"Sono catalano, torno per votare No l'unità del Paese è un valore importante"

| La comunità spagnola in Piemonte alla vigilia del referendum per l'indipendenza della Catalogna

+ Miei preferiti
"Perché voterò NO? Perché per me l'unità della Patria è un valore in cui credo. Sono catalano e rientrerò a Barcellona per il referendum, i miei amici sono quasi tutti indipendentisti ma non sono d'accordo con loro, pur senza nessun fanatismo". Nicolas Duarte ha 36 anni e vive da tempo in Piemonte. Lavora per una multinazionale, è un tifoso del Barcellona e le vacanze "le passo a casa da anni, in un sobborgo della capitale - dice - che per me è il posto più bello del mondo". Ma se il referendum è dichiarato illegale dal governo centrale, perché votare? "La ragione è semplice, il Si prevarrà con alte percentuali ma almeno chi non è d'accordo ha la possibilità di esprimere una sua opinione, e dunque, come tanti altri catalani, se i seggi saranno aperti ci andrò".

Intolleranza. Vero o no che c'è un clima non piacevole nei confronti di chi vorrebbe restare in una nazione unita? "Non esattamente. Lo è per chi ostenta una fede contrapponendola a un'altra. Certo, se qualcuno espone la bandiera nazionale fuori dalla finestra, si espone a gesti di intolleranza, sino ad ora, a parte qualche caso, è stata solo verbale. O se vai a parlare in castigliano (lo spagnolo ufficiale, ndr) nelle enclavi più indipendentiste, non risulterai simpatico, ma non vi immaginate niente di così grave". Nicolas ha frequentato scuole dove il castigliano è insegnato come una lingua straniera, parla abitualmente in catalano e la sua cultura è profondamente radicata nei valori e nelle abituddini locali. Ma giudica negativamente il tifo contrario ai colori spagnoli dei catalani nelle partite della nazionale e in pari modo i fischi ai giocatori catalani da parte del pubblico spagnolo. "Intanto la nostra storia si intreccia nei secoli e la conquista dell'unità del Paese è un valore a cui non si può rinunciare. Ma immaginiamo che la classe dirigente catalana insista ancora con la "Catalexit", quante aziende se ne andranno? L'Europa chiuderà i finanziamenti e i sostegni ai contadini e alle imprese, ci sarà un arretramento generale. La Catalogna deve riaprire un dialogo con il governo centrale per ottenere invece ulteriori possibilità di crescere economicamente, come la creazione di di infrastrutture che non abbiano più solo Madrid come epicentro ma anche Barcellona. Credo in una vera autonomia, che siano restituiti ai Catalani i soldi delle tasse che pagano di più rispetto ad altre regioni". Che succederà domani? "Non lo so, sappiamo che alcuni seggi sono presidiati, che il governo ha mandato la Guardia Civil a chiudere i centri telematici, che ci sono denunce e azioni di polizia. Questo non va bene, e non va bene il clima di radicalizzazione. Il governo centrale agisce però nel rispetto della Costituzione e delle leggi, gli indipendentisti cercano lo scontro finale. Per questo vado a votare, ci sono tante persone che sono contrarie a lasciare la Spagna, ci vuole una testimonianza coraggiosa anche se sarà inutile".


Mondo
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Si tratta di oltre 20 panetti, e secondo la polizia facevano parte di un carico disperso dai trafficanti un anno fa. In crescita nella zona del Pacifico il consumo di cocaina
La foto segnaletica che fa ridere
La foto segnaletica che fa ridere
Visti i tanti commenti cattivi, la polizia del Galles ha avvertito che accanirsi contro qualcuno attraverso i social può avere pesanti ripercussioni
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
I medici legali sono rimasti senza parole: nel corpicino di Sapphire era presente una percentuale di alcol letale
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Uno dei cavi che assicura le 30 cabine del “Sea to Sky Gondola”, è stato manomesso: la scoperta mentre l’impianto era fermo
Ai puma non piacciono i Metallica
Ai puma non piacciono i Metallica
Una giovane canadese ha raccontato di aver messo in fuga un grosso felino selvatico che la seguiva nei boschi alzando il volume al massimo durante un brano scatenato della band heavy metal