Svolta nelle indagini per la morte di Nora

| La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza

+ Miei preferiti
Sarebbero clamorosi, i primi risultati dell’autopsia effettuata sul corpo di Nora Quoirin, la quindicenne scomparsa nella giungla malese e ritrovata senza vita dopo due settimane di ricerche. Nora, affetta da disabilità, è probabilmente morta di fame e stress dopo aver trascorso più di una settimana nella giungla. Il capo della polizia Mohammad Mat Yusop ha riferito che Nora potrebbe essere morta “due o tre giorni fa per un’ulcera intestinale, forse causata da una fame prolungata”. Ma a dare una svolta all’indagine sono altre parole: “Al momento non c’è segno di violenza e sequestro, anche se altri test sono ancora in corso”.

Il corpo dell'adolescente londinese è stato trovato al fondo di un ripido burrone martedì scorso da alcuni escursionisti locali, dopo una ricerca durata 10 giorni. Nora era scomparsa durante la notte del 3 agosto dal resort dove alloggiava con la sua famiglia in vacanza, scatenando una grande operazione di ricerca che ha coinvolto oltre 350 persone.

Nei giorni della scomparsa, la madre e il padre di Nora, Meabh e Sebastien Quoirin, hanno detto che poteva trattarsi soltanto di sequestro, perché Nora non si è mai allontanata da sola. 

Mondo
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Il “naso ebreo”, una diceria che si trascina da secoli, è entrata nel linguaggio dei segni di un dizionario online diffuso in Belgio, ma la comunità ebrea ha chiesto di rimuoverlo
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
A Vektor, in Siberia, un incendio sarebbe scoppiato in un’ala di uno dei soli due centri di ricerca dove si custodiscono i virus più letali della storia
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Un uomo neozelandese è accusato di stregoneria: insieme alla moglie, durante un rituale esoterico avrebbe ucciso la famiglia della figlia
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino
Australia: due fantine morte in due giorni
Australia: due fantine morte in due giorni
Melanie Tyndall travolta in gara dal cavallo di un avversario: due giorni prima Mikaela Claridge è stata disarcionata e non si è più rialzata
La battaglia di Saba Kord Afshari
La battaglia di Saba Kord Afshari
La giovane attivista iraniana condannata a 25 anni di carcere per essersi tolta il velo durante le manifestazioni di protesta del “Mercoledì bianco”. Al suo fianco intellettuali e organizzazioni umanitare
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario