Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina

| La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni

+ Miei preferiti
L’incubo di Jennifer – non è il suo vero nome, ma almeno il diritto all’anonimato se l’è guadagnato – è iniziato quando aveva appena 11 anni. Era una ragazzina di Telford, Inghilterra, ancora in quell’età di mezzo: troppo presto per essere una donna, troppo tardi per guardare ancora le bambole. Non la pensavano così un gruppo di uomini, che anche in quelle forme indecise di donna hanno visto un oggetto. Giornali e polizia li conoscono bene, hanno agito per quasi quarant’anni nello Shropshire, contea delle Midlands inglesi: di cosa erano capaci l’hanno provato sulla pelle decine di ragazzine, attirate a feste che non esistevano da ragazzini della loro età usati come esche, poi drogate, fatte bere e violentate senza pietà.

Jennifer ha raccontato il suo incubo al “Sunday Mirror”, ed è qualcosa di spaventoso, un pugno nello stomaco. Oggi a 40 anni, è una donna che ha tentato di rifarsi un’esistenza, madre a sua volta di una bambina, ma certe scene dagli occhi non se le toglierà mai. C’era un ragazzo che le piaceva, era simpatico, sorrideva sempre: le presenta un adulto, diceva fosse uno zio a cui era molto legato. È l’inizio di una vicenda agghiacciante durata sette anni, in cui la banda ha preso il controllo della sua esistenza, facendo di lei quello che riteneva più opportuno. Quando si stancavano di abusarne, la portavano in giro mettendola a disposizione di chi voleva approfittarne. Jennifer è convita di essere stata violentata da almeno 500 uomini. Spesso erano più di dieci ogni sera.

Fuggire, impossibile: a 11 anni basta sentire poche minacce per rassegnarsi. “Se non facevo quello che volevano loro mi picchiavano. Mi ero convinta che l’unica via d’uscita fosse la morte, ero anche andata alla polizia ma si rifiutavano di ascoltarmi”. Tornava a casa ogni sera e non raccontava niente, perché le avevano detto se lo fai uccidiamo tutti. Qualcuno, ricorda Jennifer, ci ha rimesso la pelle. Lucy Lowe, 16 anni, finita nello stesso tunnel, è stata uccisa insieme alla madre e la sorella dall’uomo che l’aveva messa incinta e voleva cancellare ogni prova. Le ha bruciate vive dando fuoco alla casa: arrestato, è stato condannato per omicidio, ma per il calvario che aveva creato prima, la violenza carnale, non ha mai pagato nulla.

L’articolo del Sunday Mirror ha messo sulla graticola la polizia dello Shropshire, costretta ad annunciare un supplemento di indagine, a patto che “qualcuno ci fornisca maggiori informazioni”. Jennifer è pronta, non vede l’ora di mandare in galera chi le ha rubato l’adolescenza.

Mondo
L’Iraq accoglie Francesco,
il Papa che vuole cambiare la storia
L’Iraq accoglie Francesco,<br>il Papa che vuole cambiare la storia
Poche ore all’inizio del primo viaggio di un Pontefice in una terra martoriata da guerre e terrorismo, dove essere cristiani significa rischiare la vita ogni giorno. Imponenti le misure di sicurezza
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles