Si riapre il cold case di Natalie Wood

| Nuovi indizi e testimonianze getterebbero un’ombra oscura sulla tragica fine dell’attrice, annegata al largo di Los Angeles. I sospetti si concentrano sul marito, l’attore Robert Wagner

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Già allora, nel 1981, la stampa parlò di “morte in circostanze misteriose”. Il 29 novembre di quell’anno, il corpo dell’attrice Natalie Wood fu ritrovato nelle acque intorno all’isola di Catalina: era scomparsa improvvisamente dallo yacht su cui stava veleggiando in compagnia del marito Robert Wagner, oggi 84enne, e dell’attore Christophen Walken, amico di famiglia. Qualcuno aveva ipotizzato un “triangolo” amoroso, ma le perfette deposizioni dei due avevano fugato ogni sospetto. Eppure, malgrado il caso si stato archiviato alla voce “tragica fatalità e morte per annegamento dopo una caduta accidentale”, qualcosa di oscuro nell’aria era sempre rimasto. Ad uno dei più intricati gialli di Hollywood si aggiunge una miniserie per la televisione di Peter Bogdanovich, che nel 2004 getta benzina sui sospetti.

Nel 2011, a trent’anni dalla morte, il caso viene riaperto per dare seguito di accuse verso Robert Wagner rivelate dal comandante dello “Splendour” Dennis Davern, per poi essere richiuso nuovamente l’anno successivo. Si torna a parlare della misteriosa morte della Wood nel 2013, questa volta seguito da una nuova autopsia sui resti dell’attrice che evidenziano alcuni lividi in diverse parti del corpo, compatibili con un’aggressione ma incredibilmente trascurati ai tempi della morte.

Proprio in queste ore, sul caso si stanno concentrando le attenzioni di tutti i media americani, alimentate dall’ammissione ai microfoni della “CBS” del vice sceriffo della contea di Los Angeles, che conferma alcuni nuovi sospetti su Robert Wagner, “L’ultima persona ad averla vista in vita”, secondo i verbali della polizia.

Quanto basta per alla NBC per ridare fiato al comandante Davern: “Per anni ho cercato di rivelare informazioni su quel giorno, ma nessuno mi ha mai ascoltato”. In un libro scritto a quattro mani con un giornalista, il comandante aveva rivelato il violento litigio fra la Wood e Wagner la notte precedente alla scomparsa dell’attrice, concludendo con una verità scomoda: la Wood scomparve all’improvviso quella notte, e Wagner non diede l’allarme. L’indomani, fu lo stesso attore a chiedere di non allertare immediatamente la capitaneria di porto per non destare clamore. Il corpo di Natalie Wood fu ritrovato ore dopo ad un miglio dall’imbarcazione.

Nata nel 1938 a San Francisco da genitori di origine sovietica, Natal’ia Nikolaevna debutta sul palcoscenico a soli cinque anni, ottenendo diversi ruoli già in giovane età per la notevole capacità interpretativa. Lavora con i più bei nomi di Hollywood - Orson Welles, Rex Harrison, James Stewart, John Wayne, Tony Curtis e Bette Davis - ma a consacrarla fra le attrici più interessanti della generazione è “Gioventù bruciata”, al fianco di James Dean. Nel 1961 ottiene il ruolo di interprete femminile nel musical “West Side Story”, poi inizia a diradare le sue apparizioni lavorando per la televisione.

Nel dicembre del 1957 sposa il collega Robert Wagner, da cui divorzia nel 1962. Ci riprova anni dopo con il produttore Richard Grenson, da cui ha una figlia, Natasha. Dopo la fine del secondo matrimonio, risposa Wagner diventando madre per la seconda volta.

Galleria fotografica
Si riapre il cold case di Natalie Wood - immagine 1
Si riapre il cold case di Natalie Wood - immagine 2
Mondo
“L’epidemia crescerà ancora”
“L’epidemia crescerà ancora”
Le previsioni degli esperti parlano di numeri sconcertanti dovuti alla facilità con cui il coronavirus di Wuhan si trasmette. La Cina ha messo in campo tutte le proprie forze, mentre gli Stati Uniti rimpatriano i propri cittadini
La Cina in lockdown
La Cina in lockdown
Per la prima volta nella storia, una metropoli di 11 milioni di abitanti è stata isolata per contenere l’avanzare del coronavirus che spaventa il mondo. Misure drastiche in tutta la Cina e allerta massima anche negli altri Paesi
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India