Sospetto avvelenamento per Alexej Navalny

| Il principale avversario di Putin, ricoverato per una strana reazione allergica, è stato dimesso per quella che i medici hanno definito un’orticaria. Non sono d’accordo un medico e i legali: è stato avvelenato

+ Miei preferiti
Secondo i medici dell’ospedale dove era ricoverato da due giorni, Alexej Navalny, leader dell’opposizione russa, può tornare in carcere: l’attacco di orticaria di cui è stato vittima è ormai in via di guarigione. Il principale oppositore di Putin era stato portato in ospedale per un rigonfiamento del volto, un’infezione all’occhio destro e una forte eruzione cutanea: si pensava inizialmente ad una reazione allergica, ma per la sua portavoce, Kira Yarmysh, per la dottoressa Anastasia Vasilieva, che ha potuto vedere attraverso un vetro il leader dell’opposizione, e per il suo legale, l’avvocato Olga Mikhailova, Alexej Navalny potrebbe essere entrato in contatto di una misteriosa sostanza chimica altamente tossica, una sorta di marchio di fabbrica russo. “Non è un’ipotesi da escludere – ha scritto la dottoressa sui social – un danno alla cute e alle membrane mucose dovuto ad una sostanza chimica non nota. La responsabilità è dei medici dell’ospedale: rimandare Navalny nello stesso posto in cui è probabilmente presente l’agente chimico potrebbe avere conseguenze gravi. Non credo sia giusto, ho fatto quel che potevo per convincere i colleghi che sarebbe stato necessario lasciarlo sotto osservazione per almeno tre giorni, fino ai risultati delle analisi. Ma a causa di ordini ‘dall’alto’, è stato rispedito nel centro di detenzione”.

A rendere ancora più fumosa la situazione ci ha pensato Leonid Volkov, dissidente e collaboratore di Navalny, che ha raccontato di aver avuto i medesimi sintomi dopo aver trascorso alcuni giorni nella stessa cella in cui si trova il leader dell’opposizione russa.

Aleksej Navalny, 43 anni, avvocato, è il segretario del Partito del Progresso ed ha assunto la carica di presidente della Colazione Democratica dopo l’assassinio di Boris Nemcov, ucciso nel febbraio del 2015: sta scontando 30 giorni di reclusione per aver indetto senza autorizzazione una manifestazione di protesta contro l’esclusione di alcuni candidati alle elezioni locali, culminata con oltre 1.000 arresti. È l’ennesima condanna che sconta dal 2011, malgrado sul suo conto si sia espressa la corte europea dei diritti umani, definendo più volte la sua detenzione “arbitraria”.

Mondo
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Cinque dipendenti di un colosso farmaceutico che vendevano test in aeroporto, per mesi avrebbero pulito e riconfezionato tamponi nasali e antigenici
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Agiva sul Darkweb e poteva contare su oltre 400mila iscritti in tutto il mondo. Da 3 anni era tenuta sotto controllo dalla polizia tedesca
Il megaconcerto di Wuhan
Il megaconcerto di Wuhan
La città da cui si è diffuso il virus ha ospitato una due giorni di musica che ha attirato 11mila persone, tutte senza mascherine distanziamento
Maradona: il rapporto della commissione medica
Maradona: il rapporto della commissione medica
Gravi carenze nell’assistenza, leggerezza di fronte ai sintomi dell’aggravamento. Le analisi hanno accertato che il grande campione è morto dopo 12 ore di agonia
Russia: Navalnj appare in video
Russia: Navalnj appare in video
Un breve collegamento video in cui è apparso scheletrico, ma ancora combattivo: dopo aver salutato la moglie ha attaccato ancora una volta Putin
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
I forni crematori traboccano, e non c’è neanche il tempo di costruire nuove pire. Mentre arrivano i primi aiuti internazionali, il paese è ginocchio, travolto dal virus che sta colpendo le fasce più giovani della popolazione