Shiori ha vinto la sua battaglia

| Stuprata da un alto dirigente televisivo che ha sempre negato tutto, la giovane giornalista freelance ha vinto la causa in tribunale. Il suo caso ha dato forza al movimento #MeToo giapponese

+ Miei preferiti
La vicenda di Shiori Ito tiene banco da anni nelle pagine di cronaca dei giornali giapponesi: giovane giornalista freelance in cerca di lavoro, Shiori girava senza sosta per le redazioni dei giornali offrendosi come collaboratrice, nella speranza – prima o poi – di arrivare ad un contratto verro. Era andata così anche nel 2015, quando Shiori riesce a mettersi in contatto con Noriyuki Yamaguchi, 53 anni, potente dirigente della rete televisiva “TBS News”, capo della redazione di Washington e per di più amico di vecchia data del premier Shinzo Abe.

Shiori aveva avuto il suo numero da un amico, e dopo uno scambio di sms i due si erano dati appuntamento in un ristorante nel centro per conoscersi di persona e valutare le possibilità di lavoro. Ma poco dopo la ragazza ha un malore: perde i sensi e non ricorda altro. Quando si riprende è ormai il mattino successivo: si ritrova in una camera d’albergo con accanto Yamaguchi. Non ricorda nulla, ma perdite e dolori le danno un’unica certezza: è stata violentata. Tornata a casa, Shiori aspetta qualche giorno, poi manda una email al dirigente televisivo, che nega qualsiasi violenza raccontando di essere andati in un albergo di comune accordo dopo aver bevuto un po’ troppo, dove peraltro si sarebbero addormentati poco dopo, senza che fosse successo nulla. Le telecamere di sicurezza dell’hotel raccontano una storia diversa: Shiro era priva di sensi.

La sorpresa più amara, la giovane reporter la riceve dalla polizia, dove presenta una denuncia malgrado gli agenti la sconsiglino, per non rovinare la carriera. Lei insiste, e poche settimane dopo la corte distrettuale di Tokyo respinge le accuse “per insufficienza di prove”.

Relegata al ruolo di bugiarda, additata da tutti come la solita approfittatrice disperata in cerca di denaro facile, Shiori decide di giocare una carta niente affatto semplice, specie in Giappone: raccontare la sua vicenda a tutti, perché si sappia che lei, la vittima, è quella che sta pagando il prezzo più alto, mentre lui, il suo carnefice, è libero di fare ciò che vuole, compreso approfittarsi di altre ragazze come lei.

È un attimo: Shiori Ito diventa il simbolo del movimento #MeToo giapponese, e racconta la sua vicenda decine e decine di volte in apparizioni televisive e incontri pubblici. Solo ora, a quattro anni di distanza dalla violenza subita, Shiori può dire di aver vinto la propria battaglia: poche ore fa, il tribunale distrettuale di Tokyo ha condannato Noriyuki Yamaguchi al pagamento di 3,3 milioni di yen (30mila dollari circa), come risarcimento per essersi approfittato della giovane. A breve, il tribunale comunicherà all’uomo l’entità della pena da scontare.

Nella sentenza, la corte afferma che Shiori è stata “costretta a fare sesso senza alcuna contraccezione mentre era in uno stato di incoscienza assoluta. La querelante continua a subire le conseguenze della violenza con ansia, stress pos-trauma e attacchi di panico”.

Shiori, che ha dovuto anche affrontare un fiume di accuse e di haters dopo la decisione di rendere pubblica la sua esperienza, ha appesto uno striscione con la parola “vittoria” fuori dal tribunale. 

Shiori Ito ha raccontato la sua vicenda nel libro “Black Box”, dove ricostruendo le fasi prima della violenza si è convinta di essere stata vittima della “droga dello stupro”, ma anche che si tratta di una semplice supposizione, perché, malgrado la denuncia, la polizia non ha ritenuto necessario farle fare un prelievo.

Secondo un’indagine del 2017, solo il 4% delle donne giapponesi denuncia casi di violenza. Lo stesso anno, il governo ha rivisto una legge centenaria sullo stupro, innalzando la pena detentiva minima da tre a cinque anni e ampliando la definizione di “vittime di violenza sessuale”.

Galleria fotografica
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 1
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 2
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 3
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 4
Shiori ha vinto la sua battaglia - immagine 5
Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni