Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina

| La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni

+ Miei preferiti
L’incubo di Jennifer – non è il suo vero nome, ma almeno il diritto all’anonimato se l’è guadagnato – è iniziato quando aveva appena 11 anni. Era una ragazzina di Telford, Inghilterra, ancora in quell’età di mezzo: troppo presto per essere una donna, troppo tardi per guardare ancora le bambole. Non la pensavano così un gruppo di uomini, che anche in quelle forme indecise di donna hanno visto un oggetto. Giornali e polizia li conoscono bene, hanno agito per quasi quarant’anni nello Shropshire, contea delle Midlands inglesi: di cosa erano capaci l’hanno provato sulla pelle decine di ragazzine, attirate a feste che non esistevano da ragazzini della loro età usati come esche, poi drogate, fatte bere e violentate senza pietà.

Jennifer ha raccontato il suo incubo al “Sunday Mirror”, ed è qualcosa di spaventoso, un pugno nello stomaco. Oggi a 40 anni, è una donna che ha tentato di rifarsi un’esistenza, madre a sua volta di una bambina, ma certe scene dagli occhi non se le toglierà mai. C’era un ragazzo che le piaceva, era simpatico, sorrideva sempre: le presenta un adulto, diceva fosse uno zio a cui era molto legato. È l’inizio di una vicenda agghiacciante durata sette anni, in cui la banda ha preso il controllo della sua esistenza, facendo di lei quello che riteneva più opportuno. Quando si stancavano di abusarne, la portavano in giro mettendola a disposizione di chi voleva approfittarne. Jennifer è convita di essere stata violentata da almeno 500 uomini. Spesso erano più di dieci ogni sera.

Fuggire, impossibile: a 11 anni basta sentire poche minacce per rassegnarsi. “Se non facevo quello che volevano loro mi picchiavano. Mi ero convinta che l’unica via d’uscita fosse la morte, ero anche andata alla polizia ma si rifiutavano di ascoltarmi”. Tornava a casa ogni sera e non raccontava niente, perché le avevano detto se lo fai uccidiamo tutti. Qualcuno, ricorda Jennifer, ci ha rimesso la pelle. Lucy Lowe, 16 anni, finita nello stesso tunnel, è stata uccisa insieme alla madre e la sorella dall’uomo che l’aveva messa incinta e voleva cancellare ogni prova. Le ha bruciate vive dando fuoco alla casa: arrestato, è stato condannato per omicidio, ma per il calvario che aveva creato prima, la violenza carnale, non ha mai pagato nulla.

L’articolo del Sunday Mirror ha messo sulla graticola la polizia dello Shropshire, costretta ad annunciare un supplemento di indagine, a patto che “qualcuno ci fornisca maggiori informazioni”. Jennifer è pronta, non vede l’ora di mandare in galera chi le ha rubato l’adolescenza.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino