Svolta nelle indagini per la morte di Nora

| La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza

+ Miei preferiti
Sarebbero clamorosi, i primi risultati dell’autopsia effettuata sul corpo di Nora Quoirin, la quindicenne scomparsa nella giungla malese e ritrovata senza vita dopo due settimane di ricerche. Nora, affetta da disabilità, è probabilmente morta di fame e stress dopo aver trascorso più di una settimana nella giungla. Il capo della polizia Mohammad Mat Yusop ha riferito che Nora potrebbe essere morta “due o tre giorni fa per un’ulcera intestinale, forse causata da una fame prolungata”. Ma a dare una svolta all’indagine sono altre parole: “Al momento non c’è segno di violenza e sequestro, anche se altri test sono ancora in corso”.

Il corpo dell'adolescente londinese è stato trovato al fondo di un ripido burrone martedì scorso da alcuni escursionisti locali, dopo una ricerca durata 10 giorni. Nora era scomparsa durante la notte del 3 agosto dal resort dove alloggiava con la sua famiglia in vacanza, scatenando una grande operazione di ricerca che ha coinvolto oltre 350 persone.

Nei giorni della scomparsa, la madre e il padre di Nora, Meabh e Sebastien Quoirin, hanno detto che poteva trattarsi soltanto di sequestro, perché Nora non si è mai allontanata da sola. 

Mondo
Il coronavirus accelera:
casi raddoppiati in 24 ore
Il coronavirus accelera:<br>casi raddoppiati in 24 ore
Sono oltre 4.500, con 106 morti. Secondo gli esperti di Hong Kong il picco sarà raggiunto fra qualche mese, con 150mila casi al giorno possibili
“L’epidemia crescerà ancora”
“L’epidemia crescerà ancora”
Le previsioni degli esperti parlano di numeri sconcertanti dovuti alla facilità con cui il coronavirus di Wuhan si trasmette. La Cina ha messo in campo tutte le proprie forze, mentre gli Stati Uniti rimpatriano i propri cittadini
La Cina in lockdown
La Cina in lockdown
Per la prima volta nella storia, una metropoli di 11 milioni di abitanti è stata isolata per contenere l’avanzare del coronavirus che spaventa il mondo. Misure drastiche in tutta la Cina e allerta massima anche negli altri Paesi
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua