Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane

| Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati

+ Miei preferiti
Logar è una delle 34 provincie dell’Afghanistan: sette distretti e centinaia di villaggi in cui si dividono i 374mila abitanti. Una zona martoriata dalle bombe, dai gruppi terroristici e dai morti che in queste ore è piombata sui media di tutto il mondo per un atroce caso di pedofilia in cui sono emersi gli abusi di più di 500 ragazzi di sei diverse scuole.

Secondo gli attivisti umanitari che casualmente si sono imbattuti su una pagina Facebook in cui erano documentate le violenze, alcune delle vittime sarebbero state assassinate dalle famiglie stesse dopo aver scoperto i volti dei loro figli sui social media. Le morti più recenti risalgono alla scorsa settimana: due ragazzi di 13 e 15 anni assassinati da qualcuno che è ancora senza nome.

A fare la terrificante scoperta alcuni volontari del “The Logar Youth, Social and Civil Institution”, un’organizzazione umanitaria che opera nella regione da 16 anni: dopo aver individuato più di 100 video diffusi sui social media, e sospettando che il numero di vittime possa essere molto più alto, hanno avviato un’indagine in cui sta emergendo che nel giro sarebbero coinvolti decine di insegnanti, dirigenti e funzionari locali di alto rango.

“I ragazzi con cui abbiamo parlato sono di età compresa tra i 14 e i 20 anni e i casi sono stati segnalati in aree considerate relativamente sicure. Questo è uno dei motivi per cui pensiamo che i numeri potrebbero raggiungere proporzioni allarmanti - ha riferito un portavoce – ma la nostra è una corsa contro il tempo, perché pare che i responsabili stiano cercando di coalizzarsi, certi che in caso di azioni legali di fronte alla legge sia meglio far parte di un gruppo piuttosto che dover rispondere in prima persona. Abbiamo anche accertato che molte delle vittime erano vittime di ricatti: costretti a vendere droga o ad attività illegali sotto la minaccia di diffondere le immagini in cui venivano stuprati”.

Un liceale di 18 anni, ha raccontato che uno dei suoi insegnanti l’aveva minacciato di bocciatura, a meno di non mettersi d’accordo per prestazioni sessuali in cambio di bei voti: “Mi diceva ‘non ti servirà più studiare, sarai comunque promosso’. Le vittime migliori erano i ragazzi che arrivavano da famiglie povere”. Un 17enne di Tamim, sarebbe in possesso di alcune registrazioni di conversazioni avute con il preside della sua scuola: “Mi ha detto che mi amava e voleva fare sesso con me”. Tutta la scuola sapeva che il preside aveva attrezzato una stanza nella biblioteca scolastica dove molestava gli studenti maschi dopo la scuola e nei fine settimana. La denuncia dei genitori del giovane ha fatto sì che il preside fosse licenziato, ma ora ricopre una posizione di rilievo presso il Ministero dell’Istruzione afghano.

Secondo un portavoce del dicastero, Nooria Nazhat, “Se ci sono accuse, reclami o segnalazioni sul nostro personale, le autorità giudiziarie hanno il compito e la responsabilità di indagare e punire secondo la legge chi si comporta in modo inappropriato. Ma abbiamo 220.000 insegnanti e non siamo in grado di controllare tutta la loro vita”.

Diversi insegnanti denunciati alla polizia sarebbero stati rilasciati poco dopo, senza alcuna accusa. In compenso, l’organizzazione umanitaria che indaga sul giro di pedofilia avrebbe ricevuto numerose minacce di morte, ma non ha alcuna intenzione di mollare: “L’impunità, leggi assurde e la povertà delle vittime giocano un ruolo fondamentale nell’omertà che avvolge questi crimini. Le vittime provengono dalle fasce più emarginate della società, non hanno alcuna voce e pochissimi sono coloro disposti ad ammettere di aver subito violenza”.

Secondo Patricia Gossman, direttrice per l’Asia di Human Rights Watch: “Esiste una sorta di impunità per lo stupro minorile perché molto spesso i responsabili sono uomini potenti, militari, poliziotti o alti dirigenti statali. Anche se la pratica è stata criminalizzata, troppo spesso la legge non viene applicata”.

L’abuso sessuale maschile è molto diffuso in Afghanistan e le vittime raramente raccontano l’accaduto, perché qualsiasi attenzione o processo successivo può rovinare l’onore della famiglia. “Spesso, le famiglie incolpano le vittime della violenza sessuale invece che i responsabili, non credendo possibile che figure autorevoli possano arrivare a tanto. Questo è il motivo per cui quest’anno non c’è stato un solo processo per stupro maschile e pochi, se non addirittura nessuno, sono quelli degli anni passati. Ma se i bambini non vengono aiutati per tempo ad affrontare un’esperienza fortemente traumatica in cui sono spinti addirittura ad incolpare se stessi, nel giro di pochi anni possono trasformarsi in soggetti violenti affetti da disturbi psichici. Ma i casi sono così numerosi che non c’è alcuna possibilità di aiutare tutti: circa 25 famiglie di ragazzi abusati si sono trasferite in province diverse, ma centinaia di altri non hanno i mezzi per farlo”.

La popolazione afghana, che conta 37 milioni di persone, continua a mancare di supporti psicologici, e più di 18 anni di guerra hanno lasciato gran parte del paese devastato, con lo Stato talebano e quello islamico che continuano a guadagnare territorio. È difficile dire con certezza quanti ragazzi siano stati maltrattati: “La pratica è ancora molto diffusa. In ogni classe in cui siamo stati, qualcuno ha alzato la mano ammettendo di essere stato vittima di abusi sessuali e violenze. Ma fuori dall’aula, negano tutti”.

Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale