Shiori ha vinto la sua battaglia

| Stuprata da un alto dirigente televisivo che ha sempre negato tutto, la giovane giornalista freelance ha vinto la causa in tribunale. Il suo caso ha dato forza al movimento #MeToo giapponese

+ Miei preferiti
La vicenda di Shiori Ito tiene banco da anni nelle pagine di cronaca dei giornali giapponesi: giovane giornalista freelance in cerca di lavoro, Shiori girava senza sosta per le redazioni dei giornali offrendosi come collaboratrice, nella speranza – prima o poi – di arrivare ad un contratto verro. Era andata così anche nel 2015, quando Shiori riesce a mettersi in contatto con Noriyuki Yamaguchi, 53 anni, potente dirigente della rete televisiva “TBS News”, capo della redazione di Washington e per di più amico di vecchia data del premier Shinzo Abe.

Shiori aveva avuto il suo numero da un amico, e dopo uno scambio di sms i due si erano dati appuntamento in un ristorante nel centro per conoscersi di persona e valutare le possibilità di lavoro. Ma poco dopo la ragazza ha un malore: perde i sensi e non ricorda altro. Quando si riprende è ormai il mattino successivo: si ritrova in una camera d’albergo con accanto Yamaguchi. Non ricorda nulla, ma perdite e dolori le danno un’unica certezza: è stata violentata. Tornata a casa, Shiori aspetta qualche giorno, poi manda una email al dirigente televisivo, che nega qualsiasi violenza raccontando di essere andati in un albergo di comune accordo dopo aver bevuto un po’ troppo, dove peraltro si sarebbero addormentati poco dopo, senza che fosse successo nulla. Le telecamere di sicurezza dell’hotel raccontano una storia diversa: Shiro era priva di sensi.

La sorpresa più amara, la giovane reporter la riceve dalla polizia, dove presenta una denuncia malgrado gli agenti la sconsiglino, per non rovinare la carriera. Lei insiste, e poche settimane dopo la corte distrettuale di Tokyo respinge le accuse “per insufficienza di prove”.

Relegata al ruolo di bugiarda, additata da tutti come la solita approfittatrice disperata in cerca di denaro facile, Shiori decide di giocare una carta niente affatto semplice, specie in Giappone: raccontare la sua vicenda a tutti, perché si sappia che lei, la vittima, è quella che sta pagando il prezzo più alto, mentre lui, il suo carnefice, è libero di fare ciò che vuole, compreso approfittarsi di altre ragazze come lei.

È un attimo: Shiori Ito diventa il simbolo del movimento #MeToo giapponese, e racconta la sua vicenda decine e decine di volte in apparizioni televisive e incontri pubblici. Solo ora, a quattro anni di distanza dalla violenza subita, Shiori può dire di aver vinto la propria battaglia: poche ore fa, il tribunale distrettuale di Tokyo ha condannato Noriyuki Yamaguchi al pagamento di 3,3 milioni di yen (30mila dollari circa), come risarcimento per essersi approfittato della giovane. A breve, il tribunale comunicherà all’uomo l’entità della pena da scontare.

Nella sentenza, la corte afferma che Shiori è stata “costretta a fare sesso senza alcuna contraccezione mentre era in uno stato di incoscienza assoluta. La querelante continua a subire le conseguenze della violenza con ansia, stress pos-trauma e attacchi di panico”.

Shiori, che ha dovuto anche affrontare un fiume di accuse e di haters dopo la decisione di rendere pubblica la sua esperienza, ha appesto uno striscione con la parola “vittoria” fuori dal tribunale. 

Shiori Ito ha raccontato la sua vicenda nel libro “Black Box”, dove ricostruendo le fasi prima della violenza si è convinta di essere stata vittima della “droga dello stupro”, ma anche che si tratta di una semplice supposizione, perché, malgrado la denuncia, la polizia non ha ritenuto necessario farle fare un prelievo.

Secondo un’indagine del 2017, solo il 4% delle donne giapponesi denuncia casi di violenza. Lo stesso anno, il governo ha rivisto una legge centenaria sullo stupro, innalzando la pena detentiva minima da tre a cinque anni e ampliando la definizione di “vittime di violenza sessuale”.

Galleria fotografica
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 1
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 2
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 3
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 4
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 5
Mondo
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Pradesh, dove un uomo ha usato una falce per verificare il sesso del bambino che sarebbe nato a breve. Il Paese combatte da tempo contro una disuguaglianza sociale che sta scombinando la parità dei sessi
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia