Sospetto avvelenamento per Alexej Navalny

| Il principale avversario di Putin, ricoverato per una strana reazione allergica, è stato dimesso per quella che i medici hanno definito un’orticaria. Non sono d’accordo un medico e i legali: è stato avvelenato

+ Miei preferiti
Secondo i medici dell’ospedale dove era ricoverato da due giorni, Alexej Navalny, leader dell’opposizione russa, può tornare in carcere: l’attacco di orticaria di cui è stato vittima è ormai in via di guarigione. Il principale oppositore di Putin era stato portato in ospedale per un rigonfiamento del volto, un’infezione all’occhio destro e una forte eruzione cutanea: si pensava inizialmente ad una reazione allergica, ma per la sua portavoce, Kira Yarmysh, per la dottoressa Anastasia Vasilieva, che ha potuto vedere attraverso un vetro il leader dell’opposizione, e per il suo legale, l’avvocato Olga Mikhailova, Alexej Navalny potrebbe essere entrato in contatto di una misteriosa sostanza chimica altamente tossica, una sorta di marchio di fabbrica russo. “Non è un’ipotesi da escludere – ha scritto la dottoressa sui social – un danno alla cute e alle membrane mucose dovuto ad una sostanza chimica non nota. La responsabilità è dei medici dell’ospedale: rimandare Navalny nello stesso posto in cui è probabilmente presente l’agente chimico potrebbe avere conseguenze gravi. Non credo sia giusto, ho fatto quel che potevo per convincere i colleghi che sarebbe stato necessario lasciarlo sotto osservazione per almeno tre giorni, fino ai risultati delle analisi. Ma a causa di ordini ‘dall’alto’, è stato rispedito nel centro di detenzione”.

A rendere ancora più fumosa la situazione ci ha pensato Leonid Volkov, dissidente e collaboratore di Navalny, che ha raccontato di aver avuto i medesimi sintomi dopo aver trascorso alcuni giorni nella stessa cella in cui si trova il leader dell’opposizione russa.

Aleksej Navalny, 43 anni, avvocato, è il segretario del Partito del Progresso ed ha assunto la carica di presidente della Colazione Democratica dopo l’assassinio di Boris Nemcov, ucciso nel febbraio del 2015: sta scontando 30 giorni di reclusione per aver indetto senza autorizzazione una manifestazione di protesta contro l’esclusione di alcuni candidati alle elezioni locali, culminata con oltre 1.000 arresti. È l’ennesima condanna che sconta dal 2011, malgrado sul suo conto si sia espressa la corte europea dei diritti umani, definendo più volte la sua detenzione “arbitraria”.

Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale