Strage moschee, sale il numero dei morti

| Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden

+ Miei preferiti
Si aggiorna a 50, il numero delle vittime di Brenton Tarrant, il killer suprematista bianco che ha fatto una strage in due moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda. Uno dei feriti ricoverati dopo l’agguato non ce l’ha fatta. Negli ospedali restano altre 36 persone, molte delle quali in condizioni definite critiche, sospese fra la vita e la morte.

A dare le cifre, nel corso di una conferenza stampa, è stato Mike Bush, capo della polizia, che ha anche confermato di due sospetti arrestati come presunti fiancheggiatori del killer, ma risultati estranei all’agguato.

I corpi delle vittime saranno riconsegnati alle famiglie a partire da oggi, ha invece aggiunto il primo ministro Jacinta Arden. Si tratta di persone di nazionalità diverse, di età compresa fra i 3 ed i 7 anni, 44 uomini e 4 donne, tutti con storie che i media continuano a raccontare: l’aspirante calciatore, i rifugiati che fuggivano dalle guerre che infiammano i loro paesi e bambini di pochi anni.

La premier ha confermato che il suo ufficio ha ricevuto 9 minuti prima della strage “The Great Replacement”, il suo “manifesto”, un documento farneticante lungo 74 pagine. “Il documento non includeva dettagli specifici sulle modalità dell’assalto”, specificando che la email era stata girata ai servizi di sicurezza un paio di minuti dopo. “La polizia è arrivata alla moschea 6 minuti dopo la chiamata all’111, e 36 minuti dopo Tarrant era stato bloccato”.

Ancora una volta, la Arden ha ribadito l’intenzione di cambiare radicalmente la legge sul possesso di armi semiautomatiche, attualmente troppo permissive.

Brenton Tarrant rimarrà in carcere fino all’udienza davanti all’Alta Corte di Christchurch, prevista per i primi giorni di aprile.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Strage moschee, sale il numero dei morti - immagine 1
Mondo
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Il caso Cho Jae-beom è forse solo la punta dell’iceberg dell’ambiente sportivo sudcoreano. Ad accusarlo di stupro diverse atlete, fra cui la campionessa di pattinaggio di velocità su pista Shim Suk-hee
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”