Tamagotchi is back!

| Il pulcino virtuale di cui prendersi cura, "must have" degli anni Novanta, sta per tornare, ma i compiti dei "badanti" umani non cambiano: comprarlo significa fare attenzione ad ogni sua esigenza, morale e materiale

+ Miei preferiti

Nel 1996, la Repubblica Ceca entra nell'Unione Europea, un disastroso incendio distrugge "La Fenice", il prestigioso teatro veneziano, si sciolgono i "Take That", la boy-band più celebre del momento, e Damon Hill è campione del mondo di F1. Eppure, la notizia dell'anno non è fra queste, perché il 1996 è quello della nascita del "Tamagotchi", il giochino elettronico da passeggio che richiede impegno e costanza, visto che bisogna occuparsi di un esserino che ha bisogno di tutto, pena morire di stenti. Proprio l'ultimo passaggio, in Italia darà il via a polemiche infinite, capitanate dal capogruppo dei Verdi alla Regione Lazio, che chiede di sequestrare su tutto il territorio nazionale un gioco considerato altamente diseducativo.

Quasi inutile aggiungerlo, alla faccia dei benpensanti, il Tamagotchi diventa la mania del momento: impossibile non averne almeno uno in tasca, spacciando trucchi, consigli e piaceri con gli amici afflitti dallo stesso morbo. Nell'arco di poco più di un decennio, fra il 1996 ed il 2007 arrivano in commercio ben 37 versioni - senza contare l'infilata di videogiochi e pellicole - per un totale di 82 milioni di pezzi venduti in tutto il mondo.

E dire che tutto si deve ad Aki Maita, giovane e timida programmatrice giapponese che propone l'idea alla "Namco Bandai", una holding nipponica lesta a intuire profumo di valuta straniera. Tutto si basa sulla parabola esistenziale di un pulcino, almeno secondo la diceria italiana, anche se in realtà si tratta di una minuscolo "virtual pet" alieno di una specie non meglio definita, che nel nome mescola due termini, uno giapponese e l'altro inglese: "tamago", l'uovo, e "watch", l'orologio. Farlo sopravvivere richiede impegno e un minimo di allenamento con gli unici tre tasti a disposizione: bisogna dargli da mangiare, giocarci, spegnergli la luce per farlo dormire, curarlo se si ammala, pulirgli i bisogni, pesarlo, sgridarlo quando è ora e controllare se è felice o triste, perché sarà solo un insieme di impulsi elettronici, ma rischia l'esaurimento e perfino la depressione.

Ma dopo essere svanito nel nulla, Tamagotchi è pronto a tornare. Ad annunciarlo la "Bandai Namco", nuova ragione della medesima azienda di allora, che per celebrare i vent'anni del loro più grande successo commerciale, sta per immettere sul mercato una nuova generazione di pulcini virtuali. Al grido di "Tamagotchi is back", l'invasione è ripartita dagli scaffali dei negozi giapponesi, dove si vende a circa 15 euro, seguita a ruota da quelli americani, che dagli inizi di novembre possono tornare a curare il pulcino che pulcino non è.

Il Tamagotchi 2017 è più piccolo e disponibile in sei modelli diversi, ma con la stessa confezione di vent'anni fa e i medesimi tre tasti con cui gestire ogni cosa, dalle coccole a problemi di stitichezza.

Mondo
Cina, il nuovo virus potrebbe
aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe<br>aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti
La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong
La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong
La metropoli cinese teme il ripetersi del devastante impatto della Sars: il livello di allarme alzato di grado, con controlli e disinfezioni a tappeto. Quasi 50 i casi accertati finora
Lancia delle monete verso il motore di un aereo, condannato
Lancia delle monete verso il motore di un aereo, condannato
Un cinese di 28 anni ha pensato fosse beneaugurante lanciare monete verso il rotore dell’aereo su cui si stava imbarcando. È stato bloccato, arrestato e condannato a pagare i danni
Australia, la catastrofe del secolo
Australia, la catastrofe del secolo
Il Nuovo Galles del Sud dichiara lo stato di emergenza per 7 giorni, ma sono ormai decine i micidiali incendi boschivi che stanno mettendo in ginocchio il Paese