Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis

| Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis

+ Miei preferiti
È un caso che è stato paragonato al film del 2003 “Catch Me If You Can” (Prova a prendermi), l’adattamento cinematografico della vita di Frank Abbagnale, truffatore americano che per lungo tempo si è finto pilota della “Pan Am”, con Leonardo DiCaprio e Tom Hanks. L’unica differenza con Rajan Mahbubani, cittadino indiano di 48 anni, è che a lui non è andata bene neanche una volta. L’uomo, un frequent flyer, è stato fermato all’aeroporto internazionale “Indira Gandhi” di Nuova Delhi con addosso una perfetta divisa da pilota della Lufthansa: stava per imbarcarsi su un volo della “AirAsia” in partenza per Calcutta. A dare l’allarme un dipendente della compagnia aerea tedesca, che non avendo mai vista prima l’uomo e notando un certo imbarazzo nelle procedure d’imbarco, ha avvisato la polizia della presenza di un “uomo sospetto vestito come capitano della Lufthansa”. La notizia è giunta alla AirAsia, che ha immediatamente contattato la Lufthansa per verificare l’identità del pilota.

Alla polizia, Mahbubani ha raccontato che era convinto di aver trovato il modo più veloce, efficace e sicuro per superare senza lunghe attese i controlli aeroportuali. Per contro, gli agenti gli hanno svelato che erano già sulle tracce perché era già riuscito a volare travestito da pilota chiedendo un passaggio ai colleghi di altre compagnie, postando le sue imprese su YouTube e TikTok.

È stato arrestato con l’accusa di millantato credito, e rischia una condanna a un anno di reclusione oltre ad una forte sanzione pecuniaria.

Mondo
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria
Il rapporto finale sulla strage di Christchurch
Il rapporto finale sulla strage di Christchurch
In circa 800 pagine emerge che polizia e intelligence erano troppo occupati a prevenire il terrorismo islamico. Ma le condizioni in cui si è sviluppata l’idea del massacro di Brenton Tarrant non sarebbero state comunque prevedibili