a fondo ancora: “Anche l'edilizia abitativa in sé è un fattore che contribuisce a creare l’emergenza. San Francisco spende centinaia di milioni di dollari all'anno in iniziative contro i senzatetto, ma è riuscita solo a impedire che il numero dei senzatetto crescesse ulteriormente. Ci sono ancora 7.500 residenti senza fissa dimora che non hanno alcuna possibilità di trovare un alloggio in una città dove un appartamento costa $ 2.500 al mese. Questo tipo di disuguaglianza richiede una soluzione radicale. Dopo tutti i discorsi di incoraggiare a costruire alloggi a prezzi accessibili, un piano migliore può essere semplicemente quello che sia la città stessa a costruire alloggi. Come hanno detto Peter Gowan e Ryan Cooper in un rapporto per il People's Policy Project, "l'edilizia popolare" ha ottenuto una cattiva reputazione nel corso degli anni, ma in parte perché non è mai stata investita in modo adeguato. Gowan e Cooper dicono che la soluzione è più semplice di quanto sembri: le città con crisi abitative devono semplicemente costruire case”.

Poi c’è il tema dell’indifferenza della comunità. Pochi hanno a cuore il miglioramento della vita dei senzatetto. Molti sembrano considerare questa popolazione come un noioso fastidio ma dovrebbero capire di avere un interesse personale per superare questa imbarazzante situazione. Senza dubbio i funzionari della città si sono spaventati, quando un importante convegno medico è stato annullato a causa delle paure degli organizzatori per i senzatetto. Ma ci sono "soluzioni" che semplicemente eliminano il problema - come la proposta di Michael Bloomberg di dare a ogni persona senza fissa dimora un biglietto dell'autobus di sola andata fuori dalla città -. E ci sono soluzioni che effettivamente possono combattere gli effetti della disuguaglianza. M costeranno molto denaro, ed esigono un po 'di sacrificio da parte della città. Ma, evidentemente, nessuno, per ora, sente di doverlo fare.

Galleria fotografica
San Francisco, fogna a cielo aperto - immagine 1
San Francisco, fogna a cielo aperto - immagine 2
San Francisco, fogna a cielo aperto - immagine 3
San Francisco, fogna a cielo aperto - immagine 4
San Francisco, fogna a cielo aperto - immagine 5
San Francisco, fogna a cielo aperto - immagine 6
Mondo
Lacrimogeni a Hong Kong
contro una manifestazione
Lacrimogeni a Hong Kong<br>contro una manifestazione
La polizia antisommossa ha lanciato numerosi gas per disperdere i manifestanti che per il settimo fine settimana consecutivo protestano contro il governo e la Cina
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato