Scandalo pedofilia nella Chiesa tedesca

| Uno studio commissionato dalla Conferenza Episcopale In Germania, svela un numero impressionante di casi di stupro e violenza perpetrati dal 1946 al 2014. Ma quasi nessuno dei preti coinvolti ha avuto conseguenze

+ Miei preferiti
La pubblicazione ufficiale del rapporto commissionato dalla Conferenza Episcopale tedesca alle università di Mannheim, Heidelber e Giessen, era prevista per la fine di settembre. Ma il quotidiano “Spiegel” è riuscito ad anticipare una parte dei contenuti, sufficiente a dare un quadro dai numeri allarmanti: fra il 1946 ed il 2014, quasi 3.700 minori sarebbero stati molestati e abusati da preti cattolici tedeschi.

In Germania è la notizia del momento, un polverone mediatico che fa discutere e un coro di voci indignate che si chiedono il perché di tanti anni di silenzi e insabbiamenti. Per il Vaticano, decisamente in affanno, l’ennesimo capitolo nell’ormai voluminoso libro dei casi di pedofilia, perversione che sembra annidarsi proprio dove non avrebbe dovuto mai esserci.

Le cifre, ancora una volta, rendono meglio delle parole: in 70 anni, 1.670 preti avrebbero abusato sessualmente di 3.677 minori. Per la maggioranza ragazzini con meno di 13 anni, e in un caso su sei si parla di stupro e violenza sessuale.

Lo studio riguarda il 4% dei sacerdoti attivi in Germania e sull’analisi di 38mila documenti di 27 diocesi tedesche: una piccola parte di quelli persi o distrutti, che lascia immaginare proporzioni del fenomeno decisamente più vaste.

Il seguito è perfino peggio: solo il 38% dei casi è diventato oggetto di inchiesta, e di questi la quasi totalità si è chiusa con pochissime conseguenze per i preti incriminati. Qualcuno fu trasferito o spostato ad altro incarico, ma nessuno finì mai per risponderne davanti alla legge.

Stephan Ackermann, portavoce della Conferenza Episcopale tedesca, dichiara la Chiesa “Sconcertata e piena di vergogna. Il fine della ricerca era fare qualcosa nell’interesse delle vittime, permettere alla chiesa stessa di conoscere a fondo gli errori e trovare il modo perché non si ripetano mai più”.

Dal vaticano, al momento, nessuna reazione. Qualche giorno fa, la Sala Stampa Vaticana ha convocato per il prossimo febbraio una riunione delle conferenze episcopali che ha l’obiettivo di proteggere e tutelare i minori.

Mondo
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale