Si stringe il cerchio sul “mostro di Nantes”

| Xavier Dupont de Ligonnès, unico sospettato per il massacrato della sua famiglia, ha fatto perdere le proprie tracce dall’aprile del 2011. Ma diversi testimoni confermano di averlo visto, facendo scattare un’imponente operazione di polizia

+ Miei preferiti
Questa volta, gli uomini della Gendarmerie sperano di aver messo fine alla fuga infinita di Xavier Dupont de Ligonnès, per tutti “il mostro di Nantes”, l’uomo che nel 2011 ha sterminato la propria famiglia svanendo poi nel nulla.

Secondo alcune fonti, in queste ore sarebbe in corso una vasta perquisizione all’interno del monastero di Saint-Désert-des-Carmes, a Roquebrune-sur-Argens, in Costa Azzurra. A mettere in moto l’operazione di polizia diverse segnalazioni che confermerebbero l’avvistamento dell’uomo vestito da frate, le ultime delle quali risalirebbero a pochi giorni fa, durante una messa celebrata all’interno del monastero. E sospetti resi ancora più credibili dall’ultimo avvistamento del sospettato di cui si abbia notizia, il 14 aprile del 2011, quando la sua immagine fu inquadrata dalle telecamere di videosorveglianza di un bancomat nello stesso paese.

Xavier Dupont de Ligonnès è ricercato da anni per un massacro al momento ancora inspiegabile, protagonista di una vicenda che da anni appassiona la Francia intera: la moglie Agnès e i loro quattro figli, Arthur, Thomas, Anne e Benoit e i loro due cani Labrador, furono ritrovati cadaveri, sepolti sotto la terrazza della casa di famiglia di Nantes.

Fu l’autopsia a stabilire che tutti furono uccisi nel sonno con una carabina, la stessa che Xavier avrebbe avuto in eredità dal padre. Tutti a parte Thomas, l’unico dei figli al momento della strage studente ad Angers, richiamato dal padre e ucciso qualche ora dopo.

Le indagini riescono ad accertare anche diversi punti oscuri nella vita dei coniugi Dupont: ambedue erano originari di Versailles, ma lui di origini nobili. Tirava le fila di una società dalle attività non meglio precisate e divideva il tempo con più di un’amante, ad alcuna delle quali avrebbe chiesto anche denaro in prestito. Risalendo ai siti frequentati dall’uomo, gli inquirenti individuano un forum religioso in cui Xavier, sotto pseudonimo, avrebbe anticipato la decisione di eliminare la sua famiglia: “Sto perdendo la fede, perché Dio ha bisogno che gli si offra la morte di una bestia, un bambino o un figlio?”.

Meno da scoprire sembrava ci fosse sul conto di Agnès, la moglie, bidella in una scuola privata e assidua frequentatrice delle parrocchie di Nantes, dibattuta dalla certezza che suo marito avesse dilapidato tutti i soldi di famiglia. Ma anche lei, con lo pseudonimo di “Agnès44”, sarebbe stata un’assidua frequentatrice di siti per incontri, con particolari predilezioni per i “triangoli” amorosi.

Una follia lucida, quella di Xavier, che in tanti ricordano aver visto rivolgere alla famiglia frasi deliranti su un suo presunto passato nei servizi segreti. Per garantirsi una fuga tranquilla, pochi giorni prima della strage aveva inviato delle lettere alle scuole frequentate dai figli annunciando il trasferimento in Australia, e lo stesso aveva fatto con la scuola in cui lavorava sua moglie, finendo con la disdetta della casa dove vivevano, presa in affitto.

Dopo la scomparsa della famiglia, la polizia fa irruzione nella villetta del centro di Nantes trovando tutto in ordine, chiuso e vuoto, come se chi la occupava fosse realmente partito. Qualche giorno dopo, il 21 aprile, la macabra scoperta: avvolti in sacchi di juta, ricoperti dalla calce e sepolti sotto la veranda, la polizia rinviene i corpi della moglie, dei quattro figli e dei due cani, tutti uccisi con precisi colpi di fucile alla tempia.

Da allora, di Xavier Dupont de Ligonnès si è persa ogni traccia, anche se la polizia è convinta che l’uomo continui a girovagare senza sosta attraverso l’Europa, come confermato dal mandato internazionale spiccato a Lione dall’Interpol.

Nel marzo del 2012, i titolari del ristorante “Il Baluardo”, ben noto ristorante di Mondovì, casualmente gestito da una coppia di origine francese che si era appassionata al caso del mostro di Nantes, denunciano alla polizia che Xavier si è fermato a cena da loro. Dopo aver mangiato, in silenzio e un po’ di fretta, si è congedato dicendo: “Tornerò con la mia famiglia”.

Galleria fotografica
Si stringe il cerchio sul “mostro di Nantes” - immagine 1
Si stringe il cerchio sul “mostro di Nantes” - immagine 2
Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino