Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti

| Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India

+ Miei preferiti
La vicenda di Jyoti Singh, una studentessa di scienze infermieristiche di 23 anni, ha fatto il giro del mondo. La mattina del 16 dicembre 2012 Jyoti sale sull’autobus di una linea privata di Nuova Delhi insieme ad Awindra Pratap Pande, un amico: il mezzo è quasi vuoto, a parte sei uomini visibilmente ubriachi che iniziano a darle fastidio. L’amico tenta di difenderla, ma finisce a terra tramortito da una valanga di calci e pugni. Jyoti viene trascinata al fondo del bus e violentata ripetutamente con una violenza inaudita: quando i sei sono finalmente soddisfatti, i due giovani sono spogliati e gettati da un finestrino lungo l’autostrada. Soccorsa e portata in ospedale, dove le riscontrano un forte trauma cranico, un arresto cardiaco, infezioni polmonari e danni cerebrali, Jyoti muore pochi giorni dopo il ricovero, mentre Awindra si salva, malgrado le gravissime ferite.

La vicenda fa il giro del mondo e il nome di Jyoti Singh diventa il simbolo della resistenza delle donne indiane, vittime di 40mila casi di stupro violenza ogni anno in base ai dati ufficiali, anche se secondo le organizzazioni umanitarie le cifre reali sono molto più alte, con molte vittime che preferiscono tacere per lo stigma sociale che circonda lo stupro e la totale mancanza di fiducia nel sistema giudiziario indiano.

Il clamore del caso costringe però la polizia a nuove indagini che portano all’arresto della gang: uno si toglie la vita in carcere pochi giorni dopo, un altro, all’epoca minorenne, viene rinchiuso in un riformatorio, mentre gli altri quattro finiscono sotto processo, dove lo scorso dicembre un giudice li ha condannati a morte per impiccagione.

Uno dei quattro, in un’intervista al regista Leslee Udwin, autore di un documentario sul caso, ha rilasciato dichiarazioni agghiaccianti: “Jyoti sarebbe ancora viva se non avesse opposto resistenza: quando una ragazza è vittima di una violenza non dovrebbe reagire. Deve restare in silenzio e aspettare che finisca”. Affermazioni che hanno alzato il livello di rabbia, culminate con manifestazioni di piazza in tutta l’India in cui si chiedeva a gran voce una condanna esemplare per i quattro “mostri”.

L’ennesimo colpo di scena arriva in aula, durante la lettura della sentenza: la madre di uno degli stupratori si è rivolta ad Asha Devi, la mamma di Jyoti, supplicandola di salvare la vita a suo figlio: “Da madre a madre, ti prego di perdonarlo”. “Anch’io avevo una figlia – ha risposto la donna – chiedi al tuo cosa le hanno fatto. Mi dispiace, ma non posso dimenticare e neanche perdonare”.

Akshay Kumar Singh, 31 anni, Pawan Gupta, 25, Vinay Sharma, 26, e Mukesh Singh, 32, saranno giustiziati il 22 gennaio alle 7 del mattino nel carcere di Tihar, a Nuova Delhi. La decisione arriva dopo che la Corte Suprema dell’India ha respinto gli appelli dei quattro stupratori, a cui resta ancora un’ultima possibilità: la richiesta di clemenza, che appare alquanto improbabile. Secondo la mamma di Jyoti, “Questa sentenza rafforzerà la fiducia della gente nel nostro sistema giudiziario. E mia figlia avrà finalmente giustizia”.

Galleria fotografica
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti - immagine 1
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti - immagine 2
Mondo
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo
Navalny è stato avvelenato
Navalny è stato avvelenato
Il sospetto è che si tratti di gas nervino, una sorta di firma dei servizi segreti russi. Il dissidente non sarebbe più in pericolo di vita ma per i medici i danni sul sistema nervoso potrebbero essere permanenti
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Al momento è solo un’indiscrezione giornalistica, senza conferme e smentite, ma si rincorrono nuovamente le voci sulla salute del leader nordcoreano
Il mega-party di Wuhan
Il mega-party di Wuhan
Migliaia di persone della città epicentro del virus riunite per un festival musicale in un acqua-park: nessuna mascherina e neanche distanziamento sociale. La condanna dell’OMS
Thailandia, venti di rivolta
Thailandia, venti di rivolta
Per la prima volta nella storia del Paese la gente è scesa in piazza per chiedere più democrazia e una revisione della monarchia, che ha perso molto del suo ascendente