Strage moschee, sale il numero dei morti

| Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden

+ Miei preferiti
Si aggiorna a 50, il numero delle vittime di Brenton Tarrant, il killer suprematista bianco che ha fatto una strage in due moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda. Uno dei feriti ricoverati dopo l’agguato non ce l’ha fatta. Negli ospedali restano altre 36 persone, molte delle quali in condizioni definite critiche, sospese fra la vita e la morte.

A dare le cifre, nel corso di una conferenza stampa, è stato Mike Bush, capo della polizia, che ha anche confermato di due sospetti arrestati come presunti fiancheggiatori del killer, ma risultati estranei all’agguato.

I corpi delle vittime saranno riconsegnati alle famiglie a partire da oggi, ha invece aggiunto il primo ministro Jacinta Arden. Si tratta di persone di nazionalità diverse, di età compresa fra i 3 ed i 7 anni, 44 uomini e 4 donne, tutti con storie che i media continuano a raccontare: l’aspirante calciatore, i rifugiati che fuggivano dalle guerre che infiammano i loro paesi e bambini di pochi anni.

La premier ha confermato che il suo ufficio ha ricevuto 9 minuti prima della strage “The Great Replacement”, il suo “manifesto”, un documento farneticante lungo 74 pagine. “Il documento non includeva dettagli specifici sulle modalità dell’assalto”, specificando che la email era stata girata ai servizi di sicurezza un paio di minuti dopo. “La polizia è arrivata alla moschea 6 minuti dopo la chiamata all’111, e 36 minuti dopo Tarrant era stato bloccato”.

Ancora una volta, la Arden ha ribadito l’intenzione di cambiare radicalmente la legge sul possesso di armi semiautomatiche, attualmente troppo permissive.

Brenton Tarrant rimarrà in carcere fino all’udienza davanti all’Alta Corte di Christchurch, prevista per i primi giorni di aprile.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Strage moschee, sale il numero dei morti - immagine 1
Mondo
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Voci e notizie danno il leader nordcoreano ancora ricoverato e nelle mani di un team medico cinese, mentre il suo treno privato è stato avvistato in una località di villeggiatura
Un litigio familiare alla base della strage in Canada
Un litigio familiare alla base della strage in Canada
Sarebbe una delle prime ricostruzioni della strage di Portapique fatta dalla polizia, finita al centro di una polemica per non aver lanciato l’allarme tempestivamente. Una leggerezza costata la vita a 22 persone