Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti

| Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India

+ Miei preferiti
La vicenda di Jyoti Singh, una studentessa di scienze infermieristiche di 23 anni, ha fatto il giro del mondo. La mattina del 16 dicembre 2012 Jyoti sale sull’autobus di una linea privata di Nuova Delhi insieme ad Awindra Pratap Pande, un amico: il mezzo è quasi vuoto, a parte sei uomini visibilmente ubriachi che iniziano a darle fastidio. L’amico tenta di difenderla, ma finisce a terra tramortito da una valanga di calci e pugni. Jyoti viene trascinata al fondo del bus e violentata ripetutamente con una violenza inaudita: quando i sei sono finalmente soddisfatti, i due giovani sono spogliati e gettati da un finestrino lungo l’autostrada. Soccorsa e portata in ospedale, dove le riscontrano un forte trauma cranico, un arresto cardiaco, infezioni polmonari e danni cerebrali, Jyoti muore pochi giorni dopo il ricovero, mentre Awindra si salva, malgrado le gravissime ferite.

La vicenda fa il giro del mondo e il nome di Jyoti Singh diventa il simbolo della resistenza delle donne indiane, vittime di 40mila casi di stupro violenza ogni anno in base ai dati ufficiali, anche se secondo le organizzazioni umanitarie le cifre reali sono molto più alte, con molte vittime che preferiscono tacere per lo stigma sociale che circonda lo stupro e la totale mancanza di fiducia nel sistema giudiziario indiano.

Il clamore del caso costringe però la polizia a nuove indagini che portano all’arresto della gang: uno si toglie la vita in carcere pochi giorni dopo, un altro, all’epoca minorenne, viene rinchiuso in un riformatorio, mentre gli altri quattro finiscono sotto processo, dove lo scorso dicembre un giudice li ha condannati a morte per impiccagione.

Uno dei quattro, in un’intervista al regista Leslee Udwin, autore di un documentario sul caso, ha rilasciato dichiarazioni agghiaccianti: “Jyoti sarebbe ancora viva se non avesse opposto resistenza: quando una ragazza è vittima di una violenza non dovrebbe reagire. Deve restare in silenzio e aspettare che finisca”. Affermazioni che hanno alzato il livello di rabbia, culminate con manifestazioni di piazza in tutta l’India in cui si chiedeva a gran voce una condanna esemplare per i quattro “mostri”.

L’ennesimo colpo di scena arriva in aula, durante la lettura della sentenza: la madre di uno degli stupratori si è rivolta ad Asha Devi, la mamma di Jyoti, supplicandola di salvare la vita a suo figlio: “Da madre a madre, ti prego di perdonarlo”. “Anch’io avevo una figlia – ha risposto la donna – chiedi al tuo cosa le hanno fatto. Mi dispiace, ma non posso dimenticare e neanche perdonare”.

Akshay Kumar Singh, 31 anni, Pawan Gupta, 25, Vinay Sharma, 26, e Mukesh Singh, 32, saranno giustiziati il 22 gennaio alle 7 del mattino nel carcere di Tihar, a Nuova Delhi. La decisione arriva dopo che la Corte Suprema dell’India ha respinto gli appelli dei quattro stupratori, a cui resta ancora un’ultima possibilità: la richiesta di clemenza, che appare alquanto improbabile. Secondo la mamma di Jyoti, “Questa sentenza rafforzerà la fiducia della gente nel nostro sistema giudiziario. E mia figlia avrà finalmente giustizia”.

Galleria fotografica
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti - immagine 1
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti - immagine 2
Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni