Suor Patricia, l’incubo dei potenti

| Può una suorina di Brooklyn cambiare le scelte strategiche di potenti multinazionali? Certo. L’ha fatto con la ExxonMobil, la Ford e la General Motors. E ora è il turno della Apple

+ Miei preferiti

Ha l’aria tranquilla, ama da morire i cardigan e l’aria che si respira nella sua Brooklyn, la città alle porte di New York dov’è nata sessant’anni fa. Si chiama Patricia A. Daly, è una suora delle “Dominican Sisters of Caldwell” del New Jersey, ma più che altro lo strenuo difensore dei diritti dell’umanità, spesso calpestati dalle grandi multinazionali nel nome del dollaro.

Suor Patricia studia alla “Sacred Heart University”, dove fra matematica e storia si parla anche dei problemi del pianeta, allora concentrati sul Vietnam e la violenza che domina i ghetti delle metropoli americane. Terminati gli studi si unisce alle suore del New Jersey, e siccome ha stoffa e nessuna paura di alzare la voce e sbattere i pugni, un sacerdote la vuole ai vertici del “TriState Coalition for Responsible Investment”, organizzazione che gestisce 200 miliardi di dollari di investitori cattolici.

Da quel momento, le sue battaglie puntano ovunque ci sia un sopruso, e più chi ha di fronte è grande e grosso, più Patricia mostra i muscoli. Succede con la Ford e la General Motors, costretti da un lato ad elargire diritti migliori ai propri dipendenti e dall’altro a tenere sempre a mente i cambiamenti climatici. Un copione che si ripete anche con il colosso petrolifero “ExxonMobil”, costretto a scelte aziendali che tengano conto del riscaldamento globale. Basti pensare che alla richiesta di pensare all’ambiente firmata da suor Patricia, si è dovuto piegare perfino Rex Tillerson, segretario di Stato e amministratore delegato del colosso petrolifero.

Questo per essere chiari e per spiegare che, se l’impero Apple sta per varare degli strumenti che proteggano i bambini dagli smartphone, è tutto merito suo, ancora una volta.

Patricia oggi fa parte di “Jana Partners” e del “California State Teacher’s Retirement System”, due fondi che unendo le forze significano due milioni di dollari in azioni Apple. Senza ombra di dubbio, uno dei modi migliori per poter alzare la voce, sicuri che qualcuno all’ascolto ci sia sempre. È andata esattamente così qualche giorno fa, quando i due fondi (di cui per inciso fanno parte anche Sting e sua moglie Trudie Styler) hanno preso carta e penna, scrivendo una lettera inviata a Cupertino, quartier generale del marchio della mela. Nella letterina, una richiesta precisa riferita alla “device addiction”, il rischio di assuefazione e dipendenza dall’iPhone: studiate dei sistemi che tutelino i bambini.

A rispondere a nome dell’azienda, rimbalzando le accuse, è stato Tony Fadell, uno degli ingegneri che ha lavorato allo sviluppo di iPhone e iPod: “Apple ha sempre protetto i bambini, e lavoriamo per creare prodotti che ispirino, intrattengano ed educhino i più piccoli, oltre ad aiutare i genitori con strumenti di protezione online”. Come finirà? Molti dubbi non ce ne sono, perché suor Patricia ‘per contratto’ perdona, ma non dimentica.

Mondo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale
Rissa al parlamento di Hong Kong
Rissa al parlamento di Hong Kong
Quattro deputati portati via in barella al temine di una scazzottata scatenata dagli emendamenti di una legge che facilita l’estradizione verso il resto della Cina
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
A 66 anni, Rama X è salito sull’altare per la quarta volta: la fortunata è una ex assistente di volo della Thay Airway. Il paese è in festa
Indonesia: strage di scrutatori
Indonesia: strage di scrutatori
Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"
Un speranza anche per Manuel
Un speranza anche per Manuel
Un clinico svizzero ha elaborato una tecnica per tentare si superare le lesioni midollari con la tecnica "Stimo". Alcuni pazienti hanno ripreso a camminare. Il caso del nuotatore azzurro sarà esaminato
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden