QUANDO IL KILLER È UNA DONNA

| Una 26enne apre il fuoco con una pistola contro gli ex colleghi di un centro commerciale del Maryland. Tre morti e quattro feriti gravi. Stava per scadere il suo contratto. Mobilitati centinaia di agenti. Lei si è suicidata

+ Miei preferiti

Forse per banali dissapori con i colleghi una 26enne di colore, Snochia Moseley (nella foto), di Baltimora, ha ucciso tre persone e ferite altre quattro in modo grave, prime di suicidarsi. E’ accaduto nel Maryland, nella città di Aberdeen, all’interno del centro commerciale "Rite Aid" doveva la donna lavorava da un paio di mesi. Snochia Moseley aveva con se una pistola Glock calibro 9 regolarmente denunciata e decine di munizioni. Alcune persone, benché ferite, sono riuscite a fuggire e a mettersi in salvo.  I primi colpi all'esterno, poi ha continuato a sparare, alla fine ha rivolto l'arma contro se se stessa, prima dell'arrivo della polizia: è morta appena giunta in ospedale.

Al momento della sparatoria c’era moltissima gente intenta allo shopping nei negozi e diversi addetti vari reparti. Scene di panico durante l’evacuazione subito dopo i primi spari. Mobilitate forze speciali, la polizia della contea, vigili del fuco e ambulanze, un ingente dispiegamento di forze intervenuto in pochi minuti dal primo allarme. La giovane donna, definita dagli ex colleghi una persona gentile e disponibile, era entrata nel centro commerciale con l’idea di punire, secondo le prime testimonianze, il suo ex manager. Era visibilmente alterata, con un atteggiamento ostile, subito notato da alcuni testimoni. Nel complesso commerciale ci sono decine di negozi, una scuola, una chiesa e appartamenti. "Siamo profondamente rattristati per gli eventi che sono accaduti questa mattina nella la struttura di supporto Liberty, che fa parte del Centro di distribuzione Perryman di Rite Aid ad Aberdeen", scrivono in una nota i responsabili del centro. 



Moseley lavorava con un contratto a termine. I primi colpi li ha esplosi all’esterno del market, poi ha proseguito prendendo di mira, probabilmente a caso, alcuni ex colleghi. Il capo della polizia ha rievocato un’altra strage simile, avvenuta ad ottobre, quando il dipendente di una società edilizia aveva ucciso a colpi di pistola ad Harford tre persone durante un raptus omicidia, definendo l'incidente "un altro evento tragico". Lo sceriffo ha detto ai giornalisti che le forze dell'ordine hanno continuato a pulire e perquisire la struttura di oltre duemila metri quadrati per individuare ulteriori vittime e raccogliere informazioni. La polizia, ha aggiunto, non ha sparato un solo colpo. 

Eric Watson, 33 anni, un testimone oculare, ha detto che la donna, prima di aprire il fuoco, aveva litigato con un uomo, nell’atrio del complesso, vicino a un ristorante. "Non aveva un obiettivo particolare, sparava e basta, senza mirare”. 

In America torna il terrore: tre sparatorie con morti e feriti in pochi giorni. A Middleton, Wisconsin, un uomo ha ferito in modo grave tre persone prima di essere ucciso dalla polizia, all'interno di una società di software. Nella contea di Fayette, in Pennsylvania, un uomo aveva sparato a quattro persone fuori dall'ufficio di un giudice e in un'aula di tribunale affollata, prima di essere abbattuto dagli agenti.

Galleria fotografica
QUANDO IL KILLER È UNA DONNA - immagine 1
QUANDO IL KILLER È UNA DONNA - immagine 2
QUANDO IL KILLER È UNA DONNA - immagine 3
Mondo
La parabola di Aung San Suu Kyi
La parabola di Aung San Suu Kyi
Dal Nobel per la Pace alle accuse di genocidio: l’ex attivista per i diritti umani della Birmania è accusata di non aver fatto nulla per impedire il massacro del popolo Rohingya
White Island, ricerche ancora ferme
White Island, ricerche ancora ferme
I parenti delle vittime e la popolazione locale accusa la polizia di troppa prudenza: l’isola è stata sorvolata da un drone, ma le operazioni di recupero sono ferme fino a data da destinarsi
Vulcano Whakaari: è una strage
Vulcano Whakaari: è una strage
Non ci sono più speranze di ritrovare ancora in vita gli otto dispersi, quasi tutti turisti in visita sull’isola neozelandese. Cinque le vittime accertate, più diversi feriti ricoverati in gravi condizioni. Le loro storie
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
È successo in India, dove Abhijit e Srilakshmi volevano sposarsi ma la differenza di casta ha fatto scattare il divieto delle famiglie. Dopo essere scomparsi per settimane, i corpi dei due giovani sono stati ritrovati in un bosco
Un badge per i giorni del ciclo
Un badge per i giorni del ciclo
È bufera su una catena di grandi magazzini giapponesi, che ha chiesto alle proprie commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale. Un’idea che voleva avere finalità sociali, ma che si è trasformata in un caso internazionale
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Pinkie, una giovane thailandese, si è gettata dal balcone di casa dopo l’ennesimo litigio con la madre. Era reduce da una devastante violenza sessuale di gruppo
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Dopo lunghi mesi di studi, è arrivata la conferma: impossibile recuperare i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard, morti sull’8000 himalayano 8 mesi fa
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis
Dallo striptease alla metanfetamina
Dallo striptease alla metanfetamina
Un’ex spogliarellista australiana , che non passava inosservata, nascondeva dosi di droga nella sua biancheria intima: è accusata di aver fatto almeno 13 viaggi, intascando ogni volta 100mila dollari