Starbucks chiude per corsi antirazzismo

| Il 29 maggio, tutti i locali negli Stati Uniti rimarranno chiusi: motivo, una giornata in cui ribadire le policy, i comportamenti e i principi fondanti del colosso

+ Miei preferiti
“Chiuso per corso di aggiornamento antirazzismo”. Potrebbe essere questo, il cartello esposto il prossimo martedì 29 maggio all’ingresso degli oltre 8mila “Starbucks” d’America. Una decisione epocale e populista per tentare di chiudere a doppia mandata le polemiche scatenate dal “caso Philadelphia”, dove due afroamericani sono stati arrestati dalla polizia senza alcun motivo, solo perché secondo i dipendenti avevano utilizzato il bagno senza consumare nulla. Il video che riprende gli agenti ha fatto il giro del mondo, mettendo insieme 9milioni di visualizzazioni.

Immediato, come prima reazione, l’allontanamento del direttore del locale di Philadelphia, seguito da una dichiarazione ufficiale del gruppo: “I nostri locali sono nati per essere delle comunità in cui si entra anche solo per accedere alla rete wifi e lavorare al computer, senza per forza essere costretti a consumare. È da sempre lo spirito con cui abbiamo concepito il format di Starbucks”.

Ma questo non basta ancora, perché casi simili in America possono costare molto cari, specie se si traducono in velocissimi passa parola che invitano a boicottare i locali fino a mandarli a gambe all’aria. Da qui la decisione di Kevin Johnson, numero uno del colosso del caffè, che ha preteso un giorno di sosta per i 175mila dipendenti, con obbligo di partecipare ai corsi antirazzismo interni in cui ribadire e specificare le policy comportamentali del gruppo.

Starbucks nasce a Seattle nel marzo del 1971 dall’idea di Howard Schultz: un locale che offra caffè e prodotti di pasticceria diventando un luogo di ritrovo per studenti. L’azienda prende il nome del primo ufficiale di coperta di “Moby Dick”. Attualmente, la catena è presente in 67 paesi con circa ventimila locali, di cui oltre 12mila negli Stati Uniti.

Mondo
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Pradesh, dove un uomo ha usato una falce per verificare il sesso del bambino che sarebbe nato a breve. Il Paese combatte da tempo contro una disuguaglianza sociale che sta scombinando la parità dei sessi
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso