Tamagotchi is back!

| Il pulcino virtuale di cui prendersi cura, "must have" degli anni Novanta, sta per tornare, ma i compiti dei "badanti" umani non cambiano: comprarlo significa fare attenzione ad ogni sua esigenza, morale e materiale

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Nel 1996, la Repubblica Ceca entra nell'Unione Europea, un disastroso incendio distrugge "La Fenice", il prestigioso teatro veneziano, si sciolgono i "Take That", la boy-band più celebre del momento, e Damon Hill è campione del mondo di F1. Eppure, la notizia dell'anno non è fra queste, perché il 1996 è quello della nascita del "Tamagotchi", il giochino elettronico da passeggio che richiede impegno e costanza, visto che bisogna occuparsi di un esserino che ha bisogno di tutto, pena morire di stenti. Proprio l'ultimo passaggio, in Italia darà il via a polemiche infinite, capitanate dal capogruppo dei Verdi alla Regione Lazio, che chiede di sequestrare su tutto il territorio nazionale un gioco considerato altamente diseducativo.

Quasi inutile aggiungerlo, alla faccia dei benpensanti, il Tamagotchi diventa la mania del momento: impossibile non averne almeno uno in tasca, spacciando trucchi, consigli e piaceri con gli amici afflitti dallo stesso morbo. Nell'arco di poco più di un decennio, fra il 1996 ed il 2007 arrivano in commercio ben 37 versioni - senza contare l'infilata di videogiochi e pellicole - per un totale di 82 milioni di pezzi venduti in tutto il mondo.

E dire che tutto si deve ad Aki Maita, giovane e timida programmatrice giapponese che propone l'idea alla "Namco Bandai", una holding nipponica lesta a intuire profumo di valuta straniera. Tutto si basa sulla parabola esistenziale di un pulcino, almeno secondo la diceria italiana, anche se in realtà si tratta di una minuscolo "virtual pet" alieno di una specie non meglio definita, che nel nome mescola due termini, uno giapponese e l'altro inglese: "tamago", l'uovo, e "watch", l'orologio. Farlo sopravvivere richiede impegno e un minimo di allenamento con gli unici tre tasti a disposizione: bisogna dargli da mangiare, giocarci, spegnergli la luce per farlo dormire, curarlo se si ammala, pulirgli i bisogni, pesarlo, sgridarlo quando è ora e controllare se è felice o triste, perché sarà solo un insieme di impulsi elettronici, ma rischia l'esaurimento e perfino la depressione.

Ma dopo essere svanito nel nulla, Tamagotchi è pronto a tornare. Ad annunciarlo la "Bandai Namco", nuova ragione della medesima azienda di allora, che per celebrare i vent'anni del loro più grande successo commerciale, sta per immettere sul mercato una nuova generazione di pulcini virtuali. Al grido di "Tamagotchi is back", l'invasione è ripartita dagli scaffali dei negozi giapponesi, dove si vende a circa 15 euro, seguita a ruota da quelli americani, che dagli inizi di novembre possono tornare a curare il pulcino che pulcino non è.

Il Tamagotchi 2017 è più piccolo e disponibile in sei modelli diversi, ma con la stessa confezione di vent'anni fa e i medesimi tre tasti con cui gestire ogni cosa, dalle coccole a problemi di stitichezza.

Mondo
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"
Un speranza anche per Manuel
Un speranza anche per Manuel
Un clinico svizzero ha elaborato una tecnica per tentare si superare le lesioni midollari con la tecnica "Stimo". Alcuni pazienti hanno ripreso a camminare. Il caso del nuotatore azzurro sarà esaminato
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran