Strage moschee, sale il numero dei morti

| Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden

+ Miei preferiti
Si aggiorna a 50, il numero delle vittime di Brenton Tarrant, il killer suprematista bianco che ha fatto una strage in due moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda. Uno dei feriti ricoverati dopo l’agguato non ce l’ha fatta. Negli ospedali restano altre 36 persone, molte delle quali in condizioni definite critiche, sospese fra la vita e la morte.

A dare le cifre, nel corso di una conferenza stampa, è stato Mike Bush, capo della polizia, che ha anche confermato di due sospetti arrestati come presunti fiancheggiatori del killer, ma risultati estranei all’agguato.

I corpi delle vittime saranno riconsegnati alle famiglie a partire da oggi, ha invece aggiunto il primo ministro Jacinta Arden. Si tratta di persone di nazionalità diverse, di età compresa fra i 3 ed i 7 anni, 44 uomini e 4 donne, tutti con storie che i media continuano a raccontare: l’aspirante calciatore, i rifugiati che fuggivano dalle guerre che infiammano i loro paesi e bambini di pochi anni.

La premier ha confermato che il suo ufficio ha ricevuto 9 minuti prima della strage “The Great Replacement”, il suo “manifesto”, un documento farneticante lungo 74 pagine. “Il documento non includeva dettagli specifici sulle modalità dell’assalto”, specificando che la email era stata girata ai servizi di sicurezza un paio di minuti dopo. “La polizia è arrivata alla moschea 6 minuti dopo la chiamata all’111, e 36 minuti dopo Tarrant era stato bloccato”.

Ancora una volta, la Arden ha ribadito l’intenzione di cambiare radicalmente la legge sul possesso di armi semiautomatiche, attualmente troppo permissive.

Brenton Tarrant rimarrà in carcere fino all’udienza davanti all’Alta Corte di Christchurch, prevista per i primi giorni di aprile.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Strage moschee, sale il numero dei morti - immagine 1
Mondo
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”