Strage Las Vegas, le promesse del killer

| Mesi prima della strage (58 morti, centinaia di feriti) Paddock rivelò al suo barbiere l'intenzione di sparare sulla folla di un concerto all'aperto. L'uomo avvertì la polizia. C'era anche la fidanzata: "Lei sarà all'estero al sicuro"

+ Miei preferiti

Un parrucchiere di Las Vegas ha rivelato agli investigatori pochi giorno dopo la strage del Mandaly Park (58 morti, centinaia di feriti del 1 ottobre) che un “cliente di nome Paddock, durante un taglio di capelli avvenuto a giugno o luglio aveva tranquillamente detto che  qualcuno avrebbe sparato in mezzo a una folla che assisteva a un concerto all'aperto, dal casinò attraverso la strada”.

Più tardi nella sala arrivò una donna, e l’hair-stylist l'ha poi riconosciuto nella fidanzata del Paddock, Marilou Danley. "Le ho chiesto: 'Sapete cosa mi dice suo marito? Dice qualcuno spara tra la folla e, lo sai che vuole far male a tanta gente?”. Ma Stephen Paddock intervenne "Mi chiedo di cosa si preoccupa? Lei sarà fuori dal paese”. Infatti Marilou Danley era nelle Filippine durante l’attacco. Il capo della polizia, lo sceriffo Joe Lombardo aveva però precisato che non c’erano accuse penali contro Danley. Era stata definita l'unica persona coinvolta nel caso. Lo stilista ha infine riferito di avere avvertito la polizia sui commenti di quello strano cliente di nome Paddock, ma non si ricordava esattamente quando. La polizia afferma però che non ci sono tracce di una chiamata in quel senso.

Domenica 1 ottobre 2017, Stephen Paddock, come aveva anticipato al parrucchiere di Las Vegas, aveva aperto il fuoco proprio sulla Route 91 Harvest Festival, sulla folla inerme che era nel piazzale. La clamorosa testimonianza è stata rivelata dal Las Vegas Sun, tratta dal dossier di 2100 pagine dedicato alla strage. Polizia ed FBI non hanno rilasciato alcun commento sulle rivelazioni dei media. Non è stato ancora individuato il movente che ha portato Stephen Paddock a fare una strage, la più grave nella storia degli Usa, sparando per 12 minuti con fucili automatici dalla sua stanza d'albergo su un grattacielo. La polizia e l'FBI hanno affermato di ritenere che ha agito da solo, dunque nessun legame con il terrorismo internazionale. 

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità