Strage moschee, sale il numero dei morti

| Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden

+ Miei preferiti
Si aggiorna a 50, il numero delle vittime di Brenton Tarrant, il killer suprematista bianco che ha fatto una strage in due moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda. Uno dei feriti ricoverati dopo l’agguato non ce l’ha fatta. Negli ospedali restano altre 36 persone, molte delle quali in condizioni definite critiche, sospese fra la vita e la morte.

A dare le cifre, nel corso di una conferenza stampa, è stato Mike Bush, capo della polizia, che ha anche confermato di due sospetti arrestati come presunti fiancheggiatori del killer, ma risultati estranei all’agguato.

I corpi delle vittime saranno riconsegnati alle famiglie a partire da oggi, ha invece aggiunto il primo ministro Jacinta Arden. Si tratta di persone di nazionalità diverse, di età compresa fra i 3 ed i 7 anni, 44 uomini e 4 donne, tutti con storie che i media continuano a raccontare: l’aspirante calciatore, i rifugiati che fuggivano dalle guerre che infiammano i loro paesi e bambini di pochi anni.

La premier ha confermato che il suo ufficio ha ricevuto 9 minuti prima della strage “The Great Replacement”, il suo “manifesto”, un documento farneticante lungo 74 pagine. “Il documento non includeva dettagli specifici sulle modalità dell’assalto”, specificando che la email era stata girata ai servizi di sicurezza un paio di minuti dopo. “La polizia è arrivata alla moschea 6 minuti dopo la chiamata all’111, e 36 minuti dopo Tarrant era stato bloccato”.

Ancora una volta, la Arden ha ribadito l’intenzione di cambiare radicalmente la legge sul possesso di armi semiautomatiche, attualmente troppo permissive.

Brenton Tarrant rimarrà in carcere fino all’udienza davanti all’Alta Corte di Christchurch, prevista per i primi giorni di aprile.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Strage moschee, sale il numero dei morti - immagine 1
Mondo
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale