"Sono catalano, torno per votare No l'unità del Paese è un valore importante"

| La comunità spagnola in Piemonte alla vigilia del referendum per l'indipendenza della Catalogna

+ Miei preferiti
"Perché voterò NO? Perché per me l'unità della Patria è un valore in cui credo. Sono catalano e rientrerò a Barcellona per il referendum, i miei amici sono quasi tutti indipendentisti ma non sono d'accordo con loro, pur senza nessun fanatismo". Nicolas Duarte ha 36 anni e vive da tempo in Piemonte. Lavora per una multinazionale, è un tifoso del Barcellona e le vacanze "le passo a casa da anni, in un sobborgo della capitale - dice - che per me è il posto più bello del mondo". Ma se il referendum è dichiarato illegale dal governo centrale, perché votare? "La ragione è semplice, il Si prevarrà con alte percentuali ma almeno chi non è d'accordo ha la possibilità di esprimere una sua opinione, e dunque, come tanti altri catalani, se i seggi saranno aperti ci andrò".

Intolleranza. Vero o no che c'è un clima non piacevole nei confronti di chi vorrebbe restare in una nazione unita? "Non esattamente. Lo è per chi ostenta una fede contrapponendola a un'altra. Certo, se qualcuno espone la bandiera nazionale fuori dalla finestra, si espone a gesti di intolleranza, sino ad ora, a parte qualche caso, è stata solo verbale. O se vai a parlare in castigliano (lo spagnolo ufficiale, ndr) nelle enclavi più indipendentiste, non risulterai simpatico, ma non vi immaginate niente di così grave". Nicolas ha frequentato scuole dove il castigliano è insegnato come una lingua straniera, parla abitualmente in catalano e la sua cultura è profondamente radicata nei valori e nelle abituddini locali. Ma giudica negativamente il tifo contrario ai colori spagnoli dei catalani nelle partite della nazionale e in pari modo i fischi ai giocatori catalani da parte del pubblico spagnolo. "Intanto la nostra storia si intreccia nei secoli e la conquista dell'unità del Paese è un valore a cui non si può rinunciare. Ma immaginiamo che la classe dirigente catalana insista ancora con la "Catalexit", quante aziende se ne andranno? L'Europa chiuderà i finanziamenti e i sostegni ai contadini e alle imprese, ci sarà un arretramento generale. La Catalogna deve riaprire un dialogo con il governo centrale per ottenere invece ulteriori possibilità di crescere economicamente, come la creazione di di infrastrutture che non abbiano più solo Madrid come epicentro ma anche Barcellona. Credo in una vera autonomia, che siano restituiti ai Catalani i soldi delle tasse che pagano di più rispetto ad altre regioni". Che succederà domani? "Non lo so, sappiamo che alcuni seggi sono presidiati, che il governo ha mandato la Guardia Civil a chiudere i centri telematici, che ci sono denunce e azioni di polizia. Questo non va bene, e non va bene il clima di radicalizzazione. Il governo centrale agisce però nel rispetto della Costituzione e delle leggi, gli indipendentisti cercano lo scontro finale. Per questo vado a votare, ci sono tante persone che sono contrarie a lasciare la Spagna, ci vuole una testimonianza coraggiosa anche se sarà inutile".


Mondo
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale
Rissa al parlamento di Hong Kong
Rissa al parlamento di Hong Kong
Quattro deputati portati via in barella al temine di una scazzottata scatenata dagli emendamenti di una legge che facilita l’estradizione verso il resto della Cina
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
A 66 anni, Rama X è salito sull’altare per la quarta volta: la fortunata è una ex assistente di volo della Thay Airway. Il paese è in festa
Indonesia: strage di scrutatori
Indonesia: strage di scrutatori
Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa