Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti

| Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India

+ Miei preferiti
La vicenda di Jyoti Singh, una studentessa di scienze infermieristiche di 23 anni, ha fatto il giro del mondo. La mattina del 16 dicembre 2012 Jyoti sale sull’autobus di una linea privata di Nuova Delhi insieme ad Awindra Pratap Pande, un amico: il mezzo è quasi vuoto, a parte sei uomini visibilmente ubriachi che iniziano a darle fastidio. L’amico tenta di difenderla, ma finisce a terra tramortito da una valanga di calci e pugni. Jyoti viene trascinata al fondo del bus e violentata ripetutamente con una violenza inaudita: quando i sei sono finalmente soddisfatti, i due giovani sono spogliati e gettati da un finestrino lungo l’autostrada. Soccorsa e portata in ospedale, dove le riscontrano un forte trauma cranico, un arresto cardiaco, infezioni polmonari e danni cerebrali, Jyoti muore pochi giorni dopo il ricovero, mentre Awindra si salva, malgrado le gravissime ferite.

La vicenda fa il giro del mondo e il nome di Jyoti Singh diventa il simbolo della resistenza delle donne indiane, vittime di 40mila casi di stupro violenza ogni anno in base ai dati ufficiali, anche se secondo le organizzazioni umanitarie le cifre reali sono molto più alte, con molte vittime che preferiscono tacere per lo stigma sociale che circonda lo stupro e la totale mancanza di fiducia nel sistema giudiziario indiano.

Il clamore del caso costringe però la polizia a nuove indagini che portano all’arresto della gang: uno si toglie la vita in carcere pochi giorni dopo, un altro, all’epoca minorenne, viene rinchiuso in un riformatorio, mentre gli altri quattro finiscono sotto processo, dove lo scorso dicembre un giudice li ha condannati a morte per impiccagione.

Uno dei quattro, in un’intervista al regista Leslee Udwin, autore di un documentario sul caso, ha rilasciato dichiarazioni agghiaccianti: “Jyoti sarebbe ancora viva se non avesse opposto resistenza: quando una ragazza è vittima di una violenza non dovrebbe reagire. Deve restare in silenzio e aspettare che finisca”. Affermazioni che hanno alzato il livello di rabbia, culminate con manifestazioni di piazza in tutta l’India in cui si chiedeva a gran voce una condanna esemplare per i quattro “mostri”.

L’ennesimo colpo di scena arriva in aula, durante la lettura della sentenza: la madre di uno degli stupratori si è rivolta ad Asha Devi, la mamma di Jyoti, supplicandola di salvare la vita a suo figlio: “Da madre a madre, ti prego di perdonarlo”. “Anch’io avevo una figlia – ha risposto la donna – chiedi al tuo cosa le hanno fatto. Mi dispiace, ma non posso dimenticare e neanche perdonare”.

Akshay Kumar Singh, 31 anni, Pawan Gupta, 25, Vinay Sharma, 26, e Mukesh Singh, 32, saranno giustiziati il 22 gennaio alle 7 del mattino nel carcere di Tihar, a Nuova Delhi. La decisione arriva dopo che la Corte Suprema dell’India ha respinto gli appelli dei quattro stupratori, a cui resta ancora un’ultima possibilità: la richiesta di clemenza, che appare alquanto improbabile. Secondo la mamma di Jyoti, “Questa sentenza rafforzerà la fiducia della gente nel nostro sistema giudiziario. E mia figlia avrà finalmente giustizia”.

Galleria fotografica
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti - immagine 1
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti - immagine 2
Mondo
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Cinque dipendenti di un colosso farmaceutico che vendevano test in aeroporto, per mesi avrebbero pulito e riconfezionato tamponi nasali e antigenici
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Agiva sul Darkweb e poteva contare su oltre 400mila iscritti in tutto il mondo. Da 3 anni era tenuta sotto controllo dalla polizia tedesca
Il megaconcerto di Wuhan
Il megaconcerto di Wuhan
La città da cui si è diffuso il virus ha ospitato una due giorni di musica che ha attirato 11mila persone, tutte senza mascherine distanziamento
Maradona: il rapporto della commissione medica
Maradona: il rapporto della commissione medica
Gravi carenze nell’assistenza, leggerezza di fronte ai sintomi dell’aggravamento. Le analisi hanno accertato che il grande campione è morto dopo 12 ore di agonia
Russia: Navalnj appare in video
Russia: Navalnj appare in video
Un breve collegamento video in cui è apparso scheletrico, ma ancora combattivo: dopo aver salutato la moglie ha attaccato ancora una volta Putin
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
I forni crematori traboccano, e non c’è neanche il tempo di costruire nuove pire. Mentre arrivano i primi aiuti internazionali, il paese è ginocchio, travolto dal virus che sta colpendo le fasce più giovani della popolazione
L’India travolta dai contagi
L’India travolta dai contagi
Il Paese è allo stremo: mancano posti letto, ossigeno e medicinali, in arrivo da diversi continenti. In Brasile, al contrario, Bolsonaro pronto a mandare l’esercito dove sono state imposte limitazioni che definisce “assurde”
Il Nanggala si è diviso in tre pezzi
Il Nanggala si è diviso in tre pezzi
Il sommergibile indonesiano scomparso mercoledì scorso individuato sul fondale al largo dell’isola di Bali: nessuna speranza per i 53 uomini di equipaggio