Shiori ha vinto la sua battaglia

| Stuprata da un alto dirigente televisivo che ha sempre negato tutto, la giovane giornalista freelance ha vinto la causa in tribunale. Il suo caso ha dato forza al movimento #MeToo giapponese

+ Miei preferiti
La vicenda di Shiori Ito tiene banco da anni nelle pagine di cronaca dei giornali giapponesi: giovane giornalista freelance in cerca di lavoro, Shiori girava senza sosta per le redazioni dei giornali offrendosi come collaboratrice, nella speranza – prima o poi – di arrivare ad un contratto verro. Era andata così anche nel 2015, quando Shiori riesce a mettersi in contatto con Noriyuki Yamaguchi, 53 anni, potente dirigente della rete televisiva “TBS News”, capo della redazione di Washington e per di più amico di vecchia data del premier Shinzo Abe.

Shiori aveva avuto il suo numero da un amico, e dopo uno scambio di sms i due si erano dati appuntamento in un ristorante nel centro per conoscersi di persona e valutare le possibilità di lavoro. Ma poco dopo la ragazza ha un malore: perde i sensi e non ricorda altro. Quando si riprende è ormai il mattino successivo: si ritrova in una camera d’albergo con accanto Yamaguchi. Non ricorda nulla, ma perdite e dolori le danno un’unica certezza: è stata violentata. Tornata a casa, Shiori aspetta qualche giorno, poi manda una email al dirigente televisivo, che nega qualsiasi violenza raccontando di essere andati in un albergo di comune accordo dopo aver bevuto un po’ troppo, dove peraltro si sarebbero addormentati poco dopo, senza che fosse successo nulla. Le telecamere di sicurezza dell’hotel raccontano una storia diversa: Shiro era priva di sensi.

La sorpresa più amara, la giovane reporter la riceve dalla polizia, dove presenta una denuncia malgrado gli agenti la sconsiglino, per non rovinare la carriera. Lei insiste, e poche settimane dopo la corte distrettuale di Tokyo respinge le accuse “per insufficienza di prove”.

Relegata al ruolo di bugiarda, additata da tutti come la solita approfittatrice disperata in cerca di denaro facile, Shiori decide di giocare una carta niente affatto semplice, specie in Giappone: raccontare la sua vicenda a tutti, perché si sappia che lei, la vittima, è quella che sta pagando il prezzo più alto, mentre lui, il suo carnefice, è libero di fare ciò che vuole, compreso approfittarsi di altre ragazze come lei.

È un attimo: Shiori Ito diventa il simbolo del movimento #MeToo giapponese, e racconta la sua vicenda decine e decine di volte in apparizioni televisive e incontri pubblici. Solo ora, a quattro anni di distanza dalla violenza subita, Shiori può dire di aver vinto la propria battaglia: poche ore fa, il tribunale distrettuale di Tokyo ha condannato Noriyuki Yamaguchi al pagamento di 3,3 milioni di yen (30mila dollari circa), come risarcimento per essersi approfittato della giovane. A breve, il tribunale comunicherà all’uomo l’entità della pena da scontare.

Nella sentenza, la corte afferma che Shiori è stata “costretta a fare sesso senza alcuna contraccezione mentre era in uno stato di incoscienza assoluta. La querelante continua a subire le conseguenze della violenza con ansia, stress pos-trauma e attacchi di panico”.

Shiori, che ha dovuto anche affrontare un fiume di accuse e di haters dopo la decisione di rendere pubblica la sua esperienza, ha appesto uno striscione con la parola “vittoria” fuori dal tribunale. 

Shiori Ito ha raccontato la sua vicenda nel libro “Black Box”, dove ricostruendo le fasi prima della violenza si è convinta di essere stata vittima della “droga dello stupro”, ma anche che si tratta di una semplice supposizione, perché, malgrado la denuncia, la polizia non ha ritenuto necessario farle fare un prelievo.

Secondo un’indagine del 2017, solo il 4% delle donne giapponesi denuncia casi di violenza. Lo stesso anno, il governo ha rivisto una legge centenaria sullo stupro, innalzando la pena detentiva minima da tre a cinque anni e ampliando la definizione di “vittime di violenza sessuale”.

Galleria fotografica
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 1
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 2
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 3
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 4
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 5
Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale