Grenfell Tower, inferno andata e ritorno

| La peggiore strage del Regno Unito non ha ancora colpevoli: da poco si sono aperte le udienze della commissione d’inchiesta, ma in carcere restano quattro persone, per reati minori. Perfino la May ha chiesto scusa

+ Miei preferiti
La notte del 14 giugno 2017, un anno fa esatto, un incendio divampa all’interno della “Grenfell Tower”, un grattacielo di 24 piani nel quartiere di North Kensington, a Londra. Sul posto accorrono 250 vigili del fuoco e 45 autopompe, ma non c’è niente da fare: i 64 metri della torre diventano un tizzone ardente che brucia per giorni, intrappolando 87 persone. Fra queste anche Marco Gottardi e Gloria Trevisan, due ragazzi italiani che avevano scelto di trasferirsi a Londra per costruire una vita insieme. Restano bloccati al 23eseimo piano: i loro corpi saranno riconosciuti ufficialmente soltanto due mesi dopo.

È un mare di polemiche e accuse che travolge l’intero Regno Unito: si scopre che alla faccia di ogni regola, comprese quelle del buon senso, i rivestimenti esterni della Grenfell, il “grattacielo dei poveri”, immerso in un quartiere fra i più eleganti di Londra, erano stati realizzati con materiali altamente infiammabili. Viene creata una commissione d’inchiesta e da un anno a questa parte si moltiplicano le manifestazioni dei sopravvissuti, che non accettano ritardi e verità di comodo. Da pochi giorni si sono aperte le primissime udienze, con le foto della cucina dell’appartamento numero 16, dove è divampato l’incendio. Sotto accusa finiscono anche i vigili del fuoco, che fra la mezzanotte e 54 minuti e l’una e 26 hanno intimato ai residenti di rimanere chiusi in casa: l’ordine di evacuazione sarebbe arrivato soltanto alle 2:47, quando fuggire era ormai impossibile. Al momento, solamente quattro persone sono state arrestate per reati collegabili all’incendio, ma le accuse nei loro confronti sono molto labili: falsa testimonianza, o poco di più.

Poche ore fa, l’Evening Standard ha pubblicato una lettera di Theresa May, in cui il premier chiede perdono a superstiti e familiari delle vittime per non averli incontrati dopo il rogo.

Il giorno successivo, mentre ancora la colonna di fumo oscurava il cielo di Londra, nasceva spontaneamente il “prayer wall”, un muro che diventa il simbolo della tragedia della Grenfell: lettere, fiori, peluche e foto si accumulano. A dare il via è Jamie Sewell, volontario di un’associazione che da tempo si occupa di salvare i giovani dalle strade. Mentre ancora la Grenfell sta finendo di bruciare, Jamie e i suoi colleghi corrono ad acquistare dei pannelli che possano servire a chi cerca notizie di amici e parenti di cui non sa più nulla. Il giorno dopo, sui pannelli bianchi non c’era quasi più posto: migliaia di messaggi, pensieri, dediche, insieme a oggetti di ogni tipo. Il prayer wall diventa un santuario improvvisato, il posto dove andare a piangere chi non c’è più.

Lo stesso bisogno di fare qualcosa tocca Naeem Brisco, dirigente di un’azienda di design che si sveglia sentendo nell’aria un forte odore di bruciato. Non ci pensa un istante: corre verso l’inferno della Grenfeel e organizza una catena umana di prima assistenza portando acqua e abiti puliti. Maryam Adam viveva nella Grenfell, nell’appartamento accanto a quello dove è scoppiato l’incendio: sono le urla dell’inquilino a svegliarla. Corre via in tempo, si salvano tutti, anche il bimbo che ha in grembo. Arrivare alla Grenfell per lei era stato un successo: dopo gli anni della povertà in Sudan, nel 2008 era riuscita insieme al marito e ai figli a raggiungere Londra. Ora non ha più nulla: tutto da capo. Ma non è quello che le rode l’anima: “Quando vedi qualcuno che chiede aiuto e capisci non puoi fare nulla per lui, in qualche modo ti senti morire anche tu”. Oggi vivono in un alloggio temporaneo, insieme ad altre famiglie. Aspettano, ma non sanno neanche loro cosa.

Anche in Italia, per due famiglie, la vita quella notte è cambiata per sempre. Daniela Burigotto, la mamma di Marco Gottardi, ha trasformato la storia di suo figlio e di Gloria, la sua fidanzata, ne “Il cavaliere e la principessa”, una fiaba. “È la storia di un bambino che diventa cavaliere perché ha forza e coraggio. È la storia di Marco, un bambino molto buono”.

Galleria fotografica
Grenfell Tower, inferno andata e ritorno - immagine 1
Grenfell Tower, inferno andata e ritorno - immagine 2
Grenfell Tower, inferno andata e ritorno - immagine 3
Grenfell Tower, inferno andata e ritorno - immagine 4
Grenfell Tower, inferno andata e ritorno - immagine 5
Grenfell Tower, inferno andata e ritorno - immagine 6
Grenfell Tower, inferno andata e ritorno - immagine 7
Grenfell Tower, inferno andata e ritorno - immagine 8
Grenfell Tower, inferno andata e ritorno - immagine 9
Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni